facebook

Dieci vittorie consecutive e una rimonta pazzesca: così l'Avellino è tornato tra i "prof" in Serie C

Dieci vittorie consecutive e una rimonta pazzesca: così l'Avellino è tornato tra i "prof" in Serie C

Il 17/05/2019 alle 08:58Aggiornato Il 17/05/2019 alle 09:46

Alla quindicesima giornata, i Lupi di Morero, Matute e Sforzini erano sesti e ai margini della zona playoff. Poi, l'arrivo dello zemaniano mister Bucaro e i gol di De Vena, hanno proiettato gli irpini allo spareggio, poi vinto contro il Lanusei. Il ritorno tra i professionisti dell'Avellino, chiude il cerchio, con Bari e Cesena, delle squadre escluse la scorsa estate dalla contestatissima Serie B.

Ad Avellino si può finalmente tornare a festeggiare. Lo spareggio per il primo posto contro il Lanusei è andato a buon fine: 2-0 sui sardi sul neutro di Rieti e, come dicono le magliette indossate per festeggiare la serie C, missione Compiuta. Ma è stato tutt'altro che facile ed occorre andare con ordine.

Tifosi Avellino in festa, Serie D 2018-2019

Tifosi Avellino in festa, Serie D 2018-2019facebook

Estate 2018 e quel morale sotto i tacchi

Dopo la cocente delusione dell'estate 2018 con il respingimento dell'iscrizione in Serie B per via di fideiussioni di dubbia provenienza, il fallimento della vecchia società e la ricostituzione di una nuova nel campionato di Serie D, il morale nella Avellino calcistica era finito sotto i tacchi. Poi, i 9 punti nelle prime tre giornate nel girone G, avevano fatto presagire la classica "passeggiata di salute" per i Lupi d'Irpinia sulla strada del ritorno nel calcio professionistico. Niente di più sbagliato.

Avellino-Ostia Mare, Serie D girone G 2018-2019: Ferdinando Sforzini (Avellino)

Avellino-Ostia Mare, Serie D girone G 2018-2019: Ferdinando Sforzini (Avellino)facebook

Eppure i biancoverdi si erano presentati ai nastri di partenza della quarta serie con una corazzata in grado di sbaragliare la concorrenza: c'è gente di provata esperienza, anche in A e B. Ci sono capitan Santiago Morero, difensore ex Chievo, il centrocampista camerunense ex Crotone Kelvin Matute, l'attaccante Ferdinando Sforzini, che accetta la sfida della Serie D a differenza del bomber-idolo Luigi Castaldo, che ha deciso di ripartire dalla Casertana in Serie C. Insomma, i presupposti per ammazzare il campionato c'erano tutti, ma i campani non avevano fatto i conti con la rivelazione del girone G, il piccolo Lanusei: coi sardi dominatori del girone per almeno due terzi del torneo.

Serie D girone G 2018-2019: il capitano dell'Avellino Santiago Morero

Serie D girone G 2018-2019: il capitano dell'Avellino Santiago Morerofacebook

Ai margini della zona playoff sotto Natale, poi l'arrivo di mister Bucaro, scuola Zeman

Dopo l'inizio sprint, invece, per l'Avellino arrivano le prime sconfitte e, alla quindicesima giornata, il 2 dicembre, i Lupi scivolano al sesto posto dopo la pesante sconfitta per 4 a 1 al "Partenio" avvenuta per mano del Trastevere e costata la panchina al tecnico Archimede Graziani, che viene esonerato dal presidente Claudio Mauriello, il primo dopo l'era Taccone. Con la squadra ai margini della zona playoff sotto Natale, il morale sotto i tacchi di cui sopra, finisce per essere strisciato a terra nella disperazione di una delle tiifoserie più calorose del calcio italiano. Quel martedì 4 dicembre, però, non mancavano soltanto i conti con il Lanusei, ma anche quelli da fare con il nuovo tecnico dell'Avellino: Giovanni Bucaro, scuola Zdenek Zeman e, in quanto tale, pronto a tutto senza compromessi. L'"all in" irpino, porterà a frutti insperati.

Giovanni Bucaro, tecnico dell'Avellino 2018-2019

Giovanni Bucaro, tecnico dell'Avellino 2018-2019facebook

Una sfida impossibile all'inarresabile Lanusei e il portiere delle sliding doors

La corsa al primo posto tra Trastevere e Lanusei sembra esaurirsi presto a favore degli ogliastrini, che continuano a vincere e che, ad inizio primavera, respingono anche i timidi attacchi dei conterranei del Latte Dolce. Questi ultimi, addirittura, sono in grado di battere l'Avellino 1-0 con rete di Paolo Palmas al "Vanni Sanna" di Sassari. E' il 17 febbraio ed è la 28esima giornata. Alla fine della regular season mancano 10 partite: gli irpini, da quel momento in avanti, le vinceranno tutte anche grazie a due importanti rinforzi di gennaio: l'attaccante esterno argentino ex Grosseto e Pescara Luis Alfageme e il portiere classe 1999 di scuola Crotone Aniello Viscovo, che nella sua carriera ha già fatto i conti con le sue sliding doors.

