AFP

Euro 2016, per Italia-Svezia c'è Kassai: un fischietto d'èlite

Per Italia-Svezia c'è Kassai: un fischietto d'èlite

Il 15/06/2016 alle 16:35Aggiornato Il 15/06/2016 alle 16:43

In questa edizione degli Europei per lui sarà il secondo impegno dopo aver diretto, non senza qualche polemica, il match inaugurale fra Francia e Romania dove convalidò il gol del vantaggio francese nonostante un fallo del centravanti Giroud sul portiere romeno Tatarusanu in uscita.

Un arbitro a cinque stelle per la sfida fra Italia e Svezia. Il 40enne ungherese Viktor Kassai è uno dei fischietti più rispettati in ambito europeo. L'agente di viaggio nato a Tatabanya vanta infatti una carriera internazionale di tutto rispetto. Classe 1975 ha debuttato come arbitro nel massimo campionato magiaro nel 1999 e quattro anni dopo è diventato internazionale, cominciando a dirigere le sue prime gare in Europa League.

La sua perla nel maggio 2011 quando fu designato per arbitrare a Wembley la finale di Champions League tra Barcellona e Manchester United diventando così il più giovane arbitro della storia ad aver diretto l'atto conclusivo della più importante competizione europea per club. In quell'anno fu anche eletto miglior arbitro del mondo. Kassai incrociò l'Italia anche ad Euro 2012 quando arbitrò la prima partita degli Azzurri contro la Spagna. Nell'occasione il match terminò 1-1.

In questa edizione degli Europei per lui sarà il secondo impegno dopo aver diretto, non senza qualche polemica, il match inaugurale fra Francia e Romania dove convalidò il gol del vantaggio francese nonostante un fallo del centravanti Giroud sul portiere romeno Tatarusanu in uscita. In precedenza Kassai è stato invece escluso dalla lista di direttori di gara che hanno preso parte al mondiale di Brasile 2014.

Il fischietto ungherese ha diretto anche una formazione italiana nell'ultima Champions League. Nella fattispecie la Roma nel match del girone eliminatorio sul campo del Bayer Leverkusen terminato con uno scoppiettante 4-4. Amante del cinema, Kassai è figlio d'arte. Anche suo padre fu arbitro in Ungheria ma solamente nelle serie minori.

VIDEO: La storia dell'eroe Giaccherini

0
0