Getty Images

Le pagelle di Uruguay-Russia 3-0: Laxalt imprendibile, Cavani si sblocca; disastro Smolnikov

Le pagelle di Uruguay-Russia 3-0: Laxalt imprendibile, Cavani si sblocca; disastro Smolnikov

Il 25/06/2018 alle 18:42Aggiornato Il 25/06/2018 alle 20:22

Diamo i voti al match di Samara che ha visto la Celeste prendersi la testa del gruppo A. Il genoano e Caceres fondamentali sugli esterni. Fondamentale, per il morale, il gol al 90' della punta del PSG. Turnover eccessivo da parte di Cherchesov.

=== Uruguay ===

Fernando MUSLERA 6: alla sua centesima con la maglia della Celeste, non subisce gol ma, nel secondo tempo, è protagonista di un disimpegno pericolosissimo e che manda al tiro Dzyuba.

Martin CACERES 7: spinge abbondantemente lungo la fascia destra, dialogando bene con Bentancur.

Sebastian COATES 6,5: pomeriggio tranquillo: questa volta, l'attacco russo gode di pochi riferimenti.

Diego GODIN 6,5: stesso discorso per il compagno di reparto. In più, partecipa nel gol del tris in cui Cavani si sblocca.

Diego LAXALT 7,5: imprendibile sulla sinistra, in cui costringe Smolnikov al doppio giallo. Perviene al suo primo acuto mondiale con un mancino deviato da Cheryshev. In generale, la saetta genoana gode di una forma straripante.

Diego Laxalt of Uruguay celebrates with teammate Sebastian Coates after scoring his team's second goal during the 2018 FIFA World Cup Russia group A match between Uruguay and Russia at Samara Arena on June 25, 2018

Diego Laxalt of Uruguay celebrates with teammate Sebastian Coates after scoring his team's second goal during the 2018 FIFA World Cup Russia group A match between Uruguay and Russia at Samara Arena on June 25, 2018Getty Images

Nahitan NANDEZ 6,5: rimarchevole prova sulla destra, in cui l'ala del Boca si distingue per rapidità e combattività.

Dal 73' Cristian Rodriguez 6,5: subito pimpante, nel finale ci prova con un potente tiro dalla distanza, trasformato da Akinfeev nel corner da cui è nato il gol di Cavani.

Lucas TORREIRA 7: il giovane centrocampista della Sampdoria merita il posto da titolare. Martellante a centrocampo e anche ispiratore delle tante occasioni create dalla Celeste.

Rodrigo BENTANCUR 7: folletto tra le linee offensive uruguaiane. Guadagna la punizione che porta Suarez a sbloccare il punteggio e cerca la via del gol in ogni modo.

Dal 63' Giorgian De Arrascaeta 6,5: sfiora il gol olimpico poco prima del 90' ed è subito protagonista di buone geometrie.

Matias VECINO 6,5: grinta e tenacia a disposizione di Tabarez. Il centrocampista dell'Inter ha convinto.

Luis SUAREZ 7: ha il merito di sbloccare l'incontro e di assistere come meglio non potrebbe il compagno di reparto Cavani.

Luis Suárez vs Russia, Mondiali 2018

Luis Suárez vs Russia, Mondiali 2018Getty Images

Edinson CAVANI 7: cerca dannatamente la rete con cui sbloccarsi in questo Mondiale e la trova, con caparbietà al 90'. Tutto questo è sinonimo di grande attaccante e di grande campione.

Dal 94' Maxi Gomez: sv.

CT Oscar Washington TABAREZ 8,5: fenomenale. Porta l'Uruguay nella storia facendogli chiudere, per la prima volta, un raggruppamento mondiale a punteggio pieno.

Video - Fast Match Report: Uruguay-Russia 3-0 in 60 secondi

00:59

=== Russia ===

Igor AKINFEEV 6: prende gol sul proprio palo, su punizione di Suarez ma, nel secondo tempo, si riscatta con almeno tre-quattro interventi prodigiosi.

Fedor KUDRYASHOV 5: fallosissimo, sulla destra. Gli manca il ritmo partita.

Sergey IGNASHEVICH 6: nel primo tempo, controlla bene Cavani. Nel secondo depone le armi.

Ilya KUTEPOV 4,5: commette una quantità industriali di falli, anche inutili.

