Getty Images

Sorpresa anche a Saransk! Il Giappone di Nishino batte 2-1 la Colombia

Sorpresa anche a Saransk! Il Giappone di Nishino batte 2-1 la Colombia

Il 19/06/2018 alle 15:56Aggiornato Il 19/06/2018 alle 17:32

Altro risultato inaspettato a Russia 2018: gli asiatici battono la selezione di Pekerman e sconvolgono subito il delicato equilibrio del Gruppo H. Il rigore iniziale per mani di Carlos Sanchez porta al gol di Kagawa e al rosso per il centrocampista. Quintero pareggia su punizione, ma nella ripresa l’incornata dell’ottimo Osako decide il match. Male James Rodriguez, in campo nel secondo tempo

Una sorpresa chiama l'altra e anche il Giappone, ritenuto quarta forza del Gruppo H alla vigilia, si iscrive alla lista. La nazionale di Nishino si impone sulla Colombia di Pekerman per 2-1, centrando il primo successo su una selezione sudamericana ai Mondiali. Kagawa sigla il vantaggio dei nipponici col rigore che porta anche all'espulsione diretta di Carlos Sanchez. L'ex Pescara Quintero pareggia i conti su punizione, ma nella ripresa Osako regala ai suoi una vittoria storica. Gara sicuramente condizionata dal rosso, ma a prescindere dall'episodio i Cafeteros non hanno certo incantato. La loro corsa alla qualificazione è già in salita.

La cronaca

Pronti, via e la partita viene stravolta dal primo colpo di scena. Osako sguscia via a Davinson Sanchez e si presenta a tu per tu con Ospina, che gli devia il tiro. Il pallone finisce sui piedi di Kagawa, che a botta sicura viene stoppato dal mani evidente di Carlos Sanchez. Espulsione inevitabile e dal dischetto il giocatore del Borussia Dortmund non sbaglia. La Colombia è tramortita e in inferiorità numerica fatica a reagire. Cuadrado è attivo ma fumoso, mentre Falcao prova a dimostrare la sua voglia di Mondiale con un paio di conclusioni volanti ben controllate da Kawashima. Il Giappone non sta a guardare e prima Inui e poi Osako si mangiano il gol del raddoppio. E a 5' dall'intervallo la Colombia pareggia. Falcao si procura con mestiere una punizione dal limite e Quintero pareggia d'astuzia calciando sotto la barriera.

Colombia Giappone

Colombia GiapponeGetty Images

Alla ripresa la squadra di Nishino ne ha decisamente di più. Ospina è bravo due volte nel respingere in corner i tiri ravvicinati degli attaccanti giapponesi. A mezz'ora dalla fine entra in campo il giocatore più atteso: James Rodriguez, inizialmente fuori per un problema al polpaccio. Ma l'inerzia del match non cambia. Il diagonale di Sakai in mischia è il preludio del gol. Corner dalla sinistra e Osako incorna spedendo la palla sul secondo palo: delirio giapponese. La Colombia mette tutto quello che ha in campo, ma a parte un tiro di James miracolosamente deviato ancora da Osako non produce occasioni. Finisce il match, la sorpresa, l'ennesima, è servita.

La statistica

1 - Quello a Carlos Sanchez è il primo cartellino rosso di questo Mondiale. È arrivato alla 15esima partita.

Il migliore

Yuya OSAKO 7 - Dopo 5 minuti scappa a Davinson Sanchez e dà il via all'azione che porta al rigore e al rosso all'altro Sanchez, Carlos. Si mangia un gol, è vero, ma è il più pericoloso dei suoi e decide il match col colpo di testa che sigla una vittoria storica. Non pago, si immola in scivolata sul tiro di James a botta sicura che poteva valere il 2-2. Decisivo.

Il peggiore

Davinson SANCHEZ 4,5 - Si lascia sfuggire Osako nell’occasione che porta al rigore e all’espulsione dell’omonimo Carlos. Rischia ancora grosso perdendo altre due volte l’attaccante giapponese, che però lo grazia. Disastroso.

Il tabellino

Colombia-Giappone 1-2

Colombia (4-2-3-1): Ospina; Arias, D. Sanchez, Murillo, Mojica; C.Sanchez, Lerma; Cuadrado (31’ Barrios), Quintero (59’ James Rodriguez), Izquierdo (70’ Bacca); Falcao. All. Pekerman

Giappone (4-2-3-1): Kawashima; H. Sakai, Yoshida, Shoji, Nagatomo; Hasebe, Shibasaki (80’ Yamaguchi); Haraguchi, Kagawa (70’ Honda), Inui; Osako. All. Nishino

Marcatori: 6’ Kagawa (R), 39’ Quintero, 73’ Osako

Ammoniti: Barrios, James

Espulsi: 5’ C. Sanchez

0
0