Getty Images

Le pagelle di Tunisia-Inghilterra 1-2: Kane risolutivo, Alli e Sterling rivedibili

Le pagelle di Tunisia-Inghilterra 1-2: Kane risolutivo, Alli e Sterling rivedibili

Il 18/06/2018 alle 22:49Aggiornato Il 19/06/2018 alle 01:20

L'attaccante inglese fa doppietta e decide il match, navigando nel mare aperto di una difesa tunisina che ha non poche cose da farsi perdonare. Alli e Sterling quasi non pervenuti, mentre positiva la prova di Trippier.

--- TUNISIA ---

Mouez HASSEN 6,5 – Un inizio sfavillante, ma purtroppo per lui dopo un quarto d’ora è costretto a lasciare il campo per infortunio alla spalla (dal 15’ Farouk BEN MUSTAPHA 6 – Risponde presente quando chiamato in causa, non facendo rimpiangere il compagno; anche se sulla rete finale di Kane il suo posizionamento non copre bene il primo palo, dove si va a infilare il colpo di testa dell’attaccante inglese).

Yassine MERIAH 5,5 – Buona la sua copertura sulla corsia, dove non consente facilità di gioco al pericoloso Dele Alli. Complice, come tutta la retroguardia, di perdersi Kane in entrambi i gol dell’Inghilterra.

Syam BEN YOUSSEF 5 - Nella prima parte di gara, insieme al compagno di reparto, è un disastro, concedendo libertà esagerate agli attaccanti dell’Inghilterra. Più solido nella ripresa, fino al 90’… il minuto che decide la partita.

Dylan BRONN 5 – Commento analogo a quello sopra. Entrambi poco abili nel comandare la retroguardia, lasciano spazi enormi in area agli avversari, che avrebbero potuto approfittarne maggiormente.

Ali MAALOUL 5,5 – Mai troppo nel vivo del gioco, anche perché palloni dal centrocampo della Tunisia ne passano proprio pochi.

Ellyes SKHIRI 5,5 – La Tunisia ha poco modo di manovrare; perciò la sua partita non può essere granché rilevante.

Ferjani SASSI 6 – Il gol su rigore avrebbe potuto determinare un risultato pazzesco per la Tunisia, alla vigilia insperato. Poi tutto è cambiato con la rete nel finale di Kane, che di conseguenza abbassa di mezzo punto anche il suo voto. Partita ad ogni modo più che dignitosa.

Fakhreddine BEN YOUSSEF 6,5 – Il migliore dei suoi. Gioca una gara a tutto campo nel vero senso della parola. Da essere il giocatore che può dare imprevedibilità in fase offensiva, si ritrova nella ripresa a fare il terzino, dando prova di grande senso tattico e del dovere, facendo fare non poca fatica ad Alli.

Anice BADRI 5,5 – Non incide sulla trequarti, avendo peraltro anche poco modo di farlo visto il residuale possesso palla dei suoi.

Naim SLITI 5,5 – Si vede poco in campo; fatica molto a mettersi in partita e a stare ai ritmi imposti – almeno nella prima parte – dagli inglesi (dal 74' Mohamed Amine BEN AMOR 6 - Senza infamia e senza lode i suoi minuti giocati).

Wahbi KHAZRI 6 – Vede pochi palloni ma gioca una gara generosa, soprattutto considerando che non disputava una gara ufficiale da mesi (dall'85' Saber KHALIFA s.v.) .

All. Nabil MAALOUL 5,5 – La sua Tunisia gioca una gara generosa, forse la migliore che potesse fare. Al pareggio sicuramente ci stava credendo, ma dovrà rivedere qualcosa in difesa per evitare che ogni calcio piazzato avversario diventi una potenziale occasione da gol.

Ferjani Sassi, Tunisia 2018

Ferjani Sassi, Tunisia 2018Getty Images

--- INGHILTERRA ---

Jordan PICKFORD 6 – Gara sotto controllo, nella quale non deve compiere particolari interventi.

Kieran TRIPPIER 6,5 – Molto positivo. Si fa spesso trovare pronto in zona d’attacco, dando un appoggio solido e valido sulla corsia destra.

Kyle WALKER 5,5 – Ingenuo in occasione del pareggio tunisino commettendo un fallo evitabile. Una macchia che condiziona il suo voto e che, non ci fosse stato il gol di Kane nel finale, avrebbe fatto pagare pesante dazio all’Inghilterra stessa.

John STONES 6 – Pericolosissimo ogni volta che sale in area avversaria. Quasi meglio in attacco che in protezione della propria porta.

