Getty Images

Le pagelle di Inter-Benevento 6-2: Lautaro e Candreva sugli scudi, Coda spuntato

Le pagelle di Inter-Benevento 6-2: Lautaro e Candreva sugli scudi, Coda spuntato
Di Eurosport

Il 13/01/2019 alle 21:12Aggiornato Il 13/01/2019 alle 21:19

Diamo i voti ai protagonisti del match di San Siro. I migliori sono Candreva e Lautaro, al di là della loro doppietta. Perisic uomo assist, Padelli risponde presente. Nel Benevento ci mettono il cuore Insigne e Improta, Coda non punge praticamente mai.

===Inter===

Daniele PADELLI 6,5 – Non giocava dalla sfida contro il Pordenone della scorsa stagione, partita di grande sofferenza per l'Inter. Stasera risponde presente, dimostrando quasi sempre presente se chiamato in causa. Qualche dubbio sul posizionamento della barriera sul gol di Insigne.

VRSALIKO 5,5 – Un po’ in affanno in avvio quando viene puntato, poi non si mette particolarmente in mostra. Commette anche qualche errore tecnico di troppo.

Milan SKRINIAR 6,5 – Fa notizia quando sbaglia un intervento. Fisicamente insuperabile, dalle sue parti è vita dura per gli attaccanti avversari.

Andrea RANOCCHIA 6 – Un po' arrugginito, ma non demerita alla prima stagionale. Avere al proprio fianco Kriniar aiuta, lui gioca a testa alta.

DALBERT 6,5 – Si riscatta dopo un avvio così così. Il suo primo gol in Italia è pregevole. Si fa vedere anche per una buona chiusura su Insigne.

Antonio CANDREVA 7,5 – Torna titolare e si gioca alla grande le sue carte. Nei primi otto minuti di partita si procura un rigore e va in rete con un pregevole diagonale. Corre e sgomita fino alla fine, quando si mette in proprio e fa doppietta.

Roberto GAGLIARDINI 6 – Compitino e poco più. La partita non era delle più complicate, lui fa poco per emergere.

Marcelo BROZOVIC 6 – Se lasciato libero di agire gestisce alla grande il pallone. Ma si perde Bandinelli in occasione del secondo gol del Benevento. (dal 83' JOAO MARIO SV)

Ivan PERISIC 7 – Accelera solo a tratti, ma serve tre assist. (dal 67’ BORJA VALERO 6 - Preciso nel palleggio, anche lui rende bene quando i ritmi non sono alti)

Mauro ICARDI 6,5 – Impeccabile come al solito dagli undici metri, colpisce il palo da cui nasce il 2-0. Poco altro nei 45 minuti in cui gioca, ma lascia anche stasera il suo timbro. (dal 46’ Matteo POLITANO 6 - Un tiro e un paio di accelerazioni, pi abbassa i ritmi)

Lautaro MARTINEZ 7,5 – Nel primo tempo si abbassa spesso, facendo da raccordo tra le linee e cercando il dialogo con Icardi. Nella ripresa, da unica punta, sigla una doppietta d'autore.

L'abbraccio fra Dalbert e Ivan Perisic, Inter-Benevento, Coppa Italia, Getty Images

L'abbraccio fra Dalbert e Ivan Perisic, Inter-Benevento, Coppa Italia, Getty ImagesGetty Images

===Benevento===

Lorenzo MONTIPÒ 6 – Intuisce il rigore e può poco sugli altri gol.

Alessandro TUIA 5,5 - Bada al sodo ma commette qualche errore di troppo. (dal 83' Jean Claude BILLONG SV)

Luca ANTEI 5 – Commette il fallo che regala il rigore all'Inter. Prova a mettere il fisico su Icardi, va spesso in affanno quando l'Inter accelera.

Gianluca DI CHIARA 5,5 – Qualche buona chiusura, non impeccabile in marcatura.

Gaetano LETIZIA 5,5 - Quando l'asse Dalbert-Perisic si mette in moto per lui son sudori freddi. Giornata difficile.

Cristian BONAIUTO 5 – Tanta corsa ma spesso a vuoto. (dal 84' SANOGO SV)

Filippo BANDINELLI 6,5 – A centrocampo fatica un po', ma entra nel tabellino dei marcatori con un bel colpo di testa.

Andrès TELLO 5,5 – Subito pericoloso con il tiro che poteva valere l'1-1. Poi scompare un po' dal match, non riuscendo ad esprimere la sua tecnica.

Riccardo IMPROTA 6,5 – I suoi guizzi impensieriscono la difesa nerazzurra, tira e prova a trasformarsi in assist-ma. Prezioso per i suoi.

Massimo CODA 5 - Combina davvero poco là davanti. Chiuso bene da Skriniar e Ranocchia, non ne esce più. Giustamente sostituito. (dal 75' Federico RICCI SV)

Roberto INSIGNE 6,5 – Veloce quando parte palla al piede, va al tiro con personalità. Approfitta del posizionamente della barriera e segna un gran gol su punizione.

Video - Toldo e il gol in Inter-Juve: "È mio, Vieri non l'ha toccata"

01:32
0
0