Getty Images

Il Belgio vola con Hazard e Lukaku: 5-2 alla Tunisia e ottavi virtualmente in tasca

Il Belgio vola con Hazard e Lukaku: 5-2 alla Tunisia e ottavi virtualmente in tasca

Il 23/06/2018 alle 15:57Aggiornato Il 23/06/2018 alle 16:35

Dopo il 3-0 dell'esordio, la nazionale di Martinez sconfigge anche i tunisini grazie a un attacco devastante. Qualificazione alla prossima fase quasi conquistata: se l'Inghilterra non perderà contro Panama, diventerà matematica già domani.

Un 3-0 all'esordio, un 5-2 alla seconda giornata. Una vera e propria dichiarazione di guerra, nonostante la modestia degli avversari incontrati. Il Belgio conferma di avere a disposizione un attacco devastante, uno dei migliori dell'intera kermesse mondiale, e si mette virtualmente in tasca un'agevole qualificazione alla prossima fase. L'enorme differenza reti favorevole è destinata a non riservare sorprese, ma la matematica potrà arrivare solamente domani, nel caso l'Inghilterra non venga sorpresa da Panama. Grandi protagonisti della goleada sono Eden Hazard e Romelu Lukaku, due delle stelle più luccicanti di una costellazione di campioni: una doppietta a testa e la resistenza della pur valente Tunisia è superata. Una prova di forza notevole, anche se il vero esame per la nazionale di Martinez sarà contro gli inglesi, all'ultimo turno. La classifica dice dunque che il Belgio sale a quota 6, che l'Inghilterra è a 3 e che Panama e Tunisia chiudono senza punti. Se Kane e compagni racimoleranno almeno un punto contro i nordamericani, i belgi festeggeranno l'approdo agli ottavi di finale con un turno d'anticipo.

La cronaca della partita

Meunier fa le prove del gol, che arriva dopo 6 minuti: Hazard viene steso in area da Syam Ben Youssef e dal dischetto non perdona. E al 16', dopo che Mertens ha fallito il raddoppio da pochi passi, segna anche Lukaku: lo stesso Mertens recupera sulla trequarti e manda in porta il compagno, il cui sinistro incrociato termina alle spalle di Ben Mustapha. Passano però solo due minuti e la Tunisia accorcia: punizione calibrata di Khazri, spizzata di Bronn e Courtois non può arrivarci. Il 2-1 rinvigorisce i nordafricani, che si rendono sempre insidiosi ma rischiano grosso con i vari Carrasco, Lukaku e de Bruyne. Subendo, al terzo dei 4 minuti di recupero del primo tempo, la rete del 3-1: stupendo tocco dentro di Meunier per il solito Lukaku, che supera il portiere avversario con un morbidissimo lob di destro.

Il primo gol di Lukaku

Il primo gol di LukakuGetty Images

Al rientro dagli spogliatoi la Tunisia ci prova, ma ad andare a segno è ancora il Belgio: lancio dalle retrovie di Alderweireld per Hazard, che stoppa di petto, supera Ben Mustapha e appoggia in rete a porta vuota. Carrasco vuole la gloria personale, ma il suo splendido destro a giro si spegne a pochi centimetri dall'incrocio. Martinez concede una ventina di minuti a Batshuayi, che cerca in tutti i modi di lasciare il segno: prima la traversa e poi Ben Mustapha gli dicono però di no. Alla fine il 5-1 arriva al 90': merito della scodellata di Tielemans, ma soprattutto della stoccata mancina al volo del centravanti, imprendibile per il portiere tunisino. La nazionale di Maaloul ha un sussulto d'orgoglio e al 93' accorcia con Khazri: bella la sua girata ravvicinata, imprendibile per Courtois. Uno zuccherino in una giornata così amara.

La statistica chiave

Romelu Lukaku è il primo giocatore a segnare due o più reti in due gare consecutive di un Mondiale dal 1986: allora ci era riuscito Diego Armando Maradona (all'Inghilterra nei quarti e allo stesso Belgio in semifinale).

Il tweet

Il migliore in campo

Lukaku. Bestiale. Fisico, movimenti, capacità di far salire la squadra e dialogare con i compagni. La seconda doppietta in due giornate lo colloca al primo posto, assieme a Cristiano Ronaldo, della classifica dei cannonieri.

Il peggiore in campo

Benalouane. Riesce nell'impresa di far peggio rispetto a Ben Youssef: tiene in gioco sia Lukaku che Hazard, che giustamente non lo perdonano, e si perde pure Batshuayi. Un incubo.

La dichiarazione

Roberto Martinez: "Sono felice, segnare così tanto a un Mondiale non è mai facile. Oggi è stata una partita diversa rispetto a quella contro Panama: la Tunisia ha giocato in modo aperto, ma ce lo aspettavamo".

Il tabellino

Belgio (3-4-3): Courtois; Alderweireld, Boyata, Vertonghen; Meunier, Witsel, de Bruyne, Ferreira-Carrasco; Mertens (86' Tielemans), Lukaku (59' Fellaini), E. Hazard (68' Batshuayi). Ct: Martinez

Tunisia (4-3-3): Ben Mustapha; Bronn (24' Naguez), Meriah, S. Ben Youssef (41' Benalouane), A. Maaloul; Sassi (59' Sliti), Skhiri, Khaoui; F. Ben Youssef, Khazri, Badri. Ct: N. Maaloul

Arbitro: Jair Marrufo (USA)

Gol: 6' rig. Hazard (B), 16' Lukaku (B), 18' Bronn (T), 49' pt Lukaku (B), 51' Hazard (B), 90' Batshuayi (B), 93' Khazri (T)

Note: ammonito Sassi

0
0