Getty Images

Le pagelle di Atalanta-Lazio 0-2: Correa non demorde, Gomez e Zapata deludono

Le pagelle di Atalanta-Lazio 0-2: Correa non demorde, Gomez e Zapata deludono

Il 15/05/2019 alle 23:02Aggiornato Il 15/05/2019 alle 23:24

Il Tucu è decisivo per la conquista della coppa, così come l'autore dello 0-1 Milinkovic-Savic. Male invece Immobile, così così Luis Alberto. Nei bergamaschi il temutissimo trio d'attacco funziona solo a tratti, ma il peggiore è Djimsiti.

Le pagelle dell'Atalanta

Pierluigi GOLLINI 6 - Non gli si possono imputare colpe particolari in occasione delle due reti laziali. Bravo a salvare alla disperata su Correa prima del 2-0.

Berat DJIMSITI 5 - Troppi errori, specialmente in un secondo tempo in cui va gradualmente in bambola. Un suo clamoroso liscio viene provvidenzialmente rintuzzato da Palomino, poi perde il duello aereo con Milinkovic-Savic, che non perdona.

José Luis PALOMINO 6,5 - Ottimo in anticipo e in chiusura, tanto da rimediare a un erroraccio di Djimsiti. Sbaglia poco e, nonostante il ko, dà sicurezza alla difesa di Gasperini.

Andrea MASIELLO 6 - Rischia qualcosa nel primo tempo, quando ferma irregolarmente Correa venendo giustamente ammonito. Non commette però errori da matita blu.

Hans HATEBOER 6 - Gioca sempre a grande velocità e quindi, come è naturale, qualcosa sbaglia. Però che fiato, che corsa, che continuità su quella fascia.

Marten DE ROON 6 - Lotta, ma senza la possibilità di ragionare. Ha comunque sul destro la più importante palla gol dell'Atalanta: il palo gli dice di no (dall'85' Mario PASALIC s.v.)

Remo FREULER 5,5 - Trova poco spazio per giocare in verticale, dovendo spesso appoggiarsi al compagno più vicino. Troppo nervoso, più di una volta battibecca con gli avversari. Superato agevolmente da Correa nell'azione del raddoppio.

Timothy CASTAGNE 5,5 - Tanti errori nel primo tempo, nel quale fatica sempre a ripartire, poi chiama alla parata Strakosha a inizio ripresa e alza il livello della propria prestazione (dall'85' Robin GOSENS s.v.)

Josip ILICIC 6 - Inizia sul centro-sinistra senza trovare gli spunti giusti, poi si sposta dalla parte opposta e qualcosa di più si vede. Non il miglior Ilicic, ma decisamente più attivo dei compagni d'attacco.

Alejandro GOMEZ 5 - Grande delusione in casa atalantina. Comincia bene, chiamando all'intervento Strakosha, poi si spegne lentamente. Poca fantasia, pochi spunti.

Duvan ZAPATA 5 - Gioca di fisico ma fatica a tenere alta la squadra, perdendo un numero elevato di palloni. Ha due occasioni di testa, ma le manca e non termina la partita (dall'84' Musa BARROW s.v.)

All. Gian Piero GASPERINI 5,5 - La tensione e la disabitudine a partite così giocano un brutto scherzo alla sua Atalanta, pallida copia della macchina da gol del campionato. Sconfitta ineccepibile.

Duvan Zapata contro la difesa biancoceleste nella finale di Coppa Italia tra Atalanta e Lazio

Duvan Zapata contro la difesa biancoceleste nella finale di Coppa Italia tra Atalanta e LazioGetty Images

Le pagelle della Lazio

Thomas STRAKOSHA 6 - Suda freddo quando de Roon colpisce il palo. Bravo a dire di no a Castagne a inizio ripresa: l'unica parata della sua partita.

Luiz FELIPE 7 - Ottima prestazione. Attento, solido, praticamente impossibile da superare in velocità. Prende presto le misure a Gomez e Zapata, uscendo vincitore.

Francesco ACERBI 6,5 - Deve fronteggiare lo spauracchio Zapata e per gran parte della gara ne contiene la veemenza fisica. Come aveva già fatto con Piatek nella doppia semifinale.

BASTOS 5,5 - Qualche impaccio e un'ammonizione, un mani in area non sanzionato, anche se salva in scivolata nell'azione del palo di de Roon. Fuori per scelta tecnica già nel primo tempo (dal 35' Stefan RADU 6 - Entra a gara in corso ma non si fa sorprendere, giocando con serietà)

Adam MARUSIC 5,5 - Prezioso in ripiegamento, come da dettami di Inzaghi, ma mai capace di creare pericoli sulla propria fascia di competenza.

Marco PAROLO 6 - Non ruba l'occhio, come spesso accade, e gioca pochi palloni, ma in fase di contenimento fa il suo senza demeritare.

Lucas LEIVA 7 - Si cala nel ritmo da battaglia del match senza mai tirare indietro il piede. E, tra un contrasto e l'altro, mette ordine all'interno di un contesto frenetico. Padrone del centrocampo.

Luis ALBERTO 5,5 - Elegante, ma anche un po' inconcludente. Non riesce a far valere la qualità dei suoi piedi buoni ed esce prima del 90' (dal 79' Sergej MILINKOVIC-SAVIC 7 - Entra in campo e poco dopo firma il determinante gol del vantaggio. Decisivo)

Senad LULIC 6 - Un po' troppo falloso, tanto da prendersi un'ammonizione. Da sinistra fa spiovere qualche cross pericoloso, specialmente nella prima frazione, ma è importante soprattutto per la propria esperienza in gare così tirate.

Joaquin CORREA 7 - Si batte continuamente e dimostra brillantezza fisica e mentale, voglia di fare, condizione fisica. Poco supportato dai compagni, quando fa da sé realizza lo splendido gol del 2-0.

Castagne e Immobile nella finale di Coppa Italia 2019 tra Atalanta e Lazio

Castagne e Immobile nella finale di Coppa Italia 2019 tra Atalanta e LazioLaPresse

Ciro IMMOBILE 5 - Gira a vuoto in attacco, senza aver mai la possibilità di far male. Ha pochi palloni giocabili e quei pochi li sfrutta male. Tanto che Inzaghi lo toglie a metà ripresa (dal 65' Felipe CAICEDO 6,5 - Decisamente meglio rispetto a Immobile. Il suo ingresso spariglia le carte in attacco, portando maggior peso e concretezza)

All. Simone INZAGHI 7 - Per una volta si vede una Lazio meno bella, meno geometrica del solito, ma capace di resistere sulla lunga distanza. Il successo ripaga le amarezze di un'ultima parte di campionato deludente.

Video - I segreti dell'Atalanta secondo Gasperini: "Mentalità, ambiente che ci spinge e voglia di aggredire"

01:26
0
0