Getty Images

Al Portogallo basta un lampo di Cristiano Ronaldo: 1-0 al Marocco, che domina ma saluta il Mondiale

Al Portogallo basta un lampo di Cristiano Ronaldo: 1-0 al Marocco, che domina ma saluta il Mondiale

Il 20/06/2018 alle 16:00Aggiornato Il 20/06/2018 alle 17:10

Confronto deciso dal colpo di testa al 4' di CR7, al quarto centro di questa coppa iridata. Poi, monologo nordafricano che, tuttavia, non viene mai concretizzato. I lusitani, in attesa di Iran-Spagna, salgono a quota 4, la selezione di Hervé Renard - che recrimina per un penalty non assegnato nel primo tempo - è aritmeticamente fuori dai giochi nel Gruppo B.

Un bel Marocco, propositivo e a tratti dominante, viene freddato a inizio partita dalla stella assoluta, almeno fin qui, del Mondiale: Cristiano Ronaldo, che realizza di testa dopo soli 4' minuti e fa sì che i lusitani impostino una partita essenzialmente difensiva. La selezione di Renard, invece, colleziona un'infinità di palle gol senza mai concretizzarne una e, indipendentemente dal risultato di questa sera tra Iran e Spagna è già fuori dai giochi del Gruppo B e dal Mondiale.

Marocco eliminato dai Mondiali 2018 al termine della sfida al Portogallo (Getty Images)

Marocco eliminato dai Mondiali 2018 al termine della sfida al Portogallo (Getty Images)Getty Images

La cronaca della partita

Pronti, via e lusitani in vantaggio: corner battuto corto con cross, dalla destra, di Moutinho, che pesca,a centro area, il colpo di testa vincente di CR7, sfuggito alla morbida marcatura dell'ex Sampdoria Da Costa.

Cristiano Ronaldo

Cristiano RonaldoGetty Images

Da qui, in avanti, inizia il monologo marocchino: all'11', cross di Dirar dalla destra e torsione di testa di Boussoufa con palla fuori di poco. Al 23', dalla distanza, ci prova Ziyech. Al 31', episodio che suscita parecchie polemiche: Fonte sgomita su Boutaïb in area di rigore e l'arbitro statunitense Geiger decide di non fare uso del VAR per le proteste del ct Hervé Renard. Al 40' si rifà vivo il Portogallo: Cristiano Ronaldo serve in corsa Guedes che, tuttavia, conclude in corsa, in demi-volée, praticamente in bocca a Munir El Kajoui. Nella ripresa, al 57', l'occasione più ghiotta per il pareggio del Marocco: palla scodellata dal solito Ziyech ed imperioso stacco di Belhanda con Rui Patricio miracoloso nel respingere palla in calcio d'angolo. Prima della fine del match, Benatia - in proiezione offensiva - getta alle ortiche almeno un paio di rigori in movimenti e il risultato non cambierà.

La statistica chiave

Il tweet

Al primo posto di questa particolare partita, però, resta sempre l'iraniano Ali Daei con 109 gol.

Il migliore

Cristiano RONALDO (Portogallo): lo si può definire semplicemente con un aggettivo: determinante. Un'intera squadra, un'intera nazione calcistica "vive" esclusivamente della luce che emana.

Il peggiore

Manuel DA COSTA (Marocco): sente molto il match, lui con passapoorti marocchino e portoghese. Si dimentica di Cristiano Ronaldo nell'azione che ha deciso il match. Gravissimo errore da parte del centrale difensivo ex Fiorentina e Sampdoria.

Il tabellino

PORTOGALLO-MAROCCO 1-0

Portogallo (4-4-2): Rui Patricio; Cedric, Pepe, Fonte, Guerreiro; João Mario (70' Bruno Fernandes), João Moutinho (89' Adrien Silva), William Carvalho, Bernardo Silva (59' Gelson); Cristiano Ronaldo, Guedes. All.: Fernando Santos.

Marocco (4-2-3-1): El Kajoui; Amrabat, Benatia, Da Costa, Hakimi; El Ahmadi (86' Fajr), Boussoufa; Dirar, Belhanda (75' Carcela-Gonzalez), Ziyech; Boutaïb (70' El Kaabi). CT: Renard.

Arbitro: Mark Geiger (USA).

Gol: 4' Cristiano Ronaldo (P).

Note - Recupero: 3+5. Ammoniti: Benatia, Adrien Silva.

0
0