AFP

Diego Costa fa felice Conte: il Chelsea batte il West Ham all'89'

Diego Costa fa felice Conte: il Chelsea batte il West Ham all'89'

Il 15/08/2016 alle 22:53Aggiornato Il 15/08/2016 alle 23:32

Il destro vincente piazzato dall'ex Atletico Madrid nel finale, quando la gara sembra indirizzata sul pareggio, salva l'esordio in Premier League dell'allenatore italiano: gol decisivo per il 2-1 dei Blues, che erano passati in vantaggio grazie a un calcio di rigore di Hazard prima di subire il momentaneo pari da Collins.

11 settembre 2011: Juventus-Parma 4-1. 4 settembre 2014: Italia-Olanda 2-0. Quando esordisce su una panchina prestigiosa, di solito Antonio Conte ama farlo in grande stile. Senza perdere tempo, come piace a lui. Anche la prima in Inghilterra è un successo, ma che brividi: il suo Chelsea prevale sul West Ham, rischiando però di dover ingoiare un pareggio amaro e molto probabilmente non veritiero, considerato l'andamento della gara. È una prodezza isolata di Diego Costa a siglare all'89' il definitivo 2-1 e a far felice l'ex ct azzurro, scatenato come sempre ai bordi del campo. Hazard aveva portato avanti i Blues su rigore, Collins aveva trovato il pari a 13 minuti dal termine. Un sollievo per Conte, un sollievo per un Chelsea quasi sempre padrone del gioco e capace di rischiare poco o nulla fino al 77': il minuto del gol del WHU, appunto. Tutto bene, quindi? No, perché Antonio è conscio di come la sua squadra debba migliorare ancora parecchi aspetti del proprio gioco. Intanto, però, parte con il piede giusto la stagione del necessario riscatto, dopo le delusioni in serie del 2015/16.

La cronaca della partita

Sin dai primi minuti di gara il Chelsea crea gioco, si porta con pericolosità dalle parti dell'area del West Ham e non consente agli Hammers di organizzarsi. La prima occasione, al 12', è per Ivanovic: bravo Adrian a salvare. Mentre Hazard, un paio di minuti più tardi, calcia alto di controbalzo. Le occasioni non piovono, ma il pressing dei Blues è costante, nonostante qualche errore dettato dalla frenesia. La chance più grossa del tempo capita ancora a Hazard, che alla mezz'ora punta l'area accentrandosi da sinistra e sfiora la porta di Adrian con un destro piazzato sul palo opposto. Gli ultimi tentativi sono di Diego Costa e Willian: il destro dell'ex Atletico è alto, quello del brasiliano è deviato in angolo da Adrian, che almeno per 45 minuti tiene inviolata la propria rete.

West Ham United's Welsh defender James Collins (L) vies with Chelsea's Brazilian-born Spanish striker Diego Costa during the English Premier League football match between Chelsea and West Ham United at Stamford Bridge in London on August 15, 2016.

Per 45, non per 47. Perché dopo l'intervallo non passano che pochi secondi al vantaggio del Chelsea: Antonio porta palla in area in maniera avventata e commette fallo su Azpilicueta, Taylor assegna il rigore e Hazard lo trasforma, scagliando un destro potente e centrale sotto la traversa. Da lì, è un monologo: ad attaccare sono solo i Blues, che sfiorano il 2-0 con Willian (grande deviazione di Adrian) e Terry (colpo di testa alto da ottima posizione e senza marcatura). Ma il WHU barcolla senza mollare. Soffre, ma rimane in partita. Bilic inserisce Payet e a poco più di 10 minuti dal termine trova il pari al primo tiro in porta: Collins controlla in area sugli sviluppi di un angolo e scarica alle spalle di Courtois un sinistro imprendibile. Sembra finita, ma il finale è rovente: Pedro sfiora il 2-1 e Diego Costa lo trova, con un destro chirurgico sul quale Adrian si tuffa forse in ritardo. Conte esulta come suo solito, ma deve ringraziare anche Courtois: grande uscita su Carroll e Valencia nel recupero per blindare un successo soffertissimo. Il primo dell'ex ct in Inghilterra.

La statistica chiave

16 a 7 il numero delle conclusioni - in porta e non - a favore del Chelsea: il ritratto di una gara non perfetta da parte dei Blues, ma certamente gagliarda e propositiva.

Il tweet

Così ha esultato Conte al gol del 2-1: gettandosi tra le braccia dei tifosi della prima fila.

Il migliore in campo

Willian. Il più costante durante tutto l'arco dei 90 minuti, il più continuo nelle giocate, uno dei più ficcanti. Non segna, vero, ma sfiora in almeno due occasioni il gol ed è sempre una spina nel fianco della difesa avversaria.

Il peggiore in campo

Antonio. Passi il fatto che con Hazard soffra comprensibilmente le pene dell'inferno, ma con l'errore in disimpegno di inizio ripresa, con tanto di fallo da rigore, indirizza in negativo il match del West Ham. Bilic, non a caso, non gradisce e lo sostituisce quasi all'istante.

La dichiarazione

Antonio Conte: "Abbiamo giocato con intensità e spirito di squadra. Sappiamo che dobbiamo migliorare ancora molto, ma oggi sono felice per i miei giocatori".

Il tabellino

Chelsea (4-2-3-1): Courtois; Ivanovic, Cahill, Terry, Azpilicueta; Kanté, Matic; Willian (80' Pedro), Oscar (85' Batshuayi), Hazard (85' Moses); Diego Costa. All. Conte

West Ham (4-1-4-1): Adrian; Antonio (52' Byram), Reid, Collins, Masuaku; Nordtveit (67' Payet); Ayew (34' Tore), Noble, Kouyaté, Valencia; Carroll. All. Bilic

Arbitro: Anthony Taylor

Gol: 47' rig. Hazard (C), 77' Collins (W), 89' Diego Costa (C)

Note: ammoniti Kanté (C), Diego Costa (C), Collins (W), Antonio (C), Azpilicueta (C), Pedro (C)

VIDEO: L'addio di Conte alla Nazionale

0
0