Crotone-Udinese, Serie A 2016-2017: il giovane terzo portiere del Crotone Aniello Viscovo al centro tra Nwanko Simy (a sinistra) e Alex Cordaz (a destra) (LaPresse)

Crotone-Udinese, Serie A 2016-2017: il giovane terzo portiere del Crotone Aniello Viscovo al centro tra Nwanko Simy (a sinistra) e Alex Cordaz (a destra) (LaPresse)LaPresse

Il 4 marzo 2018 avrebbe dovuto esordire in Serie A allo stadio "Olimpico Grande Torino" a causa degli infortuni di Alex Cordaz e Marco Festa, ma il match fu annullato (insieme alle partire della 27a giornata) per la scomparsa di Davide Astori. A quei tempi, il ragazzo era stato puntato dall'Inter e addirittura dall'Arsenal...

L'incredibile rimonta: 10 vittorie nelle ultime 10 partite della regular season

Tornando all'Avellino, i Lupi partono dal quarto posto a 53 punti, 7 da recuperare al Lanusei primo, che - al contrario - comincia a zoppicare coi risultati. Gli uomini di Bucaro hanno gli occhi intrisi di sangue e liquidano, nell'ordine, Monterosi (1-0), Castiadas (4-0), Aprilia (2-0), Vis Artena (2-1), Ostia Mare (1-0), Trastevere (2-0), Budoni (2-1), Lupa Roma (2-1), Torres (3-1). Lanusei, che spreca tutti i "match-ball" disponibili per chiudere in cima al campionato, agganciato alla penultima giornata.

Serie D girone G 2018-2019: Avellino-Budoni 2-1

Serie D girone G 2018-2019: Avellino-Budoni 2-1facebook

E alla fine, il trionfo allo spareggio: sulla torre dell'orologio torna a risplendere il verde

Resta l'ultima giornata di campionato: sembra tutto pronto alla vesta al triplice fischio del "Francioni" di Latina, in cui l'Avellino vince ancora, 2-0, con reti dell'ex Casertana Alessandro De Vena - bomber biancoverde con 20 centri stagionali - e del centrocampista Alessio Tribuzzi. Tuttavia, il Lanusei, vince al minuto 93 in casa della Lupa Roma.

Serie D 2018-2019: il bomber dell'Avellino Alessandro De Vena, autore di 20 gol

Serie D 2018-2019: il bomber dell'Avellino Alessandro De Vena, autore di 20 golfacebook

Entrambe le squadre finiscono appaiate al primo posto a 83 punti: è spareggio. Che si svolge a Rieti, sotto il diluvio: lo stadio "Centro d'Italia-Manlio Scopigno" viene invaso da tifosi irpini (anche se pure i sardi mandano sugli spalti una generosa rappresentanza).

Dopo giorni di polemiche tra sostenitori, l'Avellino s'impone 2-0 (ancora De Vena e Tribuzzi) senza particolari problemi e la festa può così partire per davvero. Caroselli e torre dell'Orologio illuminata di verde.

Serie D 2018-2019: dopo lo spareggio di Rieti contro il Lanusei, i giocatori dell'Avellino festeggiano il ritorno in Serie C portando in trionfo mister Giovanni Bucaro

Serie D 2018-2019: dopo lo spareggio di Rieti contro il Lanusei, i giocatori dell'Avellino festeggiano il ritorno in Serie C portando in trionfo mister Giovanni Bucarofacebook

La chiusura di un cerchio e quello stravolgimento degli equilibri in Serie D

Era l'estate scorsa quando i fallimenti di Bari, Cesena ed Avellino stravolsero l'estate del calcio italiano e della Serie B, che dopo una tiritera infinita di corsi e controricorsi in tribunale, optò per il "blitz" alle Noif e al regolamento federale, decidendo per la disputa di un campionato sghembo a 19 squadre. Oggi, tutte e tre i club - di grande tradizione per il calcio nostrano - hanno fatto rientro nel calcio professionistico, stravolgendo come da pronostico i "bioritmi" di Serie D. Anche su questo aspetto ci sarebbe da aprire una lunga discussione...

Tifosi Avellino in festa insieme a bomber Ferdinando Sforzini, Serie D 2018-2019

Tifosi Avellino in festa insieme a bomber Ferdinando Sforzini, Serie D 2018-2019facebook

Video - L’addio perfetto di Davide Biondini, il guerriero sceso dalla Serie A per riportare il Cesena in C

01:24
0
0