Getty Images

Le pagelle di Napoli-Sassuolo 2-0: Fabian Ruiz il migliore in campo, male Hysaj e Boateng

Le pagelle di Napoli-Sassuolo 2-0: Fabian Ruiz il migliore in campo, male Hysaj e Boateng

Il 13/01/2019 alle 23:49Aggiornato Il 13/01/2019 alle 23:50

Momento di grazia per Milik, autore di un gol e un assist. Koulibaly è la solita garanzia, in affanno Mario Rui. Insigne e Ounas vivaci, Callejon prezioso. Tra i neroverdi i più intraprendenti sono Locatelli e Berardi. La coppia di difensori centrali Magnani-Peluso commette troppi errori.

NAPOLI

David OSPINA 6,5 - Si guadagna un'ampia sufficienza per la grande parata nei minuti finali sulla spaccata di Locatelli. Bravo anche a recuperare la posizione sul pallonetto di Berardi.

Elseid HYSAJ 5 - Primo tempo da dimenticare. Pronti, via e serve Berardi al limite con un rinvio sciagurato. Commette un errore identico in occasione del gol di Locatelli poi cancellato dalla Var. Nella ripresa svolge il compitino.

Nikola MAKSIMOVIC 6 - Avvio in sofferenza, poi acquisisce sicurezza col passare dei minuti.

Kalidou KOULIBALY 6,5 - Sempre pulito e impeccabile negli interventi. Da incorniciare un tackle scivolato che a inizio ripresa evita un gol sicuro di Duncan. Giocatore fondamentale.

Mario RUI 5,5 - Soffre terribilmente contro Berardi che va spesso a giocare dalla sua parte. Meriterebbe un'ammonizione per un fallaccio su Berardi in avvio di ripresa ma Chiffi lo grazia.

José CALLEJON 6 - Lo spagnolo si conferma preziosissimo dal punto di vista tattico ma tremendamente timido al momento di concludere. Sua la prima palla gol del match, murata da Pegolo.

dall'82' Amin YOUNES s.v. - Entra nei minuti finali, ingiudicabile.

Amadou DIAWARA 6 - Giochicchia in mezzo al campo senza mai accelerare né tentare la giocata. Partita diligente senza squilli.

Fabian RUIZ 7 - Ha visione di gioco, fa sempre la cosa più semplice e la fa bene. Si conferma bravissimo negli interventi e l'azione del raddoppio che porta la sua firma ne è un esempio lampante. Primo gol al San Paolo per lui: finora aveva sempre segnato in trasferta.

Adam OUNAS 6 - Rapidissimo di gambe, non sempre lucido negli ultimi 30 metri. Ha comunque il merito di dare vivacità all'attacco azzurro, da un suo spunto nasce l'azione dell'1-0.

dal 71' ALLAN 6 - Entra e dopo 3 minuti il Napoli raddoppia. Nel finale si limita a tenere palla senza strafare.

Lorenzo INSIGNE 6,5 - Spiana la strada del successo al Napoli con una bella iniziativa sulla sinistra conclusa con un delizioso cross di esterno. Avrebbe meritato la gioia del gol personale: non la prova perché è troppo precipitoso al momento di concludere.

Arkadiusz MILIK 7 - Un gol di rapina (anche fortunoso se vogliamo, ma lui c'è) e un assist per il raddoppio di Fabian Ruiz. Difficile chiedergli di più. Sta vivendo un ottimo periodo di forma.

dal 90' Gianluca GAETANO 6 - Notte indimenticabile per il 18enne attaccante della Primavera che timbra l'esordio in prima squadra. E per poco non segna nel recupero. Si merita un voto di incoraggiamento.

All.: Carlo ANCELOTTI 6 - Cambia radicalmente la squadra all'ultima apparizione in campionato contro il Bologna lo scorso 29 dicembre. Trova risposte confortanti: il suo Napoli è un gruppo e lo dimostra partita dopo partita.

Domenico Berardi e Mario Rui - Napoli-Sassuolo 2-0 Coppa Italia 2018-19

Domenico Berardi e Mario Rui - Napoli-Sassuolo 2-0 Coppa Italia 2018-19Getty Images

SASSUOLO

Gianluca PEGOLO 5,5 - Bravo a chiudere lo specchio sul destro ravvicinato di Callejon in apertura di gara, sfortunato in occasione del gol di Milik perché la sua respinta va a finire proprio addosso al polacco. Non appare impeccabile nemmeno sul raddoppio di Fabian Ruiz.

Pol LIROLA 5,5 - Nel primo tempo Insigne gli fa passare un brutto quarto d'ora. Si riscatta parzialmente nella ripresa quando riesce a spingere con maggiore convinzione.

Giangiacomo MAGNANI 5 - Troppe disattenzioni e troppi buchi. Da un suo svarione nasce il 2-0 del Napoli, nel finale per poco non si fa beffare da Gaetano ma se la cava con l'esperienza.

Federico PELUSO 5,5 - Vale lo stesso discorso per il compagno di reparto. Non trasmette sicurezza alla linea difensiva neroverde e a volte appare spaesato.

ROGERIO 6 - Senza dubbio il più positivo dei 4 dietro. Ordinato e propositivo, esce acciaccato nel finale ma nel complesso non sfigura affatto.

dall'82' Cristian DELL'ORCO s.v. - In campo negli ultimi minuti, non giudicabile

Stefano SENSI 6 - Luci e ombre per l'oggetto del desiderio del Milan. Gioca spesso di prima ed è molto bravo a far partire l'azione. A volte corre qualche rischio in uscita tenendo troppo il pallone, ma mostra personalità in diverse giocate.

Manuel LOCATELLI 6,5 - Parte male ma a conti fatti risulta il più pericoloso dei suoi. Nel suo bilancio finale c'è un gol annullato e una rete sfiorata nei minuti finali. Deve migliorare in fase di costruzione in mezzo al campo, spesso e volentieri sbaglia appoggi anche semplici.

Alfred DUNCAN 5,5 - Nel primo tempo è uno dei più propositivi, si spegne col passare dei minuti e non arriva alla sufficienza.

Domenico BERARDI 6 - Prova tutto sommato positiva quella del capitano neroverde. Cerca in più occasioni la verticalizzazione, ma là davanti predica nel deserto. E quando decide di fare tutto da solo non ha migliore fortuna.

Kevin-Prince BOATENG 5 - Lontanissimo dalla migliore forma fisica, è di fatto un difensore aggiunto del Napoli. Il Boateng di inizio stagione è uno sbiadito ricordo.

dal 69' Jeremie BOGA 6 - Strappa la sufficienza per quel coast to coast iniziato prima della linea di metà campo e conclusa al limite dell'area del Napoli con un destro fuori misura.

Filip DJURICIC 5,5 - Si fa notare solo per l'assist in occasione del gol di Locatelli poi cancellato dalla Var. Non punge mai e viene netraulizzato facilmente dai difensori del Napoli.

dal 69' Khouma BABACAR 5,5 - Prova a dare più efficacia e peso all'attacco neroverde, ma non ci riesce. Ha pochi palloni giocabili e si ritrova quasi sempre spalle alla porta.

All.: Roberto DE ZERBI 6 - La sua squadra gioca una partita coraggiosa tenendola in bilico fino alla fine. Discutibile la decisione di schierare titolare Boateng, ma è anche vero che al ghanese serve mettere minuti nelle gambe.

0
0