Getty Images

L'Arabia sorprende al 94' l'Egitto: finisce 2-1 per i sauditi alla Volgograd Arena

L'Arabia sorprende al 94' l'Egitto: finisce 2-1 per i sauditi alla Volgograd Arena

Il 25/06/2018 alle 17:57Aggiornato Il 25/06/2018 alle 19:56

La rete di Al-Dawsari al 94' ha permesso all'Arabia Saudita di mandare ko per 2-1 l'Egitto. I ragazzi di Pizzi chiudono al terzo posto nel gruppo A, ultimi i Faraoni che chiudono mestamente all'ultimo posto a quota zero punti

L'Arabia Saudita di Pizzi, considerata da molti la squadra materasso del gruppo A, riesce nella grande impresa di battere l'Egitto di Cuper che resta fermo invece a quota zero. Al gol del vantaggio di Salah hanno risposto Al-Faraj su calcio di rigore e Al-Dawsari al minuto 94', in pieno tempo di recupero. I sauditi, sul risutato di 1-0 per i Faraoni, hanno anche fallito un altro calcio di rigore con Al-Muwallad. Con questo successo l'Arabia termina a quota tre punti dietro ad Uruguay con nove e Russi con sei. Egitto grande delusioni di questo Mondiale.

La cronaca

Dopo venti minuti di equilibrio ci pensa Salah a spezzarlo al 22’ con il gol del vantaggio. Said lo lancia in profondità in mezzo ai due centrali difensivi dell’Arabia, stop e pallonetto a battere Al-Mosaleim. Due minuti dopo ancora Salah si divora il 2-0 con un tentativo di cucchiaio non andato a buon fine. Salah al 34’ manda in porta Trezeguet che va al tiro di prima intenzione non inquadrando il bersaglio grosso. Minuto 39’ fallo di mano di Fathy, Roldan concede rigore. El Hadary dal dischetto si supera su Al-Muwallad e para il penalty. In pieno recupero Gabr trattiene Al-Muwallad e l’arbitro concede ancora la massima punizione. Dal dischetto questa volta si presenta Al-Faraj che non sbaglia. Nella ripresa spinge l’Arabia Saudita con Bahbir che va al tiro di destro ma non impegna El Hadary che para comodamente. Ancora Bahbir va vicino al gol al 55’, mentre Trezeguet svetta di testa al 57’ e per poco non segna il gol del vantaggio. Al 94', però, l'Arabia Saudita segna il gol beffa con Al-Dawsari che regala tre punti d'oro ai ragazzi di Pizzi lasciando a secco quelli di Cuper.

La statistica chiave

L'Arabia Saudita conquista tre punti d'oro e lascia a quota zero l'Egitto. L’ultima nazionale a non fare nemmeno un punto ai Mondiali era stato l’Honduras, in Brasile nel 2014.

Il tweet da non perdere

Il migliore

Essam EL-HADARY - Non può che non essere lui il migliore in campo. A 45 anni e 161 giorni diventa non solo il calciatore più longevo della storia del Mondiale, ma parando il rigore ad Al-Muwallad resterà per sempre nella storia. Intramontabile.

Il peggiore

Marwan MOHSEN - Praticamente un fantasma, c’è ma non si vede. Mai. Inconcludente e mai pericoloso.

Il tabellino

Arabia Saudita (4-5-1): Al-Mosailem; Al-Burayk, M Hawsawi, Os Hawsawi, Al-Shahrani; Bahbir (65’ Assiri) , Al-Faraj, Otayf, Al-Moghawi, Al-Dawsari; Al-Muwallad (79’ Al-Shehri). Ct: Juan Antonio Pizzi

Egitto (4-2-3-1): El-Hadary Fathy, Gabr, Hegazy, Abdel-Shafi; Hamed, Elneny; Salah, El-Said (Warda), Trezeguet (81’ Kharaba), Mohsen (64’ Sobhi). CT: Cuper.

Reti: 22’ Salah (E), 51’ 1t Al-Faraj (A), 94' Al-Dawasari (A)

Ammoniti: Ali Gabr (E), Fathy (E)

0
0