Getty Images

Pedro-Willian: il Chelsea supera 2-1 il Newcastle e consolida il quarto posto

Pedro-Willian: il Chelsea supera 2-1 il Newcastle e consolida il quarto posto

Il 12/01/2019 alle 20:23Aggiornato Il 12/01/2019 alle 20:38

La squadra di Sarri brilla solo a tratti ma trova tre punti importanti contro i Magpies, in vista dello scontro diretto con l’Arsenal della prossima giornata. Agli ospiti non bastano il gol di Clark e una seconda parte di primo tempo coraggiosa.

Tre punti d'oro. Il Chelsea di Sarri non incanta ma trova una vittoria fondamentale in ottica Champions League, superando per 2-1 il pericolante Newcastle. Decidono le reti di Pedro e Willian, intervallate dal gol di Clark, che aveva messo a nudo le debolezze dei Blues, tecniche e piscologiche. Ma nel secondo tempo i londinesi non rischiano più di tanto e confezionano l'allungo sull'Arsenal, sconfitto nel lunch match dal West Ham. Allo scontro diretto della prossima giornata, in programma all'Emirates, Hazard e compagni arriveranno con sei punti di margine.

La cronaca

Nel Chelsea Kovacic vince il ballottaggio con Barkley e Sarri sceglie il tridente “piccolo”: giocano Willian, Hazard e Pedro. Rondon guida l’attacco dei Magpies. Il match comincia a ritmi blandi, ma i Blues passano al primo affondo. David Luiz lancia con grande qualità dalle retrovie, Pedro sfugge alla distratta difesa del Newcastle e infila Dubravka con un preciso pallonetto. La squadra di Sarri, pur senza incantare, è padrona del match e ancora David Luiz va vicino al raddoppio con un colpo di testa su corner. Ma scollinata la mezz’ora, gli ospiti reagiscono. Lejeune chiama all’appello Kepa con un destro da fuori, poi Rondon spaventa Stamford Bridge con un mancino potente ma impreciso. Ci prova anche Perez, ma il suo destro da pochi metri finisce fuori. Il Chelsea sbanda e a 5 minuti dall’intervallo subisce il giusto pareggio. Corner dalla sinistra, Clark anticipa David Luiz e di testa infila il pallone all’angolino: 1-1- Il primo tempo si chiude senza altre emozioni ma con qualche fischio del pubblico all’indirizzo dei Blues.

Pedro e Willian

Pedro e WillianGetty Images

Il Chelsea esce meglio dagli spogliatoi, mentre il Newcastle sembra un po’ distratto. Una brutta palla persa da Yedlin porta all’occasione per Pedro, ma sul destro dello spagnolo si oppone alla grande Dubravka. I Blues insistono e se Pedro, ancora lui, pecca di cattiveria sull’ottimo assist di Marcos Alonso, ci pensa Willian a timbrare il nuovo vantaggio. Hazard avvia l’azione e allarga per il brasiliano, che rientra sul destro e fa partire un arco magico che si spegne sul secondo palo tra gli “ooh” del pubblico. Willian prova a ripetersi poco più tardi, ma il suo pallonetto viene deviato in maniera provvidenziale da Dubravka. A differenza del primo tempo, il Newcastle non trova le idee e le energie per reagire e il Chelsea, pur senza incantare, controlla la gara. Il colpo di testa di Rondon, a lato di poco, è l'unico (e ultimo) sussulto per i Magpies. Vince e non convince la squadra di Sarri, ma per oggi va bene così.

La statistica

10 - Come i gol e gli assist di Eden Hazard in questa Premier League. L'unico altro giocatore ad essere in doppia cifra in entrambi i campi è Lionel Messi.

Il migliore

PEDRO - Sempre nel vivo del gioco, sblocca la gara con un gol dei suoi: di opportunismo e tecnica. Vicino al raddoppio nella ripresa, è il più attivo del tridente del Chelsea nell'arco della gara.

Il peggiore

JORGINHO - Lento, impacciato, con poche idee e anche impreciso. Stamford Bridge lo fischia a più riprese. Giornata no.

Il tabellino

Chelsea-Newcastle 2-1

Chelsea (4-3-3): Kepa; Azpilicueta, Rudiger, David Luiz, Marcos Alonso; Kanté, Jorginho, Kovacic (62’ Barkley); Pedro (80’ Hudson-Odoi), Hazard (87' Giroud), Willian; All. Sarri

Newcastle (5-4-1): Dubravka; Yedlin (82' Manquillo), Lejeune, Lascelles, Clark Ritchie; Perez (82' Murphy), Longstaff, Hayden, Atsu; Rondon. All. Benitez

Marcatori: 9’ Pedro, 39’ Clark, 57’ Willian

Ammoniti: Ritchie, Jorginho

Video - Sarri: "Higuain giocatore e uomo straordinario ma è del Milan, non è il momento di parlarne"

00:36
0
0