Imago

Scatta il piano

Scatta il piano Cassano
Di Eurosport

Il 19/02/2008 alle 19:51Aggiornato

Nell'incontro di oggi, Marotta e Mijatovic hanno gettato le basi per il riscatto del cartellino di Antonio Cassano da parte della Sampdoria, che avverrà per 5,5 milioni di euro

"Oggi è scattato ufficialmente il piano per trattenere Cassano alla Sampdoria. La vicenda si risolverà entro un mese, un mese e mezzo". Beppe Marotta, amministratore delegato della società blucerchiata, ha commentato così l'esito dell'incontro avuto a Roma con i dirigenti del Real Madrid, detentore del cartellino del giocatore barese, per il cui riscatto del prestito la Sampdoria dovrà versare nelle casse degli spagnoli 5,5 milioni di euro entro giugno.

"Ho chiesto uno sconto - ha ammesso Marotta - ma già il fatto che Cassano in pochi mesi abbia triplicato il proprio valore lo rende difficile. Più che altro abbiamo constatato insieme a loro i suoi progressi. Il Real Madrid ci ha ringraziato per il ritorno di Cassano ad alti livelli, ma ha pure manifestato sorpresa per una rinascita così importante".

L'incontro è stato quindi di carattere interlocutorio, "di cortesia", lo definisce Marotta, che tuttavia ha iniziato anche la parte più difficile della trattativa, ovvero quello con il procuratore di Cassano, Giuseppe Bozzo. "Con lui - ha spiegato Marotta - abbiamo iniziato a discutere l'ipotesi di prolungare il suo contratto con il Real Madrid, in scadenza 2008, per altri due anni in modo da spalmare l'ingaggio e di ridurlo sensibilmente".

Si parla di una possibile decurtazione dell'ingaggio di Cassano, attualmente di 4,5 milioni di euro, di circa il 20 per cento. "Ci sono i presupposti - ha concluso Marotta - perché Antonio continui a giocare con la maglia della Sampdoria dove si é trovato benissimo e noi con lui, compreso il presidente Riccardo Garrone, che sta spingendo affinché si trovi la soluzione per trattenere il campione nella Sampdoria".

0
0