PA Sport

Egitto-Uruguay: probabili formazioni e statistiche

Egitto-Uruguay: probabili formazioni e statistiche

Il 13/06/2018 alle 20:33Aggiornato Il 14/06/2018 alle 12:47

L'Uruguay è il più accreditato sulla carta, ma il vero osservato speciale è Mohamed Salah, che sta tentando il recupero-lampo dopo l'infortunio patito col Liverpool nella finale di Champions League, ma non dovrebbe essere nell'undici titolare.

Le probabili formazioni

  • Egitto (4-2-3-1): El Hadary; Fathy, Samir, Hegazy, Abdel-Shafi; Hamed, Morsy; Trezeguet, Said, Sobhi; Hassan. All. Cuper
  • Uruguay (4-4-2): Muslera; Varela, Gimenez, Godin, Laxalt; Nandez, Bentancur, Vecino, Rodriguez; Suarez, Cavani. All. Tabarez

Video - Alla scoperta di Mosca e del suo stadio in vista dei Mondiali

01:35

Statistiche e curiosità

  • L'osservato speciale dei giorni prima del debutto delle due squadre, a dispetto della maggior forza "sulla carta" dell'Uruguay, è Mohamed Salah, stella dell'Egitto che però sta recuperando dall'infortunio patito nella finale di Champions League contro il Real Madrid e non dovrebbe fare parte dell'undici titolare. Mohamed Salah è stato il miglior marcatore nelle qualificazioni ai Mondiali della zona CAF (terzo turno), segnando cinque degli otto gol totali dell’Egitto.
  • Tra le due squadre non esistono precedenti ai Mondiali. L’Uruguay ha battuto l’Egitto nell’unico precedente: vittoria per 2-0 ad Alessandria d’Egitto nell’agosto 2006.
  • L’Uruguay è imbattuto contro nazioni africane in incontri disputati ai Mondiali (1V, 2N).
  • Questa è la terza partecipazione dell’Egitto ai Mondiali, la prima dal 1990. L’ultima sua partita nella competizione è datata 21 giugno 1990, quando perse 1-0 contro l’Inghilterra nella fase a gironi. Non ha mai vinto una partita ai Mondiali, due pareggi e due sconfitte finora. Nessun’altra squadra africana ha giocato almeno quattro partite nella competizione senza mai trovare la vittoria.
  • Per l’Uruguay si tratta della 13a presenza nella competizione, la terza consecutiva – la sua striscia ai Mondiali più lunga dal 1974 (quattro di fila). È stata la prima squadra a vincere un Mondiale, nel 1930. Ha inoltre alzato il trofeo nella sua seconda partecipazione nel 1950. Tuttavia, ha superato gli ottavi di finale solo una volta nelle ultime sei partecipazioni (quarto posto nel 2010).
  • La Celeste ha perso solo uno degli ultimi otto incontri ai Mondiali (4V, 3N), contro il Costarica (1-3) nel 2014. Tuttavia non ha vinto nessuna delle ultime sei partite d’esordio in un’edizione della competizione (3N, 3P), ultimo successo nel 1970 (2-0 vs Israele
  • Edinson Cavani è stato il capocannoniere delle qualificazioni CONMEBOL per questi Mondiali, grazie ai 10 gol realizzati. Luis Suárez ha preso parte attiva a sette degli ultimi 13 gol dell’Uruguay ai Mondiali (cinque reti, due assist).
  • Primo Mondiale da allenatore per Héctor Cúper. Il suo unico precedente in un grande torneo internazionale con l’Egitto l’ha visto arrivare in finale della Coppa d’Africa 2017, persa per 1-2 contro il Camerun.
  • Quarta presenza ai mondiali per Oscar Tabárez (dopo quelle del 1990, 2010 e 2014), più di qualsiasi altro tecnico presente in questa edizione. Nei suoi 15 precedenti nella competizione ha registrato sei vittorie e altrettante sconfitte (3N).

Video - Uruguay a Russia 2018: la scheda-video

01:49
0
0