Eurosport

Finisce l'avventura dell'Italia: super Saul trascina la Spagna in finale

Finisce l'avventura dell'Italia: super Saul trascina la Spagna in finale

Il 27/06/2017 alle 22:51Aggiornato Il 27/06/2017 alle 23:09

Una tripletta del centrocampista dell'Atletico Madrid rende vana la buona prestazione azzurra: finisce 3-1 per le Furie Rosse, che ora si giocheranno l'Europeo contro la Germania. Gara pesantemente condizionata dalla sciocca espulsione di Gagliardini, che lascia in 10 i compagni a inizio ripresa.

Il sogno finisce qui. L'Italia torna a casa, la Spagna vola in finale: si giocherà l'Europeo Under 21 contro la Germania, che nel tardo pomeriggio aveva sconfitto ai rigori l'Inghilterra. Il 3-1 spagnolo non racconta forse completamente l'andamento di una semifinale in cui gli azzurrini se la giocano alla grande contro un avversario più quotato e qualitativo, tenendo magistralmente il campo per più di un tempo e cedendo di schianto solo dopo l'episodio clou: la sciocca espulsione con la quale Gagliardini, già ammonito, lascia in 10 i compagni a inizio ripresa. Determinante la serata di grazia di un super Saul, un fuori categoria, che segna tutte e tre le reti che condannano la nazionale di Di Biagio. Commovente invece Federico Bernardeschi: suo il sinistro vincente che riporta l'Italia in quota in 10 contro 11. Ma non è che un'illusione: tra 1-1 e il 2-1 che spacca in due il match passano appena 3 minuti. Si conclude dunque qui un Europeo iniziato bene, poi quasi perso, quindi riacciuffato per i capelli. L'Italia può consolarsi, nonostante la Spagna abbia ora l'opportunità di raggiungerla a quota 5 trionfi nell'albo d'oro della competizione: fermarsi in semifinale contro la nazionale più forte del torneo non è mai una vergogna.

La cronaca della partita

Tanto equilibrio e poche occasioni vere per buona parte del primo tempo: Chiesa costringe Kepa a una parata non difficile, Deulofeu chiama Donnarumma al lavoro direttamente dalla bandierina. Dal 22' al 25' l'Italia ha tre occasioni di fila: la più chiara con Pellegrini, il cui tiro da dentro l'area viene respinto col corpo da Kepa, mentre Bernardeschi si vede deviare in angolo il sinistro da posizione ottimale e Caldara di testa fa lavorare nuovamente il portiere spagnolo. Poco dopo la mezz'ora, brivido Deulofeu: Ceballos lo pesca stupendamente in area, ma l'ex rossonero grazia Donnarumma toccando debolmente a lato. Sandro non trova la porta dal limite, e agli sgoccioli del tempo tocca a Petagna liberarsi e calciare col destro: Kepa c'è e blocca. Si va all'intervallo sullo 0-0.

Andrea Petagna, Hector Bellerin, Italy U21, Spain U21,

Andrea Petagna, Hector Bellerin, Italy U21, Spain U21,Getty Images

8 minuti e la Spagna passa: stupendo assist di Dani Ceballos per l'inserimento di Saul, che appena dentro l'area fredda Donnarumma. Italia in 10 poco dopo: già ammonito, Gagliardini sgambetta lo stesso Ceballos e Vincic non lo perdona, spedendolo direttamente sotto la doccia. Ma Bernardeschi ha un orgoglio grande così, e al 62' pareggia: botta mancina, deviazione di un avversario e Kepa è superato. Ma non passano che 3 minuti e la Spagna passa nuovamente: Saul da lontano, Donnarumma non è reattivo e il pallone entra nuovamente nella sua rete. Il tris è ancora opera della stella dell'Atletico Madrid, che accorre sul servizio all'indietro di Asensio e da vero bomber ci punisce ancora. Il finale è accademia: gli spagnoli sfiorano più volte il 4-1, senza trovarlo. In finale ci vanno loro.

La statistica chiave

Terzo successo consecutivo della Spagna Under 21, che negli ultimi 4 anni ha sempre battuto i pari età azzurri: nella finale del 2013, nell'amichevole di marzo e questa sera.

Il tweet

Il migliore in campo

Saul. Gran prestazione a centrocampo, strepitosa presenza offensiva: la sua tripletta apre le porte della finale alla Spagna. Un campione fatto e finito.

Il peggiore in campo

Gagliardini. Troppo, troppo falloso. L'arbitro lo avvisa già nel primo tempo, ma lui non ci sente e continua a commettere interventi irregolari. Risultato: espulsione e Italia in 10 già a inizio ripresa. Deleterio.

La dichiarazione

Gigi Di Biagio: “In 11 contro 10 è stato tutto più semplice per loro. I ragazzi sono stati fantastici. Potevamo arrivare in fondo, perché la squadra è buonissima, ma per come si è messa la partita non potevo chiedere di più. Zero rimpianti".

Il tabellino

Spagna (4-3-3): Kepa; Bellerin, J. Meré, J. Vallejo, J. Castro; Saul, M. Llorente, D. Ceballos (89' Oyarzabal); Asensio, Sandro (78' I. Williams), Deulofeu (83' Denis Suarez). Ct. Celades

Italia (4-3-3): Donnarumma; Calabria, Caldara, Rugani, Barreca; Benassi (87' Garritano), Gagliardini, Pellegrini; Bernardeschi, Petagna (72' Cerri), Chiesa (62' Locatelli). Ct. Di Biagio

Arbitro: Slavko Vincic (Slovenia)

Gol: 53' Saul (S), 62' Bernardeschi (I), 65' Saul (S), 74' Saul (S)

Note: ammoniti Benassi (I), Gagliardini (I), Calabria (I), Cerri (I); espulso Gagliardini (I) al 58'

0
0