Getty Images

Napoli sconfitto ma ai quarti di Europa League: il Salisburgo si impone per 3-1

Napoli sconfitto ma ai quarti di Europa League: il Salisburgo si impone per 3-1

Il 14/03/2019 alle 20:46Aggiornato Il 14/03/2019 alle 21:28

Dopo il 3-0 dell'andata, gli azzurri rimediano una sconfitta indolore alla Red Bull Arena: segna Milik, poi i padroni di casa rimontano con Dabbur, Gulbrandsen e Leitgeb. L'avventura europea degli uomini di Ancelotti prosegue.

Vince il Salisburgo, ma il Napoli non perde. Un paradosso solo apparente, perché sono gli azzurri, nonostante la Red Bull Arena regali una brutta sconfitta, ad approdare ai quarti di finale di Europa League per la seconda volta nella propria storia (prima dal 2015). Un 3-1 meritato a favore degli austriaci, onorevoli nel giocarsela fino in fondo nonostante uno svantaggio di tre reti diventato ben presto di quattro, dopo lo 0-1 di Milik. Del bomber Dabbur, di Gulbrandsen e di Leitgeb le reti che rendono meno amara l'eliminazione degli uomini di Rose. Quanto a quelli di Ancelotti, la luce si spegne dopo un buon primo tempo e non si riaccende più. Anche se gli alibi, dall'infortunio pre partita di Insigne a quello nel finale di Chiriches, non mancano. Il tecnico emiliano ride a denti stretti, ringrazia il risultato largo del San Paolo e guarda avanti: il suo Napoli è tra le migliori otto della competzizione. L'avventura europea prosegue.

La cronaca della partita

Il Napoli gioca con libertà, senza pressioni, forte del 3-0 dell'andata. E Milik, dopo 10 minuti, di testa chiama Walke alla prima parata. Appuntamento col gol solo rinviato: al 24' Mario Rui scappa in area e serve il polacco, che, complice un rimpallo tra due difensori avversari, segna in splendida sforbiciata lo 0-1. Il vantaggio dura però poco: 11 minuti più tardi Allan perde clamorosamente palla sulla propria trequarti, Szoboszlai serve Dabbur, che dribbla Chiriches e batte Meret. Napoli vicinissimo all'1-2 con Fabian Ruiz: palo pieno. Ma il finale di tempo è di marca austriaca: Onguéné e Minamino vanno vicini alla rimonta, senza però trovare lo specchio della porta di Meret.

Milik, Salisburgo-Napoli, Europa League ottavi di finale 2018/19

Milik, Salisburgo-Napoli, Europa League ottavi di finale 2018/19Getty Images

Il Salisburgo attacca anche dopo l'intervallo, ma senza impensierire Meret. Anzi, è Walke a far venire i brividi con una mezza papera su cross di Mertens. Poi, d'improvviso, la gara si infiamma nell'ultima mezz'ora. E al 65' Gulbrandsen, appena entrato, si avventa da rapace su un cross di Ulmer firmando il 2-1 in scivolata. Pur non rischiando davvero la grande beffa, il Napoli patisce le continue offensive degli austriaci, chiude con la super inedita coppia centrale Hysaj-Luperto (Chiriches ko) e subisce il 3-1 nel recupero: palla vagante in area e destro vincente di Leitgeb, altro nuovo entrato. Tutto inutile: ai quarti di finale va il Napoli.

La statistica chiave

Sono ben 16 le conclusioni tentate dal Salisburgo. Un dato che illustra pienamente la prestazione valorosa degli uomini di Rose.

Il tweet

Il migliore in campo

Szoboszlai. Ragazzino classe 2000, viene schierato da Rose al posto di Junuzovic e non tradisce. Brillante e intelligente, fa un figurone.

Il peggiore in campo

Allan. In generale è il solito Allan, quello che morde le caviglie e che corre per tre. Ma è clamoroso l'errore che regala a Dabbur il pareggio, ridando al contempo vita al Salisburgo.

La dichiarazione

Carlo Ancelotti: "Il secondo tempo deludente? Siamo esseri umani. Meritavamo di chiudere in vantaggio il secondo tempo, abbiamo concesso il pareggio solo per un errore in uscita. Nella ripresa abbiamo gestito troppo, ma è normale".

Il tabellino

Salisburgo (4-3-1-2): Walke; Lainer, Ramalho, Onguéné, Ulmer; Mwepu (59' Gulbrandsen), Samassekou, Szoboszlai (74' Leitgeb); Wolf; Minamino (86' Haland), Dabbur. All. Rose

Napoli (4-4-2): Meret; Hysaj, Chiriches (78' Malcuit), Luperto, Mario Rui; Callejon, Allan, Fabian Ruiz, Zielinski (74' Diawara); Milik, Mertens (88' Younes). All. Ancelotti

Arbitro: Carlos Del Cerro Grande

Gol: 14' Milik (N), 25' Dabbur (S), 65' Gulbrandsen (S), 92' Leitgeb (S)

Ammoniti: Onguéné, Milik, Samassekou

Note: -

Video - Davide Ancelotti: "La carriera di successi di mio padre non è finita"

02:03
0
0