Getty Images

Clamoroso a Bergamo, l'Atalanta distrugge ed elimina la Juventus: 3-0!

Clamoroso a Bergamo, l'Atalanta distrugge ed elimina la Juventus: 3-0!

Il 30/01/2019 alle 22:40Aggiornato Il 30/01/2019 alle 23:44

I nerazzurri giocano una partita perfetta e conquistano con pieno merito la qualificazione alla semifinale di Coppa Italia: decidono Castagne e la doppietta del solito Zapata. Bianconeri irriconoscibili e quasi mai pericolosi. La squadra di Gasperini affronterà ora la Fiorentina.

È la Coppa Italia dei risultati da leggenda. Dopo Fiorentina-Roma 7-1, Atalanta-Juventus 3-0. No, non è uno scherzo: i bianconeri pigliatutto abbandonano anzitempo uno degli obiettivi stagionali, venendo eliminati con pieno merito dall'allegra brigata guidata da Gian Piero Gasperini, che vola in semifinale dove affronterà la Fiorentina. Uno-due firmato da Castagne e Zapata dal 37' al 39', poi ancora il solito incubo colombiano nel finale: un massacro. Giusto e meritato, come detto. Perché la Juve, semplicemente, non scende in campo. Venendo schiacciata, come già era accaduto domenica in casa della Lazio, da un'Atalanta più vogliosa, più grintosa, fisicamente più brillante e, in generale, capace di portare avanti lo splendido percorso iniziato due campionati e mezzo fa col Gasp in panchina. Senza Chiellini, costretto al cambio dall'ennesimo problema muscolare già nel primo tempo, la squadra di Allegri crolla miseramente. Cristiano Ronaldo e Dybala non pungono, il centrocampo è in balia di quello rivale e la difesa fa acqua da tutte le parti: chiedere per informazioni a Cancelo e De Sciglio, disastrosi. Se la gode invece l'Atalanta, semifinalista per la seconda edizione consecutiva: tra fine febbraio e fine aprile, Gomez e compagni cercheranno l'approdo a una finale che manca da 23 anni.

La cronaca della partita

Per i primi 20 minuti, in campo c'è solo l'Atalanta. I bergamaschi pressano nella metà campo avversaria, recuperano palloni su palloni e si rendono insidiosi con Gomez, de Roon e Djimsiti, tutti poco precisi. La Juventus non punge e Szczesny, al 24', deve allungarsi per deviare un destro del Papu. Doppio cambio un paio di minuti dopo: Chiellini e Ilicic alzano bandiera bianca per infortunio, rimpiazzati rispettivamente da Cancelo (con De Sciglio centrale difensivo) e Pasalic. Al 37' l'Atalanta passa: proprio Cancelo perde un pallone sanguinoso sulla propria trequarti, Castagne recupera e fredda Szczesny dal limite. Ma la burrasca non è finita: 120 secondi dopo Zapata si libera in area e spara sul primo palo la botta del raddoppio. Un uno-due micidiale che fa perdere la testa ad Allegri, cacciato da Pasqua per proteste.

Cristiano Ronaldo - Atalanta-Juventus - Coppa Italia 2018/2019 - Getty Images

Cristiano Ronaldo - Atalanta-Juventus - Coppa Italia 2018/2019 - Getty ImagesGetty Images

Dopo l'intervallo, se non altro, la Juventus prova a svegliarsi. Niente di clamoroso, ma qualche pericolo dalle parti di Berisha arriva: Toloi salva su Ronaldo con la porta vuota, Rugani di testa manca la porta, Khedira costringe il portiere all'unica respinta della gara. Landucci, imbeccato da Allegri seduto in tribuna, inserisce i pezzi grossi Pjanic e Douglas Costa, ma poco cambia: il tempo passa e la Juve non trova il modo di riportarsi in partita. E così, a 4 minuti dalla fine, l'Atalanta colpisce nuovamente: questa volta è De Sciglio a combinare la frittata, lanciando Zapata davanti a Szczesny e guardando il colombiano, dopo aver vinto un rimpallo, appoggiare in rete a porta vuota. Gioco, partita, incontro. L'Atalanta è in semifinale. E la Juve, a corto d'ossigeno, si lecca le ferite.

La statistica chiave

L'Atalanta interrompe un digiuno di vittorie contro la Juventus che durava addirittura da 26 partite: l'ultimo successo dei bergamaschi sui bianconeri era datato 2004, anche in quel caso in Coppa Italia.

Il tweet

Il migliore in campo

Zapata. Vero incubo della Juventus. Con la sua sola presenza spaventa la rabberciata difesa bianconera, segnando la doppietta che chiude il match. Chi lo ferma più?

Il peggiore in campo

Cancelo. Decisivo a Roma, disastroso questa sera. Sanguinoso il pallone perso nell'azione del vantaggio atalantino. Poi prosegue la galleria degli orrori con una serie di sciocchezze quasi infinita. Serataccia.

La dichiarazione

Massimiliano Allegri: "Non ho nulla da rimproverare alla squadra dopo tante vittorie, è capitata la serata storta. L'Atalanta aveva più voglia e ha meritato. Siamo umani. L'espulsione? Giusta, ero nervoso. Pasqua ha arbitrato bene".

Il tabellino

Atalanta (3-4-2-1): Berisha; Toloi, Djimsiti, Palomino (89' Masiello); Hateboer, de Roon (90' Gosens), Freuler, Castagne; Gomez, Ilicic (26' Pasalic); Zapata. All. Gasperini

Juventus (4-3-3): Szczesny; De Sciglio, Rugani, Chiellini (27' Cancelo), Alex Sandro; Khedira (71' Pjanic), Bentancur, Matuidi; Bernardeschi, Dybala (62' Douglas Costa), Cristiano Ronaldo. All. Allegri

Arbitro: Fabrizio Pasqua di Nocera Inferiore

Gol: 37' Castagne, 39' Zapata, 86' Zapata

Note: ammoniti Djimsiti, Freuler, Hateboer, Pjanic, Matuidi

Video - Allegri: "Ma dove sta scritto che la Juventus è la super favorita per la Champions? È folle"

01:55
0
0