AFP

Le pagelle di Inter-Milan 0-0

Le pagelle di Inter-Milan 0-0
Di Eurosport

Il 19/04/2015 alle 22:58Aggiornato Il 19/04/2015 alle 23:06

Bene Diego Lopez, che ha salvato tre volte la porta del Milan. Menez delude, Suso incanta, ma solo nel primo tempo. Bene Medel e Vidic. Attaccanti nerazzurri imprecisi, Kovacic invisibile (foto AFP)

In un derby povero tecnicamente e ravvivato solo dalle contestate decisioni arbitrali di Banti, vediamo insieme chi sono migliori e peggiori. Il Milan ha fatto una discreta impressione nel primo tempo, ma nella ripresa è stato messo sotto da un'Inter più volitiva, pimpante e propositiva. I nerazzurri, probabilmente, meritavano qualcosa in più, ma Diego Lopez ha spento con i suoi interventi qualsiasi velleità di vittoria nerazzurra.

===Le pagelle dell’INTER===

Samir HANDANOVIC 6 – Attento su Suso, che gli scalda le mani con il suo mancino velenoso due volte nei primi 20 minuti. Sicuro nelle uscite e nel finale su un tentativo in sforbiciata di De Jong.

Danilo D'AMBROSIO 6 – A destra gioca senza timore. Con Bonaventura un duello alla pari. All’80 scarica un siluro che va alto di poco. Prova sufficiente.

Andrea RANOCCHIA 6 – Gioca d’anticipo su Menez, per non lasciargli il tempo di girarsi. A volte non impeccabile nella coordinazione, ma se l’Inter rischia pochissimo dietro il merito è anche dei due centrali difensivi, che non sbagliano un intervento.

Nemanja VIDIC 6,5 – Nulla di trascendentale. Esperto, ordinato e lucido. Trasmette sicurezza, guida la difesa.

Juan JESUS 5,5 – Quanta fatica a contenere Suso. Lo spagnolo ha un altro passo. Viene ammonito, soffre per 45 minuti. Poi lo spagnolo cala e lui migliora, fino al tiro che impegna Diego Lopez. Troppo poco per valergli il 6.

Assane Demoya GNOUKOURI 6 – Ragazzino classe ’96, bene in avvio, poi timido. Nel primo tempo subisce l’azione del Milan, ad inizio ripresa sembra prendere confidenza. Esce stremato. Un sei di stima e di in bocca al lupo per il futuro. (Dal 67’ OBI 6 – Con ritmo nel match. Accompagna l’azione, aiuta Medel nel mezzo. Non decisivo come nella gara d’andata, ma utile)

Gary MEDEL 6,5 – La “garra” gli costa subito un giallo. Corre tantissimo e nella buona ripresa nerazzurra è tra i trascinatori: argina ogni ripartenza rossonera.

Mateo KOVACIC 5 – Parte pianissimo, molto arretrato. Abulico nel primo tempo, dove non entra in partita. Anche nella ripresa, quando l’Inter migliora, si estranea dal gioco. Fuori posizione? Lontano dalla condizione ideale? Le giustificazioni trovatele voi, ma la sua prestazione è ancora insufficiente. (Dal 77’ SHAQIRI sv)

HERNANES 6 – Parte bene. Prova un numero su Alex, poi spaventa Diego Lopez con un bolide dai 25 metri. Anche nella ripresa accelera e prova ad innescare la coppia offensiva. Alla fine risulta inconcludente, ma da trequartista rende sicuramente di più che in altre posizioni.

Rodrigo PALACIO 6 – Nel primo tempo, visto che gli arrivano pochissimi palloni giocabili, prova a costruirsi occasioni con il pressing. Nella ripresa non è freddo nel concretizzare una clamorosa opportunità: sullo sponda di Icardi, tutto solo, supera Diego Lopez, ma calcia debolmente e Mexes gli nega il gol salvando poco prima della linea. Complessivamente cresce esponenzialmente nei secondi 45 minuti: con inserimenti ed accelerazioni. Diego Lopez gli nega il gol da pochi passi: doveva essere più cattivo.