Igor SMOLNIKOV 4: disastroso. Passi che Laxalt gli faccia vedere, ma sulla destra è disastroso, in combinazione con Samedov, nell'azione che porta al calcio di punizione trasformato al 10' da Luis Suarez.

Senegalese referee Malang Diedhiou shows a red card to Russia's defender Igor Smolnikov (R) during the Russia 2018 World Cup Group A football match between Uruguay and Russia at the Samara Arena in Samara on June 25, 2018

Senegalese referee Malang Diedhiou shows a red card to Russia's defender Igor Smolnikov (R) during the Russia 2018 World Cup Group A football match between Uruguay and Russia at the Samara Arena in Samara on June 25, 2018Getty Images

Yuri GAZINSKY 5: costretto al fallo, al 10' su Bentancur. In generale, risulta meno pimpante rispetto alle uscite con Arabia Saudita ed Egitto.

Dal 46' Daler Kuzyaev 5: non incide, in un secondo tempo giocato a ritmi di partitella.

Roman ZOBNIN 6,5: il migliore in campo in casa Russia. L'unico a prendere sul serio il match. Rincorre ogni pallone che passa dalle sue orbite e assiste bene Dzyuba.

Aleksandr SAMEDOV 4,5: è corresponsabile del diastroso scambio sulla destra con Smolnikov, che al 10' ha portato al calcio piazzato vincente di Suarez.

Aleksey MIRANCHUK 4,5: gara da "Chi l'ha visto". Scostante.

Dal 60' Fedor Smolov: risparmiato, in vista degli ottavi, quando entra si rende subito insidioso sulla sinistra, da cui penetra e lascia partire un cross intercettato da uslera.

Denis CHERYSHEV 5,5: gara sfortunata, questa volta. Al 12', su sponda di Dzyuba, è protagonista di un bel tiro intercettato da Muslera. Al 23', invece, si trava dalle parti della traiettoria di Laxalt. Sostituito per scelta tattica al 38', dopo l'espulsione di Smolnikov.

Dal 38' Mario Fernandes 6: anch'egli originariamente risparmiato per gli ottavi, quando entra in gioco dono subito più equilibrio alla squadra.

Artem DZYUBA 5,5: solita intensità ma, oggi pomeriggo, davanti allo specchio è davvero impreciso.

CT Stanislav CHERCHESOV 5: va bene il turnover, ma forse - rinunciando ai vari Smolov, Mario Fernandes e Golovin - l'ex portiere ha forzato un po' la mano...

Le statistiche OPTA del match

  • L’Uruguay ha chiuso al primo posto un girone dei Mondiali per la quinta volta nella sua storia, dopo 1930, 1950, 1954 e, più recentemente, nel 2010.
  • La Russia è la prima nazionale europea a non vincere il proprio girone ai Mondiali da Paese ospitante dalla Spagna nel 1982.
  • L’Uruguay è la prima squadra a vincere tutte e tre le gare del proprio girone ai Mondiali senza subire un singolo gol dall’Argentina nel 1998 (sette gol segnati in quel caso, nessuno subito).
  • L’Uruguay ha vinto tre partite di fila ai Mondiali contro avversarie europee per la prima volta da quando tra il 1950 e il 1954 ne vinse quattro di fila.
  • La Russia non ha trovato la vittoria in ognuna delle ultime sei partite ai Mondiali in cui ha subito il primo gol nel match (1N, 5P).
  • Denis Cheryshev è stato protagonista del sesto autogol in questi Mondiali, eguagliando il record in una singola edizione (sei anche nel 1998).
  • Igor Smolnikov è il primo giocatore di movimento di una squadra ospitante i Mondiali ad essere espulso da Marcel Desailly della Francia contro il Brasile nel 1998.
  • Luis Suarez ha ora segnato sette gol ai Mondiali con la maglia dell'Uruguay; solo Oscar Miguez (8) ne ha segnati di più nella competizione per questa Nazionale.
  • Edinson Cavani è diventato solo il secondo giocatore a segnare in tre Mondiali differenti con la maglia dell'Uruguay (2010, 2014 e 2018) dopo il suo compagno di reparto Luis Suarez.
  • Fernando Muslera, che celebrava in questo match la presenza numero 100 in Nazionale, è diventato il giocatore della storia dell’Uruguay più presente nella fase finale dei Mondiale (14), superando Ladislao Mazurkiewicz.

Video - La moglie gli vieta i Mondiali, gli amici portano un suo cartonato in Russia e diventa un idolo

00:58
0
0