LaPresse

Acerbi incorona Immobile: “Se continua così è da Pallone d’Oro”

Acerbi incorona Immobile: “Se continua così è da Pallone d’Oro”

Il 13/11/2019 alle 13:13Aggiornato Il 13/11/2019 alle 14:58

Nella conferenza stampa a due giorni dalla sfida contro la Bosnia, Francesco Acerbi è pronto per la sfida contro Dzeko e a premiare la fiducia di Roberto Mancini: “Vado avanti con grandi piedi per terra, ogni chance che mi darà Mancini per me è come una finale: spero anche qui di non sbagliare mai”.

Per anni Francesco Acerbi è stato ai margini della Nazionale, da settembre – quando Chiellini ha abdicato per un infortunio al ginocchio – il centrale laziale è stato il più lesto a sfruttare l’opportunità e a convincere Mancini ad affidargli una maglia da titolare al fianco di Leo Bonucci. Nonostante questa scalata nelle gerarchie del ct azzurro, Acerbi non si sente col posto fisso...

" Il posto fisso non l'ho mai avuto in mente, soprattutto in Nazionale dove cerco di dare il meglio per me stesso e per la squadra. Ora manca Chiellini, che è una colonna internazionale del calcio. Ogni opportunità che mi darà Mancini per me sarà una finale e darò sempre tutto per convincere il mister. "

"La sfida con la Bosnia e il derby con Dzeko"

" In Bosnia sarà dura, in uno stadio piccolo. Loro hanno giocatori forti, non sono passati ma hanno gli spareggi di Nation League. Sarà difficilissimo perché non avranno nulla da perdere e noi vogliamo vincere ed evitare brutte figure. Il derby con Dzeko? È uno degli attaccanti più forti, con grandi qualità fisiche e tecniche. All'andata da solo ha messo in apprensione tutta la difesa, ma dobbiamo stare attenti anche agli altri, a partire da Pjanic. "

"Immobile da Pallone d’Oro, la Lazio merita il 3° posto"

" Ciro è un grande attaccante e un amico. Bisogna preservarlo e spero faccia un sacco di gol. Magari andasse avanti così, sarebbe da Pallone d'oro. Ciro è una persona seria che merita tante gioie. In campionato stiamo facendo davvero bene, peccato per l'Europa League, anche se non è ancora detta l'ultima parola, potevamo e dovevamo fare qualcosa in più, amaro in bocca. Puntiamo alla Champions League, speriamo di proseguire così. Le quattro vittorie di fila devono essere un punto di partenza. Ora abbiamo dimostrato continuità, peccato che sia arrivata la pausa. Meritiamo il terzo posto. "

Video - Acerbi: "Abbiamo vinto per i malati del Bambino Gesù, i loro disegni erano appesi nello spogliatoio"

01:53
0
0