Mauro ICARDI 5,5 – Nel primo tempo non la vede mai. Nella ripresa con una sponda manda in porta Palacio. Cresce alla distanza e al 90’ sfiora con una gran giocata il gol-vittoria. Gli manca il guizzo decisivo.

ALL. Roberto MANCINI 6 – Dà fiducia al giovanissimo Gnounkouri, vede crescere la sua squadra nella seconda metà di gara. Penalizzato dalle decisioni arbitrali, ma sicuramente l’Inter della ripresa ha fatto meglio del Milan.

Jeremy Menez Inter Milan 2015 LaPresse

Jeremy Menez Inter Milan 2015 LaPresseLaPresse

===Le pagelle del MILAN===

Diego LOPEZ 6,5 – Preciso in tuffo su Hernanes, rischia in un disimpegno su Palacio, ma se la cava. Nel secondo tempo viene salvato da Mexes e dal guardalinee, poi vola su Juan Jesus ed è reattivo (e fortunato) su Palacio nel finale. Decisivo e attento.

Ignazio ABATE 5,5 – Si intende bene con Suso sulla corsia di destra. Sovrapposizioni e cross nei primi 45 minuti. Nella ripresa fatica, viene ammonito e spesso superato. Tiene poco la linea difensiva.

ALEX 6 – Gli annullano, giustamente, un gol in un primo tempo giocato dignitosamente. Fatica di più nella ripresa, quando la spinta dell’Inter è più decisa. Tutto sommato regge, fino al problema muscolare che lo costringe ad uscire. (Dal 70’ PALETTA 6 – Attento nei 20 minuti finali. Bene di testa, subisce un'entrataccia da Hernanes)

Philippe MEXES 6 – Buona la leadership difensiva nel primo tempo. Nella ripresa salva sulla linea un tiro di Palacio che aveva superato Diego Lopez. Poi viene salvato dall’assistente, che vede il fallo di Palacio su Antonelli e gli risparmia il goffo autogol. Con quell’episodio avrebbe rovinato una gara soddisfacente.

Luca ANTONELLI 5,5 – A sinistra spinge poco e si limita a difendere. Protagonista dei due episodi chiave del match: prima rischia a metà ripresa, deviando con la mano il sinistro di Hernanes, poi viene travolto da Palacio nel gol annullato all’Inter.

Andrea POLI 5,5 – Fido scudiero di De Jong. Combatte in mezzo. Nel momento di maggior sofferenza rossonera stringe i denti. Troppo impreciso in alcune giocate. (Dall’81’ CERCI sv)

Nigel DE JONG 6 – Si fa sentire in tackle su Kovacic, si conferma leader e anima del Milan nel mezzo. Prova una sforbiciata nel finale che non impensierisce Handanovic. Sicuramente tra i meno peggio del Diavolo.

Marco VAN GINKEL 5,5 – Tecnica ne ha, personalità non troppa. Vaga per il campo in cerca della giocata, che non arriva mai.

SUSO 6,5 – Che impatto nel derby. Impegna Handanovic, fa girare la testa a Juan Jesus. Benissimo nel primo tempo, cala vistosamente nel secondo. Resta l’unico rossonero ad aver impegnato Handanovic. (Dal 73’ DESTRO sv – Un tiro che Handanovic para agevolmente. Forse meritava più spazio)

Jeremy MENEZ 5 – Ha il solito vizio: gioca poco con i compagni. Poco appariscente nel buon primo tempo rossonero, completamente invisibile nella ripresa. Una delle delusioni di serata.

Giacomo BONAVENTURA 6 – Affonda poco a sinistra. Un cross pericoloso nel primo tempo, un paio di preziosismi, qualche dribbling. Premiamo la volontà.

ALL. Filippo INZAGHI 5,5 – Milan salvato dalle decisioni arbitrali. Primo tempo soddisfacente, ripresa terrificante. I rossoneri sono stati dominati nel gioco nei secondi 45 minuti e hanno concesso davvero troppo.

***

0
0