Getty Images

Il Manchester City riparte passeggiando a Cardiff: 0-5, ricomincia la corsa in Premier

Il Manchester City riparte passeggiando a Cardiff: 0-5, ricomincia la corsa in Premier

Il 22/09/2018 alle 17:51Aggiornato Il 22/09/2018 alle 18:07

Dopo l'inatteso ko in Champions League in settimana contro il Lione, i ragazzi di Guardiola ripartono in Premier League con un pokerissimo facile-facile al Cardiff City: Aguero, Bernando Silva, Gundogan e doppietta di Mahrez gli autori dello 0-5 finale. Il Manchester City mette così pressione al Chelsea di Sarri impegnato domenica in casa del West Ham.

Dopo l’inatteso stop in Champions League col Lione, al City aspettavano un segnale immediato di reazione. Arrivato forte e chiaro da Cardiff, dove sotto il diluvio universale la squadra di Guardiola accelera giusto un quarto d’ora e ne mette tre. Il tempo necessario per aprire e chiudere la gara e ripartire così in Premier League, mettendo una discreta pressione al Chelsea di Sarri, ancora a punteggio pieno e impegnato domenica nel derby col West Ham. In gol praticamente tutti: da Aguero che la sblocca a Mahrez che entra a gara decisa e ne mette due. Nel mezzo la perla di Gundogan e il colpo di testa di Bernardo Silva.

La cronaca

Eppure per 30 minuti il City “soffre”. Il virgolettato è d’obbligo, perché il Cardiff non tira mai in porta, ma la squadra di Guardiola va un po’ sotto ritmo, palleggia troppo, non trova velocità e spazi giusti... E Warnock per mezz’ora fa un figurone. Poi però Bernardo Silva trova la palla giusta per l’arrivo a rimorchio di Aguero; e al 32’ inizia la festa. Il piattone dell’argentino apre le danze che 3 minuti più tardi, lo stesso Bernardo Silva, trasforma con il gol del 2-0 dopo un colpo di testa beffardo.

Il tris però, ancora prima dell’intervallo, è la perla della giornata: uno-due al limite con Sterling e bordata clamorosa di Gundogan – il migliore in campo – sotto l’incrocio. Tra il primo gol e il terzo, 12 minuti esatti.

Buonanotte Cardiff City, che nella ripresa è costretto a limitare – senza troppo successo – i danni. Il City infatti non si sbatte più di tanto, ma resta comunque dentro la partita, consapevole che la differenza reti a fine anno può fare la differenza. Alla festa partecipa così anche Mahrez, che al 67’ sfrutta l’assist ancora di Gundogan – sempre da sinistra – e nel finale piazza poi il gran gol col sinistro a giro. Morale della favola? Cardiff sempre alla caccia della prima vittoria, City che non ha risentito minimamente dello stop in coppa della settimana.

La statistica

Tredici gol e due assist nelle ultime 13 partite contro le neopromosse per Aguero. L’argentino è un fattore sempre: sia con le grandi che con le piccole.

Il tweet

Il migliore

Gundogan. Nonostante le statistiche di Aguero oggi è lui il migliore. Non perde la calma anche dopo mezz’ora complicata e soprattutto sale in cattedra nella fase decisiva. Assist e un gol clamoroso, quello dello 0 a 3, con una bordata pazzesca sotto l’incrocio.

Il peggiore

Jazz. Entra a freddo al posto dell’infortunato Peltier ed è un disastro a destra, dove il City inizia a trovare delle autostrada clamorose. Non un gran impatto.

Il tabellino

Cardiff City (4-4-2): Etheridge; Peltier (50’ Jazz), Ecuele Manga, Morrison, Cunningham; Camarasa, Ralls, Arter, Hoilett (75’ Murphy); Reid, Ward (63’ Zohore).

Manchester City (4-3-3): Ederson; Walker, Laporte, Otamendi, Delph; Gündoğan (69’ Foden), Fernandinho (74’ Stones), Bernardo; Sterling, Aguero (61’ Mahrez), Sané.

Gol: 32’ Aguero, 35’ Silva, 44’ Gundogan, 67’ e 89' Mahrez.

Note – Ammoniti: Ralls; Fernandinho.

0
0