Eurosport

Serbia ai Mondiali 2018: rosa, giocatori da seguire, storia e prospettive

Serbia ai Mondiali 2018: rosa, giocatori da seguire, storia e prospettive

Il 10/06/2018 alle 21:54Aggiornato Il 13/06/2018 alle 10:37

La scheda della Serbia di Krstajic. Rosa, giocatori da seguire, storia e prospettive , con uno sguardo alla storia dei Mondiali. Kolarov e Milinkovic sono i fari di una squadra che vuole passare il turno. I serbi sono inseriti nel Gruppo E con Brasile, Svizzera e Costa Rica.

  • Titoli: /
  • Ranking FIFA: 34°

Come si sono qualificati

La Serbia si è qualificata classificandosi al primo posto nel Gruppo D delle qualificazioni UEFA, con due punti di margine sull’Irlanda. Due i gol decisivi nella cavalcata della squadra guidata dal ct Muslin: quelli di Kolarov nello scontro diretto di Dublino e quello di bomber Prijovic contro la Georgia a Belgrado il 9 ottobre 2017 dopo che la sconfitta contro l’Austria a Vienna aveva complicato i piani di qualificazione a Ivanovic & Co.

La rosa

Portieri: Stojkovic (FK Partizan), Rajkovic (Maccabi Tel Aviv), Dmitrovic (Eibar); Difensori: Kolarov (Roma), Rukavina (Villarreal), Rodic (Stella Rossa), Ivanovic (Zenit), Spajic (Anderlecht), Veljkovic (Werder Brema), Tosic (Guangzhou R&F) Milenkovic (Fiorentina); Centrocampisti: Matic (Manchester United), Milivojevic (Crystal Palace), Grujic (Cardiff), Tadic (Southampton), Zivkovic (Benfica), Kostic (Amburgo), Radonjic (Stella Rossa), Milinkovic-Savic (Lazio), Ljajc (Torino); Attaccanti: Mitrovic (Fulham), Prijovic (PAOK), Jovic (Eintracht Francoforte).

La stella: Alexsander Kolarov (Roma)

Alexsander Kolarov, capitano e leader indiscusso del gruppo trainato da Krstajic. Reduce da una grandiosa stagione alla Roma al suo ritorno nel massimo campionato italiano, il terzino sinistro 32enne si è tolto lo sfizio di siglare il gol determinante per la qualificazione della sua Serbia. Per lui si tratta del secondo Mondiale: faceva parte della spedizione della Serbia di mister Radomir Antic a Sudafrica 2010.

Aleksandar Kolarov, Serbia

Aleksandar Kolarov, SerbiaGetty Images

Il giovane che brillerà: Sergeij Milinkovic-Savic (Lazio)

Sergeij Milinkovic-Savic, nonostante non abbia giocato nemmeno un minuto nelle qualificazioni mondiali per scelta dell’allora tecnico Muslin. Il vento è cambiato e con l’arrivo di Mladen Krstajic il centrocampista offensivo capace di segnare ben 12 gol in Serie A quest’anno farà parte della spedizione serba in Russia. Sarà un’estate rovente per il 23enne della Lazio: il Mondiale e una probabile asta che si scatenerà per il suo cartellino.

Sergej Milinkovic Savic, Serbia

Sergej Milinkovic Savic, SerbiaGetty Images

L’allenatore: Krstajic

Mladen Krstajic, subentrato alla fine del torneo di qualificazione dopo che la federazione aveva sollevato Muslin dall’incarico causa mancata convocazione di giovani calciatori come Milinkovic-Savic. Kristajic, ex difensore centrale, componeva assieme a Vidic, Dragutinovic e Gavrancic la difesa dei Famos Four che concesse un solo gol nelle qualificazioni al Mondiale 2006. Inizialmente assunto come caretaker, sarà ct almeno fino alla conclusione di Russia 2018.

Storia nella Coppa del Mondo

Dopo otto anni la Serbia torna a disputare una fase finale di un Mondiale. Nel 2014 non figurava tra le partecipanti, mentre nel 2010 la neonata selezione di Antic non riuscì a superare lo scoglio del girone con Germania, Ghana e Australia; fatale la sconfitta contro i Socceroos all’ultima giornata. Nel quadriennio successivo Sinisa Mihajlovic non riuscì a portare la Serbia, terza alle spalle di Belgio e Croazia, al Mondiale.

2010 World Cup Germany Serbia

2010 World Cup Germany SerbiaEurosport

Le ragioni per essere ottimisti

Talento, classe, estro: caratteristiche da sempre insite nel dna serbo, caratteristiche che potrebbero compensare il deficit di organizzazione ed esperienza rispetto alla Svizzera. E attenzione: al gruppo che ha vinto il suo girone di qualificazione si è aggiunto uno dei migliori centrocampisti in Europa al momento, quel Milinkovic Savic sistematicamente escluso dal ct precedente.

Calendario

  • 17 giugno: Costa Rica (14:00)
  • 22 giugno: Svizzera (20:00)
  • 27 giugno: Brasile (20:00)

Video - L'incredibile storia di Pickles, il cane eroe del Mondiale 1966

01:47
0
0