Harry MAGUIRE 6 – Sui calci piazzati, quando sale, è un pericolo per la difesa avversaria. Per il resto gara in controllo.

Ashley YOUNG 6 – Tornato in nazionale grazie a Southgate, mette l’esperienza al servizio della squadra disputando una partita sufficiente. La domanda che ci siamo fatti è: possibile che l’Inghilterra non abbia niente di meglio da offrire sulla corsia mancina?

Jesse LINGARD 6,5 – E’ il giocatore che ha più occasioni sotto porta, ma non ne concretizza nemmeno una (in un caso sfortunato, colpisce il palo). Fa comunque molto movimento e sembra una pedina determinante nel gioco offensivo di Southgate, sempre nel vivo delle azioni pericolose. Per questo motivo viene premiato da voto e dagli applausi a fine gara al momento della sostituzione (dal 90’ Eric DIER s.v.).

Jordan HENDERSON 6.5 – Una conclusione pericolosa nel primo tempo poi buona mole di lavoro in mezzo al campo, con alcuni lanci illuminanti.

Dele ALLI 5 – Si vede poco, da lui sicuramente ci si aspetta molto di più (dall'80' Ruben LOFTUS-CHEEK 6,5 - Ottimo impatto. In 10' trova un cross interessante e si fa apprezzare per la grande voglia di fare).

Harry KANE 7,5 – tocca poco più di quei due palloni che mette dentro, ma dimostra di aver superato lo scoglio che anche lui, parlando prima dell’esordio, temeva; rispondere a Ronaldo in quanto a reti segnate. I suoi numeri parlano già da soli, ma oltre ai gol va sottolineata la furbizia con cui nel secondo si stacca dal difensore facendosi trovare completamente solo per realizzare il 2-1.

Raheem STERLING 5 – Va spesso a sbattere contro I difensori della Tunisia, che non sono certamente dei pilastri insuperabili. Ha poche occasioni di accendere il suo motore e lanciarsi in velocità, restando intrappolato in una partita che non gli permette di mettersi in mostra (dal 68’ Marcus RASHFORD 5.5 – A ogni esordio ha sempre stupito in positivo e le prime giocate lo testimoniano, ma come spesso criticava Mourinho durante la stagione allo United eccede con i tocchi di palla finendo con l’essere poco incisivo).

Gareth SOUTHGATE 7 – In tanti lo aspettavano al varco, ma va detto che insieme a Spagna e Belgio la sua Inghilterra è la squadra che ha mostrato le cose migliori. Forse ancora poco concreta, ma con un bomber come Harry Kane spesso basta buttare un pallone in area e ci pensa lui, come questa volta. Meriti di questo primo match vanno ritrovati anche nel lavoro di chi sta in panchina.

Le statistiche della partita

  • L’Inghilterra ha segnato più di un gol per la prima volta negli ultimi 10 match giocati ai Mondiali, dal 2-2 contro la Svezia nel 2006.
  • La Tunisia non vince da 12 partite di Coppa del Mondo (4N, 8P), dal successo nel primo match assoluto disputato nella competizione, nel 1978 (3-1 sul Messico).
  • Inghilterra imbattuta in sette confronti con Nazionali africane ai Mondiali (4V, 3N); questa è però solo la seconda volta che non riesce a tenere la porta inviolata.
  • L’Inghilterra ha effettuato sei tiri nello specchio nel primo tempo contro la Tunisia; era dal 1966 (contro il Portogallo) che non centrava così tante volte la porta nella prima frazione in una gara dei Mondiali (sei anche in quell’occasione). Tuttavia, nella ripresa ha centrato lo specchio solo due volte.
  • La Tunisia ha segnato con il suo unico tiro nello specchio di tutta la partita, su rigore al 35° minuto.
  • Harry Kane ha trovato la rete in tutte le ultime quattro gare con la maglia della Nazionale, la sua miglior striscia in carriera con l’Inghilterra.
  • Harry Kane ha ora segnato 15 gol in 25 presenze con l’Inghilterra; l‘ultimo giocatore a trovare più volte la rete nelle prime 25 gare con la Nazionale inglese era stato Gary Lineker (20 marcature).
  • Il gol di Ferjani Sassi è il primo subito su rigore dall’Inghilterra nei tempi regolamentari di un match del Mondiale dal giugno 1998 (allora rete dal dischetto dell’argentino Gabriel Batistuta).
  • Kieran Trippier ha creato sei occasioni da gol per i compagni, più di ogni altro giocatore finora in questo Mondiale.
  • Harry Kane è il primo giocatore inglese a segnare una doppietta in un match di Coppa del Mondo da quella realizzata da Gary Lineker nel 1990 contro il Camerun.
0
0