Getty Images

Croazia in semifinale con l'Inghilterra! Russia ko solo ai calci di rigore dopo il 2-2 dei 120'

Croazia in semifinale con l'Inghilterra! Russia ko solo ai calci di rigore dopo il 2-2 dei 120’

Il 07/07/2018 alle 22:50Aggiornato Il 08/07/2018 alle 12:54

La Croazia si qualifica per le semifinali del Mondiale dopo aver avuto la meglio sulla Russia a conclusione della lotteria dei calci di rigore. I tempi regolamentari si erano chiusi su un rocambolesco 2-2 in virtù delle reti di Cheryshev, Kramaric, Vida e Fernandes al 115'. Mercoledì sera alle 20:00 al Luzhniki Stadium di Mosca sarà dunque Inghilterra-Croazia e in palio ci sarà la finalissima.

Il sogno finisce ai quarti di finale, ma all’ultimo rigore. Dopo una battaglia infinita, l’ennesima in un Mondiale che resterà comunque nella storia. La Russia esce di scena nell’ultimo quarto di finale, perdendo dagli undici metri contro una Croazia superiore per larghi tratti ma incapace di portare a casa il risultato nonostante fosse passata in vantaggio nell’avvio del primo tempo supplementare. Fernandes aveva riacciuffato Modric e compagni, Fernandes li ha rimessi in strada verso l’Inghilterra ai rigori, calciando a lato il penalty risultato poi decisivo. L’ennesima partita incredibile in un Mondiale incredibile.

La Russia aveva iniziato giocandosela sul ritmo ed era stata premiata dall’ennesima prodezza di Cheryshev, poi era prevalsa la qualità croata con il pareggio di Kramaric e il vantaggio di Vida al 101’. Infine, il cuore dei padroni di casa è valso il 2-2 con susseguenti rigori. Lì dove la Croazia ha saputo vincere ancora dopo la lotteria degli ottavi contro la Danimarca. Merito ancora di uno straordinario Subasic. Ai tre penalty dell’altra volta, ne ha aggiunto uno soltanto su Smolov. Ma c’era da capirlo, era infortunato da più di mezz’ora...

L'esultanza di Vida dopo il gol del temporaneo 2-1

L'esultanza di Vida dopo il gol del temporaneo 2-1Getty Images

La cronaca

Cherchesov torna al 4-2-3-1 della fase a gironi e archivia la difesa a cinque vista contro la Spagna. Fuori Zhirkov, torna dal 1’ Cheryshev con Golovin a supporto di Dzyuba. Dalic ripresenta alla formazione del debutto e lascia fuori Brozovic, diffidato. Il modulo è un 4-2-3-1 nel quale Rakitic e Modric si muovono davanti alla difesa e Kramaric agisce da trequartista. La Russia parte con un assetto molto più aggressivo rispetto all’exploit contro le Furie Rosse, ma non trova la via della porta di Subasic. Con il passare dei minuti Modric fa valere la qualità e la Croazia prende il controllo del gioco. Dopo una girata di testa di Perisic (28’) sono però i padroni di casa a passare in vantaggio. Triangolo rapidissimo tra Cheryshev e Dzyuba, con il primo che spara un sinistro all’incrocio dai 25 metri che vale l’1-0 (31’). La Croazia barcolla, rimedia due gialli ingenui con Lovren e Strinic. Ma, nel momento peggiore, estrae il coniglio dal cilindro. Mandzukic scappa a sinistra, pesca Kramaric liberissimo in area ed è 1-1 (39’).

Denis Cheryshev esulta dopo l'1-0

Denis Cheryshev esulta dopo l'1-0Getty Images

Il secondo tempo si apre con una Croazia lanciata all’assedio. Kramaric non dà potenza a una rovesciata (52’), mentre Perisic colpisce un palo interno semplicemente clamoroso (60’). Cherchesov corre ai ripari con Erokhin per Samedov (54’), Smolov per Cheryshev (67’) e Gazinskii per l’eroico Dzyuba (79’). Dalic risponde con Brozovic per Perisic (63’), Pivaric per Strinic (74’) e Kovacic per Kramaric (88’). Ma, appena finito l’ultimo cambio, ecco Subasic bloccarsi per un problema alla coscia destra. Il portiere stringe i denti, salva su un tiro cross di Smolov e porta la sfida ai supplementari.

