Getty Images

Il Milan rimedia nella ripresa contro il Betis: finisce 1-1, Suso risponde a Lo Celso

Il Milan rimedia nella ripresa contro il Betis: finisce 1-1, Suso risponde a Lo Celso

Il 08/11/2018 alle 22:56Aggiornato Il 09/11/2018 alle 00:26

Dopo tre successi consecutivi in campionato, il Milan rivede le streghe in Europa League contro il Betis, che domina il primo tempo con gol di Lo Celso (12') prima di rinsavire nelle ripresa con il pari di Suso (62') su calcio di punizione. Rossoneri malissimo schierati nel 3-5-1-1, molto meglio con il "vecchio" 3-4-3. Note dolenti: gli infortuni di Musacchio e Calhanoglu.

Sembrava una maledizione questo Betis che, dopo aver espugnato San Siro, si rifaceva travolgente anche a Siviglia perché il primo tempo racconta di un'onda andalusa sulle rovine rossonere. Caro Gattuso: bene il trasformismo e vero lo stato d'emergenza perché il Milan perde i pezzi - stasera Musacchio e Calhanoglu fuori per infortunio e anche Kessie esce dolorante - ma il 3-5-1-1 del primo tempo è davvero un modulo imbarazzante. Fortuna che la ripresa premia il sacrificio di una squadra ormai abituata a sporcarsi le mani con il miglior spirito metalmeccanico del suo allenatore e la grazia di Suso, ancora decisivo da fuori area quando spostato da trequartista ad attaccante esterno. La classifica del Gruppo F è cortissima: Betis a 8, Milan e Olympiacos a 7, però la prossima dei rossoneri è in casa col Dudelange, stasera travolto 5-1 dai greci.

La cronaca

C'è solo il Betis per mezzora nella polveriera del Villamarin, con il Milan in tilt sulle avanzate corali degli andalusi e a partire dalla sapiente regia di William Carvalho. Così al dodicesimo il Betis è già in vantaggio con la trama Carvalho-Tello-Canales-Carvalho per Joaquin, Junior si sovrappone e crossa per il gol di Lo Celso: terzo gol consecutivo in Europa League per il talentuoso argentino, di prima intenzione da centro area, in anticipo sulla diagonale di Rodriguez. Siviglia è una bolgia e Joaquin-Junior non si prendono: specie se gli inseguitori sono Borini, disastroso in avvio d'azione du Lo Celso, e Musacchio nella difesa a tre: Junior crossa ancora per Sanabria che anticipa Rodriguez e di poco, in spaccata, non sigla il raddoppio. Nel primo tempo invece il Milan fa poco: una punizione dal limite sprecata da Suso in barriera e un sinistro di Calhanoglu aspettato da Pau Lopez. Rivedibili i due nel modulo "doppio trequartista".

AC Milan's French midfielder Tiemoue Bakayoko (C) challenges Real Betis' Algerian defender Aissa Mandi (R) and Real Betis' Brazilian midfielder William Carvalho during the Europa League group F football match between Real Betis and AC Milan

AC Milan's French midfielder Tiemoue Bakayoko (C) challenges Real Betis' Algerian defender Aissa Mandi (R) and Real Betis' Brazilian midfielder William Carvalho during the Europa League group F football match between Real Betis and AC MilanGetty Images

Tant'è che nella ripresa il Milan torna al "vecchio" 3-4-3 ed è Suso a salire in cattedra, tagliando cross velenosi, chiamando Pau Lopez a volare all'incrocio, segnando, proprio su punizione dal limite, il gol del pareggio: è Bakayoko, nel tentativo di stacco, a beffare Pau Lopez sul sinistro teso del "cugino" di Cadice. Nell'ultima mezzora, quando i rossoneri sembrano finalmente in pieno controllo e perfino Borini va due volte al tiro (servito dal miglior Suso), Reina è croce e delizia perché prima regala a Guardado un rinvio e fortuna che il messicano sbaglia il lob, poi chiude lo specchio in uscita a Tello salvando il Diavolo al Villamarin. Note dolenti: Musacchio si scontra con Kessie ed esce in barella dopo attimi di paura. Calhanoglu è una smorfia di dolore quando lo portano fuori zoppicante per un colpo sul collo del piede... E anche Kessie chiude acciaccato. Sarà durissima domenica contro la Juve, ma questo già si sapeva.

Suso - Betis-Milan 2018

Suso - Betis-Milan 2018Getty Images

La statistica

13. Suso ha partecipato attivamente a 13 gol (5 reti, 8 assist) in 14 presenze stagionali.

Il tweet

Il migliore

Suso. Sempre più determinante, rovescia la partita appena si sposta dalla traquarti alla linea esterna d'attacco. È da lì che il sinistro di Suso disegna l'arcobaleno: un gol sfiorato all'incrocio, un altro fatto da fuori area - c'è un insospettabile Bakayoko in concorso di merito - e i soliti cross al servizio di una squadra che, in clima di rinnovi e chiamate in Nazionale, speriamo non cominci a stargli stretta.

Il tabellino

Betis Siviglia (3-5-2): Pau López; Mandi, Bartra, Feddal; Tello, Lo Celso, William Carvalho, Sergio Canales, Junior Firpo; Joaquin (67' Guardado), Sanabria (74' Moron). All. Quique Setién

Milan (3-5-1-1): Reina; Musacchio (82' Romagnoli), Zapata, Rodriguez; Borini, Kessié, Bakayoko, Çalhanoğlu (90' Bertolacci), Laxalt (76' Abate), Suso, Cutrone. All. Gennaro Gattuso

Arbitro: Craig Pawson (Inghilterra)

Gol: Lo Celso 12'; Suso 62'

Ammoniti: Feddal, Lo Celso; Rodriguez, Musacchio. Bakayoko, Bertolacci

Video - Van Basten, la storia del gol di testa al Real Madrid che consacrò il Milan di Sacchi

01:02
0
0