Imago

TAS, Calciopoli, Marsiglia e Totonero: le pagine più buie della storia del Milan

TAS, Calciopoli, Marsiglia e Totonero: le pagine più buie della storia del Milan
Di Eurosport

Il 29/06/2019 alle 08:40

L'esclusione dall'Europa League per effetto della sentenza del Tas di Losanna riporta alla luce le pagine più buie della storia del Milan.

23/03/1980: Il totonero

Dici totonero e subito la mente vota all’episodio più imbarazzante e vergognoso della storia del Milan, ovvero la retrocessione in Serie B (la prima della storia per il Diavolo) seguita al coinvolgimento nello scandalo del calcioscommesse. Quando ancora Milan-Torino è in corso vengono arrestati sulle tribune di San Siro il presidente del club Felice Colombo e il portiere Ricky Albertosi: negli spogliatoi invece i carabinieri fermano il centrocampista rossonero Giorgio Morini. Sono loro gli artefici della combine Milan-Lazio, coloro i quali contribuirono a comprare il successo sui biancocelesti.

20/03/1991: buio a Marsiglia

Undici anni dopo viene vergata un’altra pagina infausta della storia rossonera: dopo lo spegnimento di un riflettore dello stadio Velodrome di Marsiglia l’amministratore delegato del Milan invita la squadra a rientrare negli spogliatoi sul risultato di 1-0 a favore dell’Olympique nel ritorno dei quarti di finale di Coppa dei Campioni. I rossoneri non rientreranno in campo nemmeno a guasto ripristinato e saranno squalificati dalle competizioni europee per l’anno successivo. È il tramonto definitivo dell’era Arrigo Sacchi e rappresenta una ferita mai del tutto rimarginata.

Maggio 2006: Calciopoli

Il Milan è coinvolto nello scandalo di Calciopoli nella primavera del 2006, quando vengono rese pubbliche le telefonate tra il dirigente Leonardo Meani, arbitri e guardalinee del massimo campionato in merito ad alcune controverse chiamate arbitrali. La posizione del Milan non è così compromessa come quella della Juventus di Moggi e Giraudo, ma i rossoneri subiscono in ogni caso 30 punti di penalizzazione in campionato; Meani viene squalificato per due anni e due mesi in ultimo grado di giustizia sportiva, Adriano Galliani per 5 mesi.

Video - Ecco come giocherà il nuovo Milan di Giampaolo

01:01
0
0