Andrej Kramaric

Andrej Kramaric Getty Images

Il portiere resiste e, così, Dalic ha modo di rimpiazzare l’infortunato Vrsaljko con Corluka. Il match sembra arenato, ma a sbloccarlo è – come quasi sempre accaduto in questo Mondiale – un corner. Vida stacca nel cuore dell’area e sorprende Akinfeev con la complicità di Corluka, il tutto al minuto 101’. Finita? Neanche per scherzo. La Russia si getta in avanti nel secondo tempo supplementare e, dopo due parate eroiche di Subasic, trova il 2-2. Punizione dalla destra di Dzagoev, Mandzukic si perde Fernandes, incornata del terzino naturalizzato e pareggio.

Mario Fernandes e il gol del 2-2

Mario Fernandes e il gol del 2-2Getty Images

Si va ai rigori. Subasic conferma il proprio stato eroico parando il primo tiro di Smolov, Brozovic porta avanti la Croazia. Ma Kovacic si fa parare da Akinfeev la propria conclusione ed è tutto da rifare. Ci pensa Fernandes. L’eroe dei supplementari fallisce malamente calciando a lato, Akinfeev tocca la conclusione di Modric ma la palla va dentro. E, così, a Vida e Rakitic resta da completare gli ultimi due tasselli che valgono la prima semifinale dal 1998. Appuntamento a mercoledì sera contro l’Inghilterra.

Video - Fast match report: Russia - Croazia 2-2 (5-6 d.c.r.) in 60 secondi

00:59

Il tweet da non perdere

La statistica chiave

La Croazia, che torna in semifinale per la prima volta dal 1998, ha segnato due gol di testa contro la Russia. Nelle precedenti 20 partite ne aveva segnato soltanto uno. Ebbene sì, in questi Mondiali i calci piazzati decidono eccome.

Il migliore

Danijel SUBASIC – Para un solo rigore, ma gioca infortunato tutti i supplementari. Aggiungete che fino al momento del ko non era stato impegnato e da allora si è superato in tre interventi miracolosi. Come potrebbe non essere lui il migliore in campo?

Il peggiore

Ivan PERISIC – Generoso (come testimonia il recupero che genera l’1-1), ma poco brillante. Si porta sulla coscienza l’incredibile palo interno colpito al 60’. Dalic lo vede e lo leva subito.

2018, L'incredulità di Rakitic e Brozovic dopo il gol del 2-2 di Fernandes, Russia-Croazia, Getty Images

2018, L'incredulità di Rakitic e Brozovic dopo il gol del 2-2 di Fernandes, Russia-Croazia, Getty ImagesEurosport

Il tabellino

Russia (4-2-3-1): Akinfeev; Fernandes, Kutepov, Sergei Ignashevich, Kudriashov; Kuziaev, Zobnin; Samedov (dal 9’ st Erokhin), Golovin (dal 12’ pts Dzagoev), Cheryshev (dal 22’ st Smolov); Dzyuba (dal 34’ st Gazinskii). CT: Cherchesov.

Croazia (4-2-3-1): Subasic; Vrsaljko (dal 7’ pts Corluka), Lovren, Vida, Strinic (dal 29’ st Pivaric); Rakitic, Modric; Rebic, Kramaric (dal 43’ st Kovacic), Perisic (dal 18’ Brozovic); Mandzukic. CT: Dalic.

Arbitro: Ricci (Brasile).

Ammoniti: 35’ pt Lovren, 38’ pt Strinic, 11’ pts Vida, 4' sts Gazinskii, 8' sts Pivaric.

Reti: 31’ pt Cheryshev, 39’ pt Kramaric, 11’ pts Vida, 10' sts Fernandes.

Sequenza rigori: Smolov, parato 0-0; Brozovic, gol 0-1; Dzagoev, gol 1-1; Kovacic, parato 1-1; Fernandes, fuori 1-1; Modric, gol 1-2; Ignashevich, gol 2-2; Vida, gol 2-3; Kuzaev, gol 3-3; Rakitic, gol 3-4.

0
0