Getty Images

Le pagelle di Nigeria-Islanda 2-0: Musa scatenato, Sigurdsson decisivo in negativo

Le pagelle di Nigeria-Islanda 2-0: Musa scatenato

Il 22/06/2018 alle 19:59Aggiornato Il 22/06/2018 alle 20:47

Diamo i voti ai protagonisti del match della Volgograd Arena. Musa straripante, Moses spina costante. Tra gli islandesi male Bodvarsson e Sigurdsson.

=Le pagelle della Nigeria=

Francis UZOHO 6,5 – Para bene su Sigurdsson nel primo tempo e fa buona guardia in generale. Molto bravo nelle uscite alte. Sicurezza.

Kenneth OMERUO 6Bjarnason è un cliente sempre ostico ma lui lo contiene bene.

William TROOST-EKONG 6,5 - Decisamente meglio rispetto al match contro la Croazia, guida la difesa con autorevolezza.

Leon BALOGUN 6 - Il meno sicuro della retroguardia nigeriana ma non commette particolari sbavature e va pure vicino al gol.

Viktor MOSES 7 - Nel Chelsea di Conte è un giocatore fondamentale, stesso discorso per la Nigeria. Offre un assist d'oro a Musa ed è una spina costante nel fianco della difesa islandese.

Wilfred NDIDI 6 - Halldorsson gli dice no con una grande parata. Gioca una partita molto intensa centrocampo.

Oghenekaro ETEBO 6 - Si limita al compitino ma non demerita. (dal 92' Alex IWOBI SV)

Bryan IDOWU 6 - Gioca largo a sinistra e contiene bene gli avversari. Esce a fine primo tempo perché ammonito. (dal 46’ Tyronne EBUEHI 5,5 - Provoca il rigore che poteva riaprire la partita. Fortuna sua che non sia stato così)

John OBI MIKEL 6 - Non è più quello ammirato ai tempi del Chelsea ma il suo peso specifico si fa sentire a centrocampo.

Ahmed MUSA 8 - Nel primo tempo vivacchia, nella ripresa diventa devastante e decisivo per le sorti della Nigeria. Segna due reti di ottima fattura e fa sognare una nazione intera che ora vuole la qualificazione agli ottavi.

Kelechi IHEANACHO 6 - Sei di incoraggiamento ad un giocatore dalle enormi qualità che potrebbe fare di più. Si sbatte e porta comunque a casa la pagnotta.(dall’85 Odion IGHALO sv).

Ct Gernot ROHR 6,5 - La sua Nigeria è viva e lui è in pieno controllo della situazione. Ad un punto dalla qualificazione ai Mondiali e dall'eliminare l'Argentina.

Ahmed Musa festeggia con i compagni dopo aver segnato in Nigeria-Islanda 2-0 (Mondiali 2018)

Ahmed Musa festeggia con i compagni dopo aver segnato in Nigeria-Islanda 2-0 (Mondiali 2018)Getty Images

=Le pagelle dell’Islanda=

Hannes HALLDORSSON 6 - Incolpevole sui gol e attento sui tiri dalla distanza degli avversari.

Birkir SAEVARSSON 6 - Soffre poco la spinta degli avversari e prova a sua volta a farsi vedere in avanti. Partita onesta.

Kari ARNASON 5,5 - Un disimpegno sbagliato nella ripresa rischia di favorire Messi, ma nella sua gara non ci sono altre macchie. Gran tenuta difensiva.

Ragnar SIGURDSSON 5 - Colpevole sul gol di Musa che l'anticipa seccamente. Esce infortunato per aver preso un pestone alla tesa(dal 65’ Sverrir Ingi INGASON 5,5 - Non è il massimo della sicurezza ed è colpevole come gli altri nella seconda rete nigeriana.)

Hordur MAGNUSSON 6 - L'anello debole della retroguardia di Hallgrimsson: soffre Salvio, barcolla e rischia di rovinare tutto regalando all'Argentina un rigore.

Rurik GISLASON 5,5 - Deludente la sua prova. Nessuno spunto degno di nota.

Aron GUNNARSSON 5,5 - Viene fagocitato dal centrocampo nigeriano e non riesce mai a verticalizzare l'azione.(dal 87' Ari SKULASON s.v.)

Gylfi SIGURDSSON 5 - L'errore dal dischetto pesa come un macigno perché avrebbe potuto riaprire la partita. Dopo il primo gol di Musa, come tutti i suoi compagni, stacca troppo presto la spina e questo si riflette sulla sua prestazione.

Birkir BJARNASON 5,5 - Parte bene ma si spegne ben presto. Non uno dei peggiori m poteva dare di più.

Jón Dadi Bödvarsson 5 - Gioca male e non la vede mai. Non è il peggiore solo perché Sigurdsson ha fallito il rigore che poteva riaprire il match. (dal 71 Bjorn Bergman SIGURDARSON 5,5 - Entra a risultato già compromesso e ci mette la voglia. Non basta)

Alfred FINNBOGASON 5,5 - Si procura il calcio di rigore ma per il resto è poca roba. Spuntato.

Ct: Heimir HALLGRIMSSON 5 - Due passi indietro rispetto all'esordio contro l'Argentina. Ora per qualificarsi serve un'impresa contro la Croazia e ad oggi sembra impensabile.

0
0