Getty Images

Le pagelle di Nigeria-Argentina 1-2: Rojo uomo della provvidenza, Mascherano graziato

Le pagelle di Nigeria-Argentina 1-2: Rojo uomo della provvidenza, Mascherano graziato

Il 26/06/2018 alle 23:12Aggiornato Il 27/06/2018 alle 08:07

Il difensore regala gli ottavi ai suoi con un gol da incorniciare. Bene Messi, nonostante il calo nella ripresa, male Higuain. Mascherano a due facce. Balowun baluardo difensivo, Musa e Ighalo fanno impazzire la difesa argentina nella ripresa. Bene il giovane portiere Uzoho, invisibile Iheanacho.

Le pagelle della Nigeria

Francis UZOHO 6,5 – Coraggioso in uscita su Higuain, tocca sul palo la punizione di Messi. Incolpevole sui due gol. Spregiudicatezza da ventenne.

Leon BALOGUN 6,5 – Forza fisica strabordante, gli attaccanti argentini non hanno vita facile. Si procura il rigore del pareggio. Attivo.

William TROST EKONG 5,5 – Tanto fisico e poca tecnica. Se puntato va in difficoltà.

Kenneth OMERUO 6 - Messi e Di Maria passano spesso dalle sue parti, lui si arrangia come può. (dal 90 Alex IWOBI sv)

Victor MOSES 6 – Contribuisce poco alla causa offensiva della sua squadra, ma è freddissimo nel realizzare il rigore del pareggio.

Oghenekaro ETEBO 6 – Morde le caviglie a qualsiasi giocatore avversario gli passi a tiro. Ruvido, a volte anche troppo.

John OBI MIKEL 6 – Esperienza al servizio della squadra, guida la riscossa dei suoi nella ripresa.

Wilfred NDIDI 6 – Corsa e personalità, nel secondo tempo va anche al tiro.

Bryan IDOWU 5,5 – Spinge sulla fascia, ma quando è chiamato a difendere non è irreprensibile. Da rivedere.

Ahmed MUSA 6,5 – Il più vivace dei suoi in avanti, nella ripresa fa ammattire i difensori argentini con le sue accelerazioni. Spina nel fianco. (dal 92' SIMY sv)

Kelechi IHEANACHO 5 – Punge poco. Confusionario sui pochi palloni che ha tra i piedi. Resta negli spogliatoi dopo l’intervallo. (dal 46' Odion IGHALO 6,5 - Un altro che salta l'uomo. la difesa avversaria lo soffre nel momento migliore della Nigeria).

Argentina

ArgentinaGetty Images

Le pagelle dell'Argentina

Franco ARMANI 6,5 – Buon esordio. Chiude la saracinesca agli attaccanti nigeriani nel momento di difficoltà del secondo tempo.

Gabriel MERCADO 6 – In difficoltà su Musa, ma regala a Rojo l'assist del gol-vittoria.

Nicolas OTAMENDI 6 – Soffre anche lui nella ripresa, ma tiene comunque il controllo della difesa.

Marcos ROJO 7,5 – Perchè salva l'identità calcistica di un Paese intero con un gol pazzesco, tanto bello quanto importante. Prima aveva guidato con aggressività e leadership la sua difesa.

Nicolas TAGLIAFICO 6 – Sale con personalità in avvio, è suo il primo tiro della gara. Nella ripresa cala ma non sfigura. (dal 80' Sergio AGUERO sv)

Enzo PEREZ 5 – Nel primo tempo l'Argentina fa la partita, ma lui è poco coinvolto. Poche iniziative, sostituito nel momento d'emergenza (dal 60' Cristian PAVON 6,5 - Per buona parte della ripresa è l'unico dell'Argentina che ci mette la voglia giusta).

Javier MASCHERANO 6 – Voto difficile. Indemoniato nel primo tempo quando col suo pressing mostra la fame mancata fin qui ai suoi. Male nella ripresa. Causa il rigore e va in difficoltà quando viene puntato, Chiude combattendo con una ferita sanguinante al volto.

Ever BANEGA 6,5 – Da applausi nel primo tempo, guida il centrocampo con grande qualità e ordine. Lancio delizioso per il gol di Messi. Cala tanto nel secondo tempo.

Angel DI MARIA 5,5 – Un altro che ha mostrato due volti nel suo match. Incalzante prima, spento e impreciso poi. Sostituito. (dal 73' Maximiliano MEZA 6 - Un paio di cross, poco più)

Lionel MESSI 7 – Il primo tempo è finalmente da Messi. Un gol strepitoso, un palo, un assist delizioso a Higuain. Nella ripresa viene costantemente raddoppiato e cala, ma rimane comunque l'unico leader in campo.

Gonzalo HIGUAIN 5 - Nel primo tempo non gioca una brutta partita, ma è comunque il meno brillante del reparto offensivo argentino. Nella ripresa sparisce come tanti compagni, ma quel gol sbagliato malamente lo inchioda. Non ci fosse stato Rojo...

Le statistiche

  • L’Argentina ha superato la fase a gironi dei Mondiali nelle ultime quattro edizioni di fila (2006, 2010, 2014 e 2018).
  • L’Argentina è imbattuta nelle ultime 40 partite dei Mondiali in cui ha segnato il primo gol (35V, 5N), dopo la sconfitta per 1-3 contro la Germania nel 1958.
  • La Nigeria è stata eliminata nella fase a gironi dei Mondiali in tre delle ultime quattro edizioni disputate (2002, 2010 e 2018).
  • La Nigeria ha perso tutte le ultime sei gare contro squadre sudamericane ai Mondiali, cinque delle quali per mano dell’Argentina (nel 1994, 2002, 2010, 2014 e 2018).
  • Lionel Messi, con un gol nella prima frazione, ha interrotto un digiuno di 662 minuti ai Mondiali - la sua precedente marcatura arrivò contro la Nigeria, nel 2014.
  • Lionel Messi è il terzo giocatore argentino a segnare in tre differenti edizioni dei Mondiali (2006, 2014 e 2018), dopo Diego Maradona (1982, 1986 e 1994) e Gabriel Batistuta (1994, 1998 e 2002).
  • Il 50% dei gol di Lionel Messi ai Mondiali sono stati segnati contro la Nigeria (tre su sei), inclusi tutti gli ultimi tre nella competizione.
  • Il gol dell’Argentina segnato al 14° minuto è stato il 100° in questo Mondiale.
  • Sono sette i dribbling riusciti da Messi in questo incontro - con questi sono 107 i suoi dribbling complessivamente riusciti ai Mondiali, più di ogni altro giocatore dal 1966, superando Diego Maradona (arrivato a 105).
  • Il gol di Marcos Rojo è il suo secondo con la maglia dell’Argentina ai Mondiali; anche il primo è arrivato contro la Nigeria – 1452 giorni fa, nell’edizione del 2014.
  • L’età media dell’11 iniziale dell’Argentina in questo incontro è stata di 30 anni e 189 giorni, la più anziana per loro in una gara nella storia dei Mondiali.
0
0