Getty Images

Manchester City, ufficiale il deferimento dell'UEFA per violazioni sul fair play finanziario

Manchester City, ufficiale il deferimento dell'UEFA per violazioni sul fair play finanziario

Il 16/05/2019 alle 10:53Aggiornato Il 16/05/2019 alle 10:58

Confermate dunque le indiscrezioni dei giorni scorsi, ora la sfida decisisva del club campione d'Inghilterra alla UEFA: rischia l'esclusione dalle Coppe. Citizens che rispondono con un secco comunicato

Ora c'è anche l'ufficialità della UEFA. Il che, visto che non è la prima volta che il City finisce sotto la lente d'ingrandimento di chi comanda e controlla il calcio europeo, potrebbe portare a qualsiasi consequenza: dalla più drastica e dura, al nulla più assoluto.

" L’investigatore capo della Camera di Investigazione dell’Organo UEFA di Controllo Finanziario dei Club (CFCB), dopo aver consultato gli altri membri della Camera di Investigazione CFCB, ha comunicato la decisione di deferire il caso Manchester City alla Camera Arbitrale CFCB in seguito alla conclusione delle sue indagini. La Camera di Investigazione del CFCB ha aperto un’indagine sul Manchester City il 7 marzo 2019 per potenziali violazioni delle regolamentazioni sul Financial Fair Play che sono state rese pubbliche in vari media. La UEFA non rilascerà altri commenti al riguardo fino a una decisione da parte della Camera Arbitrale CFCB"

Questa la nota ufficiale che si trova sul sito della Uefa.

La risposta del club: delusi ma non sorpresi

" Il Manchester City è deluso ma purtroppo non sorpreso dal deferimento. Le fughe di notizie sui media sono indicative su come si è svolto il processo. L'accusa di irregolarità finanziarie è completamente falsa e ignora le prove inconfutabili fornite dal Manchester City"

Media che, nello specifico con il New York Time, avevano avanzato l'ipotesi secondo cui gli inglesi avrebbero gonfiato alcune sponsorizzazioni attraverso versamenti delle società a capo del proprietario del club (lo sceicco Mansour).

Cosa succede ora? Cosa rischia il City?

Difficile dirlo oggi, anche perché bisognerà aspettare dunque la decisione della Camera Arbitrale CFCB ed eventualmente la successiva mossa del club inglese. Si può passare dal semplice deferimento, alla multa come già successo in passato (quando nel 2014 il club inglese sarebbe dovuto essere escluso dalle coppe e invece se la cavò con una multa di 60 milioni di euro, poi ulteriormente ridotta). Il motivo ufficiale? I Citizens si resero protagonisti di violazioni ai parametri del bilancio, con un rosso notevolmente superiore rispetto a quello permesso. Il tutto però finì quasi a tarallucci e vino, ovvero una multa accettata di buon grado dallo sceicco. Peanuts. Ma sempre secondo alcune ndiscrezioni (Football Leaks e da Der Spiegel) però sarebbe emerso ben altro: il City avrebbe inserito a bilancio anche una sponsorizzazione gonfiate di Etihad Airlines, una somma che in realtà fu versata nelle casse del club dalla proprietà. Ovviamente, tutto vietatissimo e irregolare. Così, oltre alla multa, il club ora rischia seriamente anche l'esclusione dalle prossime Coppe. Una situazione possibile, ma difficile ad oggi. Anche perché rischierebbe di scoperchiare il Vaso di Pandora di tutto il sistema calcio, e far crollare il castello europeo. Impossibile, infatti, non paragonare il caso del City con altri grandi club europei, a cominciare dal PSG e dai folli investimenti degli ultimi anni...