Getty Images

Hazard show ad Anfield, il Chelsea di Sarri ribalta il Liverpool e lo elimina dalla League Cup

Hazard show ad Anfield, il Chelsea di Sarri ribalta il Liverpool e lo elimina dalla League Cup

Il 26/09/2018 alle 23:55Aggiornato Il 27/09/2018 alle 00:03

Il Chelsea espugna Anfield e pone fine all'imbattibilità del Liverpool di Jurgen Klopp che esce ai sedicesimi di League Cup. La squadra di Sarri resta imbattuta e vince 2-1 in rimonta: di Emerson Palmieri e Hazard le reti che portano i Blues agli ottavi, al Liverpool non basta il gol di Sturridge per evitare il ko.

Ci voleva Maurizio Sarri e il suo Chelsea per infliggere il primo stop stagionale al Liverpool di Jurgen Klopp, che esce nei sedicesimi di finale della League Cup per la prima volta dal 1991. Una vittoria in rimonta quella dei Blues, impreziosita da un gol strepitoso di Eden Hazard che, entrato al 56’, ribalta la partita e la decide con uno slalom dalla trequarti e un doppio tunnel su Moreno e Keita chiuso con un rasoterra chirurgico che non lascia scampo a Mignolet e gela Anfield.

    Sarri cambia otto elementi rispetto alla sfida di domenica contro il West Ham ma la squadra londinese non sembra risentirne e sono proprio gli ospiti a creare le migliori palle gol con Morata e Willian. Al 37’ proteste vibranti del Liverpool per un fallo di Cahill su Keita in area di rigore che il Var però non ravvisa. Nella ripresa pronti-via e Sturridge si divora un gol fatto dopo aver scavalcato anche Caballero. I Reds premono al 58’ arriva grazie a un acrobatica deviazione di Sturrridge, attaccante sempre a proprio agio in League Cup (11esimo sigillo in altrettanti incontri).

    Per fortuna di Sarri però Hazard entra e cambia ben presto lo scenario di partita, al 79’ il belga batte una punizione con il contagiri che Mignolet respinge come può, sulla palla vagante irrompe Emerson Palmieri che fa 1-1. Il Chelsea però non s’accontenta e lo stesso Hazard si mette in proprio e sigla il 2-1 all’85’ che qualifica i Blues e consolida l’imbattibilità della squadra di Sarri, che lancia un altro segnale al calcio inglese.

    0
    0