LaPresse

Le pagelle di Genoa-Cesena 3-1

Le pagelle di Genoa-Cesena 3-1
Di Eurosport

Il 26/04/2015 alle 17:44Aggiornato Il 26/04/2015 alle 17:54

Il migliore è Diego Perotti, trascinatore di un Genoa dove brillano anche le stelle di Bertolacci e Iago Falque. Perin salva la porta del Grifone su Defrel. Agliardi e Carbonero sono i migliori tra le fila del Cesena di Di Carlo

=== GENOA ===

Mattia PERIN 7 – Sorpreso dal siluro di Carbonero, ma miracoloso sul sinistro radente e ravvicinato di Defrel che poteva riaprire i giochi. Eravamo sul 3-1 a quel punto. Rientro fortunato dal primo minuto dopo i guai fisici.

Facundo RONCAGLIA 6 – Almeno una “roncagliata” la combina sempre, ma è in gran spolvero sul piano fisico e stavolta limita i danni.

Sebastian DE MAIO 6 – L’assist per il gol di Pavoletti ne riabilita la prestazione. Prima aveva pasticciato.

Nicolas BURDISSO 5,5 – Qualche sbavatura qua e là, proprio come in occasione del gol di Carbonero.

Giovanni MARCHESE 6,5 – Sovrapposizioni costanti e puntuali sulla fascia sinistra. Quintessenza dell’affidabilità.

Juray KUCKA 6 – Non un fulmine di guerra, specialmente sugli strappi di Carbonero e Defrel. Cresce col passare dei minuti e sfiora più volte il gol sfoderando un innato senso dell’inserimento offensivo.

Tomas RINCON 6,5 – Motorino instancabile. E chi lo toglie dell’undici di Gasperini ormai? (81’ IZZO sv)

Andrea BERTOLACCI 7 – Inizia col tiro al bersaglio verso la porta di Agliardi: ci prova da tutte le posizioni e le sue conclusioni sono sempre ficcanti. Il gol, paradossalmente, lo centra con un “inedito” colpo di testa da ariete consumato. Da nazionale. (68’ LAXALT 6 Vispo, buon impatto sul match).

IAGO FALQUE 7 – In stato di grazia. Oggi gli è mancato davvero solo il gol, negatogli da una prodezza epocale di Agliardi. Craque!

Leonardo PAVOLETTI 6,5 – Prezioso nel lavoro di sponda per i compagni e di boa utile a far salire la squadra e incisivo sotto porta quando corregge in rete il cross di De Maio. Non era proprio un gioco da ragazzi. La classe operaia va in paradiso.

Diego PEROTTI 7,5 - in meno di mezz’ora un assist al bacio e un rigore procurato e poi trasformato con la consueta classe. Dipinge calcio anche oggi: quando gioca lui Marassi si diverte e sogna a occhi aperti. Fuoriclasse assoluto (49’ LESTIENNE 5,5 Sgusciante e imprendibile quando parte palla al piede, ma deve imparare a concludere)

All. Gian Piero GASPERINI 6,5 – Il suo Genoa raccoglie la terza vittoria casalinga consecutiva e continua a inseguire l’Europa. Prima ora di gioco da incorniciare poi, perso Perotti per infortunio e richiamato Bertolacci in panchina, il Genoa perde equilibrio e certezze e rischia di rimettere in gioco il Cesena. Nella volata verso l’Europa certe leggerezze vanno estirpate sul nascere.

2015, Esultanza Perotti, Genoa-Cesena, LaPresse

2015, Esultanza Perotti, Genoa-Cesena, LaPresseLaPresse

=== CESENA===

Federico AGLIARDI 7  – Migliore del Cesena assieme a Carbonero. Parate al di là dell’umana immaginazione sulle conclusioni ravvicinate di Bertolacci e Iago Falque. Sui gol non può proprio nulla.

Constantin NICA 4,5 – Marcatura all’acqua di rose sul cross di Perotti per Bertolacci e fallo sciagurato da rigore sullo stesso argentino. Difficile fare peggio del terzino rumeno

Massimo VOLTA 5,5 – Duello gladiatorio con Pavoletti. Resiste agli urti ma cede alla distanza.

Stefano LUCCHINI 6 – Non ha demeriti particolari sui gol incassati dal Cesena. Richiamato in panchina per questioni puramente tattiche (46’ RENZETTI 6 – Al rientro dal lungo infortunio, prova a spingere con continuità. Sarà utile nel finale di campionato)

Luka KRAJNC 5 – Sorpreso sul cross a lunga gittata di Diego Perotti per il vantaggio genoano. Giornata storta anche per il promettente e futuribile difensore centrale del Cavalluccio.

Carlos CARBONERO 7 – Spina nel fianco per i padroni di casa: lotta in mezzo al campo, assiste i compagni, s’inserisce e prova la soluzione dalla distanza. Riapre il match con siluro fotonico dalla distanza e si conferma in ottimo stato psico-fisico nonostante le difficili condizioni ambientali

ZE EDUARDO 5,5 – Fumoso e poco appariscente. Costretto a ricorrere al fallo da rosso per stroncare sul nascere la chiara occasione da gol di Iago Falque.

Emmanuel CASCIONE 5,5 – Veterano apprezzabile per abnegazione e attaccamento alla maglia, ma i ritmi sono piuttosto compassati. È lui a tenere in gioco Pavoletti in occasione del tris del Grifone.

Franco BRIENZA 4,5 – Ma che succede al genietto cesenate? Spento, irriconoscibile, ma in partita. Tolto per disperazione da Di Carlo. (59’ DAL MONTE 6 Personalità da vendere per il classe ’97 ravennate. Buon impatto!)

Milan DJURIC 5 – Rimontato inesorabilmente dai difensori avversari e persino ininfluente nel lavoro di sponda. Guardi e impari da Pavoletti, serviva ben altra grinta a Marassi. (80’ Davide SUCCI 6 – Entra subito in partita e manda in porta Defrel con filtrante sontuoso)

Gregoire DEFREL 5 – Guizzante e a tratti immarcabile ma nell’economia del suo voto pesa come un macigno l’errore a tu per tu con Perin. Se il Cesena fosse andato sul 3-2 il finale di gara si sarebbe trasformato in una corrida

ALL. Domenico DI CARLO 5 – Il rosso rimediato a fine gara ha il sapore amaro della resa

0
0