Getty Images

Il Valencia riprende due volte l’Atletico Madrid prima dell'Atalanta: 2-2 nello scontro Champions

Il Valencia riprende due volte l’Atletico Madrid prima dell'Atalanta: 2-2 nello scontro Champions

Il 14/02/2020 alle 22:54Aggiornato Il 14/02/2020 alle 23:27

La sfida per le zone calde della classifica finisce in parità: Colchoneros due volte in vantaggio, con le reti di Llorente e Thomas, e due volte raggiunti dai padroni di casa con Gabriel Paulista e Kondogbia. Risultato che sta stretto agli uomini di Celades, che sono apparsi in ripresa in vista della sfida contro la banda Gasperini.

Dal Mestalla arrivano una buona e una cattiva notizia per l'Atalanta. La buona notizia: il Valencia non è ancora del tutto guarito ed è un avversario alla portata. La cattiva notizia: gli uomini di Celades hanno reagito dopo la pessima trasferta di Getafe e sono in ripresa. A dimostrarlo è un secondo tempo dominato contro un Atletico Madrid anch'esso in grossa difficoltà, capace di passare per due volte in vantaggio ma troppo fragile in difesa rispetto alle versioni precedenti della banda Simeone. Il Valencia ha il merito di rispondere colpo su colpo ai Colchoneros e di mettere alle corde gli avversari per larghi tratti della ripresa, ma esce dal Mestalla con qualche rimpianto per non aver conquistato tre punti che avrebbero cambiato totalmente lo scenario nella corsa alla Champions League. Gli uomini di Celades restano al sesto posto in Liga, ma Gasperini non deve illudersi: il Valencia c'è ed è un avversario di tutto rispetto. Con qualche punto debole, la fase difensiva su tutti. Occhio alle condizioni di Gabriel Paulista: il difensore ha subito una brutta torsione alla caviglia agli sgoccioli della partita. Una sua eventuale assenza renderebbe ancor più fragile la retroguardia degli spagnoli.

Il tabellino

VALENCIA-ATLETICO MADRID 2-2 (primo tempo 1-2)

VALENCIA (4-4-2): Doménech; Wass, Mangala, Paulista (90'+4 Diakhaby), Gayà; Ferran Torres, Kondogbia, Parejo, Carlos Soler (dall'80' Cheryshev); Guedes (dal 60' Gameiro), Maxi Gómez. All. Celades.

ATLETICO MADRID (4-4-2): Oblak; Arias (dal 66' Morata), Savic, Felipe, Lodi (dal 53' Vrsaljko); Koke (dal 76' Carrasco), Marcos Llorente, Thomas, Saúl; Vitolo, Correa. All. Simeone.

Gol: Llorente, Gabriel Paulista, Thomas, Kondogbia.

Ammoniti: Lodi, Gabriel Paulista, Vrsaljko, Mangala, Maxi Gomez.

Valencia-Atlético de Madrid

Valencia-Atlético de MadridGetty Images

La cronaca in 6 momenti chiave

15' ATLETICO MADRID IN VANTAGGIO - Triangolazione tra Correa e Vitolo, il destro dell'argentino viene deviato da Gabriel Paulista: Llorente non può sbagliare da pochi passi.

40' GABRIEL PAULISTA PAREGGIA LA PARTITA - Calcio d'angolo sul secondo palo per Maxi Gomez, che ha il tempo di stoppare il pallone di petto e mettere un forte sinistro in area di rigore: incornata vincente da pochi passi del difensore del Valencia.

43' L'ALTETICO MADRID TORNA SUBITO IN VANTAGGIO - Gran gol di Thomas, che recupera palla a metà campo, conduce fino al limite dell'area di rigore e scarica un gran destro all'angolino.

59' KONDOGBIA TROVA IL PAREGGIO - Calcio di punizione di Parejo dalla trequarti a scavalcare la difesa, il centrocampista francese parte in posizione regolare e insacca con un tocco ravvicinato.

74' GAMEIRO SI DIVORA IL 3-2 - Altra straordinaria azione di Ferran Torres sulla destra, assist perfetto per la punta che calcia dal dischetto: pallone alto.

81' DOMENECH SALVA SU MORATA - Gran cross di Vrsaljko sul secondo palo, ottimo stacco dello spagnolo: riflesso del portiere del Valencia. Sulla respinta Thomas calcia ancora da fuori: pallone largo di poco.

Il momento social del match

Il migliore

Ferran TORRES - Pazzesca partita dell'esterno destro del Valencia. 19 anni, una facilità di corsa incredibile e tantissimo talento: nella ripresa si trascina il Valencia sulle spalle e dai suoi piedi passano gran parte dei pericoli per l'Atletico Madrid. Un paio di assist al bacio vengono malamente sprecati da Gameiro e Maxi Gomez.

Il peggiore

Angel CORREA - Prova impalpabile del talento argentino. Nel primo tempo è uno dei pochi giocatori dell'Atletico Madrid a partecipare con passività alla manovra, nella ripresa sparisce completamente dalla partita. Complice anche lo spostamento a esterno con l'ingresso di Morata per Arias. I Colchoneros scarseggiano in talento in questa fase: con il fantasista sottotono, per Simeone si fa dura.

Video - Atalanta, tutti i segreti del Valencia in 60 secondi: undici tipo, allenatore, stella e precedenti

01:06