Allsport

La Juve

La Juve ne becca tre dall'Amburgo
Di Eurosport

Il 03/08/2008 alle 17:02Aggiornato

La Juventus perde 3-0 contro l'Amburgo nella prima partita di giornata dell'Emirates Cup. Preoccupante calo di tensione degli uomini di Ranieri nel finale; tedeschi in vantaggio con Guerrero nel primo tempo, poi la doppietta di Olic nei minuti di recupero

Passo indietro della Vecchia Signora rispetto alle precedenti uscite in vista del preliminare di Champions League. La Juventus vista contro l'Amburgo è lontana parente della squadra apprezzata contro Arsenal e Borussia Dortmund.

L'Amburgo è decisamente più tonico, maggiormente reattivo sul pallone e con la mente decisamente più lucida. La Juve, che cambia 11 uomini su 11 rispetto alla partita contro l'Arsenal, appare lenta, impacciata e poco concreta. Per tutto il primo tempo a fare la partita sono i tedeschi, che trovano il gol del meritato vantaggio al minuto 19 grazie a Guerrero, abile a superare Chimenti in uscita con un preciso piatto sinistro.

La Juve prova a riorganizzarsi ma l'Amburgo è molto più "in palla" dei bianconeri: per apprezzare la prima azione pericolosa della formazione di Ranieri bisogna attendere addirittura il 57', quando Del Piero offre un assist d'oro a Salihamidzic che però sbaglia il controllo e vanifica così il lavoro del suo capitano. Dopo l'intervallo la Juve mostra segni di ripresa: Del Piero e Amauri si cercano (e si trovano) molto meglio rispetto al primo tempo, con il brasiliano che sfiora il gol con un grandissimo colpo di testa da dentro l'area su cui Rost compie un vero e proprio miracolo. I bianconeri spingono tantissimo e trovano anche il gol del pareggio con Camoranesi, ma questa volta (contro l'Arsenal era stato convalidato un gol irregolare a Trezeguet, ndr) la Juve si vede annullare una rete valida per un fuorigioco inesistente.

Ranieri perde, intanto, per infortunio Knezevic e Molinaro (steso dal compagno di squadra Chiellini, ndr), ma le cattive notizie non finiscono qui. Anche perché l'Amburgo non scherza e attacca fino alla fine. Olic (scatenato il centravanti croato) corona la sua grande partita con una sontuosa doppietta nei minuti di recupero fissando il risultato finale sul 3-0. Per Ranieri, e ovviamente per la Juve, non proprio una giornata da ricordare.

0
0