Getty Images

Sarri: "Resto al Chelsea? Chiedetelo alla società non a me. Sono più preoccupato per la prestazione"

Sarri: "Resto al Chelsea? Chiedetelo alla società non a me. Sono più preoccupato per la prestazione"

Il 10/02/2019 alle 20:29Aggiornato Il 11/02/2019 alle 00:14

Mentre il tecnico del City si gode la prestazione della sua squadra, Sarri è molto preoccupato per il non gioco offerto dal Chelsea in casa dei citizens.

Maurizio Sarri (Chelsea)

" Non ho parlato con i miei giocatori dopo la partita. Al momento non sono in grado di spiegare questa prestazione. Avevo un buon feeling durante la settimana. L’ho avuto ieri, l’ho avuto oggi durante il riscaldamento. Non è stata una questione di motivazioni. Abbiamo preso il primo gol in maniera stupida. Non sono in grado di capire che cosa è successo. Non ho visto il mio calcio"

Sarri non ha visto il suo calcio

" Abbiamo grandi problemi fuori casa. Non so perché all’inizio della stagione giocavamo meglio fuori casa che in casa. Nell’ultimo mese è cambiato tutto. Non è facile, ma abbiamo bisogno di capire il perché. Lavoro per capire il perché. Il mio obiettivo è giocare il mio calcio che non è quello che stiamo giocando adesso. Oggi la grande differenza tra le due squadre è stata nell’intensità del pressing. Loro hanno pressato con molta intensità noi no"

La mancata stretta di mano a Guardiola?

" Non l'ho visto in quel momento. Lo vedrò dopo la gara, volevo solo andare negli spogliatoi"

Resterò al Chelsea?

" Non lo so, dovete chiederlo al club non a me. Non so se ci saranno colloqui sul mio futuro. Penso che se dovesse accadere, sarebbe normale. Sono preoccupato per la prestazione, non per il mio lavoro. Il mio lavoro è sempre a rischio"

Video - Sarri: "La mancata stretta di mano con Guardiola? Non l'ho visto, non ho alcun problema con lui"

01:01

Pep Guardiola (Manchester City)

" Non è normale vincere 6-0 contro il Chelsea. Succede una volta ogni... Abbiamo segnato 4 gol alle nostre prime 4 conclusioni. Adesso diranno che il Chelsea non è una grande squadra, ma in realtà abbiamo fatto una grande vittoria perché giocare contro il Chelsea non è mai facile, contro le squadre di Sarri non è mai semplice perché l’anno scorso l’ho sofferto tanto contro il Napoli"

Abbiamo lanciato un segnale con questa vittoria?

" Sono contento di questa vittoria, perché - ripeto - giocavamo contro una squadra che ci ha battuto all’andata. Ci costringe a corrergli dietro, hanno un grandissimo giropalla. Abbiamo lanciato un segnale? Non lo so, abbiamo fatto tante buone prestazioni, battuto tanti record ma siamo lì. Ci giochiamo il titolo contro un avversario fortissimo come il Liverpool, fortissimo. Loro hanno fatto la miglior partenza di sempre nella propria storia, e hanno una storia piena di trofei"

La mancata stretta di mano con Sarri?

" Tutto ok. Ho parlato con Gianfranco Zola, non mi ha visto..."

Video - Quella volta che Mazzone capì che Guardiola sarebbe diventato l'allenatore più forte del mondo

00:59
0
0