Getty Images

Guardiola, la rivincita è servita: Manchester City 6 - Chelsea 0, Sarri è umiliato

Guardiola, la rivincita è servita: Manchester City 6 - Chelsea 0, Sarri è umiliato

Il 10/02/2019 alle 18:51Aggiornato Il 11/02/2019 alle 00:12

La squadra di Guardiola segna 4 gol in 20 minuti del primo tempo, poi ne mette altri due nella ripresa. Tripletta di Aguero, doppietta di Sterling, gol di Gundogan. Il Chelsea subisce la peggior sconfitta di sempre nella storia della Premier League. Tra due settimane Sarri potrà provare a vendicarsi nella finale di Coppa di Lega a Wembley. Nel mentre il City vola in vetta (ma con una partita in +)

Un’umiliazione, prima ancora di una rivincita. Perché è vero, Guardiola giocava anche per cancellare la sconfitta dell’andata, la prima del suo City quest’anno in Premier League. Ma oggi, per Sarri, è finita talmente male che all’uscita dal campo non c’è stata nemmeno la stretta di mano (da capire se per rabbia di Sarri o per il fatto che il City non si sia ‘fermato’, cosa che però a quelle latitudini non esiste proprio come filosofia). Morale della favola City 6, Chelsea 0. In una partita che tale è stata per 3 minuti, ovvero quelli iniziali dove il Chelsea era addirittura salito a far possesso nella metà campo della squadra di Guardiola. Poi il black-out. Ma non a livello di filosofia, quanto di singoli. Errori individuali clamorosi: da Alonso a Barkley, da David Luiz persino ad Azpilicueta. Una disastrosa fase difensiva della squadra di Sarri, spazzata via dalle solite perfette geometrie di un City che da tempo ormai gioca a memoria. Il Chelsea si arrende così alla sua peggior sconfitta di sempre in Premier League, scivolando al momento addirittura fino al 6° posto; mentre il Cuty vola in vetta per via della differenza reti, ma con una partita in più rispetto al Liverpool. Tra due settimane queste due squadre si ritroveranno a Wembley per giocare la finale di Coppa di Lega. Da vedere come, a questo punto, soprattutto in casa Blues.

Emblematica foto del Manchester City compatto che esulta dopo la vittoria per 6-0 sul Chelsea

Emblematica foto del Manchester City compatto che esulta dopo la vittoria per 6-0 sul ChelseaGetty Images

La cronaca

E dire che il Chelsea non aveva nemmeno iniziato male. Anzi, nei primissimi minuti, era stata la squadra di Sarri a provare a imporre il proprio gioco. Poi, certo, la dormita Barkley-Alonso, su una punizione rapida battuta da De Bruyne, ha aperto al disastro dei Blues. Bernardo Silva ha in quel caso aperto al gol di Sterling. Il primo dei 4 che arriveranno in 20 minuti esatti di orologio. Poco dopo infatti Aguero sbaglia a porta vuota un gol già fatto ancora su assist di Silva. Non un problema per l’argentino, che nel giro di un nulla si fa perdonare con un destro a giro pazzesco dai 30 metri e un sigillo di rapina dopo la nuova fesseria della coppia Luiz-Barkley (il primo rinvia male di testa, il secondo fa ancora peggio col retropassaggio-assit per l’argentino). Un “disastro” dei singoli completato, per il Chelsea, da Kepa, che ci mette una vita ad andar giù sul tiro da fuori di Gundogan. Solo lì il City decide di rallentare, lasciando il possesso palla e il campo al Chelsea. Higuain è il migliore con un assist al bacio per Pedro e un gran tiro da fuori: in entrambi i casi però è ottimo Ederson nel dire di no. Insomma, al Chelsea non ne va una dritta.

E non va meglio nella ripresa. Il City infatti, anziché lasciare un po’ andare come aveva fatto dalla mezz’ora in poi nel primo tempo, torna a giocare. E per i Blues continuano i guai individuali. Aguero fa tripletta dopo un fallo da rigore di Azpilicueta; poi nel finale – dopo 45 minuti di dominio totale – anche Sterling festeggia la personale doppietta. Finisce così 6-0.

La statistica

Chelsea che non concedeva 4 gol nel primo tempo dal dicembre 1999. Fu il Sunderland e in panchina dei Blues c’era il ‘player-manager’ Luca Vialli. In generale è la peggior sconfitta del Chelsea nella storia della Premier League da quando ha questo nome: mai aveva perso con 4 gol di scarto. Ultima sconfitta così, nel 7-0 del Forest nel 1991.

Il tweet

Il migliore

Aguero. Con l’undicesima tripletta in Premier League Sergio Aguero eguaglia il record di Alan Shearer. Una partita super oggi, trascinatore unico. E dire che era iniziata con un clamoroso – ma proprio clamoroso – gol sbagliato a porta vuota. Ma i campioni sono proprio questi qui, ovvero quelli che sanno mettersi tutto alle spalle e ripartire come se niente fosse. Un gioiello all’incrocio, un gol di rapina, una rigore trasformato con grande freddezza.

Il peggiore

Marcos Alonso . Non è facile trovarne uno che si salvi oggi nella difesa dei Blues, ma della linea dietro forse Alonso è il peggiore. La distrazione sul primo gol, i mille buchi, l’attenzione del tutto inesistente. Irriconoscibile.

Le pagelle

Il tabellino

Manchester City (4-3-3): Ederson; Walker, Stones, Laporte, Zinchenko; Gündogan, Fernandinho (75’ David Silva), De Bruyne (68’ Mahrez); Bernardo Silva, Sterling, Agüero (65’ Gabriel Jesus). All. Guardiola

Chelsea (4-3-3): Arrizabalaga; Azpilicueta, Rüdiger, David Luiz, Alonso (73’ Emerson Palmieri); Kanté, Jorginho, Barkley (53’ Kovacic); Pedro (66’ Loftus-Cheek), Higuaín, Hazard. All. Sarri

Gol: 4’ e 80’ Sterling, 13’, 19’ e rig. 56’ Aguero, 25’ Gundogan.

Note – Ammoniti: Jorginho, Alonso; Gundogan.

Video - Sarri: "La mancata stretta di mano con Guardiola? Non l'ho visto, non ho alcun problema con lui"

01:01
0
0