LaPresse

Buffon, Barzagli, Bonucci, Chiellini, Lichtsteiner, Marchisio: 6 senatori per 6 anni di trionfi

Juventus, 6 senatori per 6 anni di trionfi senza eguali

Il 21/05/2017 alle 21:11Aggiornato Il 21/05/2017 alle 21:27

Alla base del ciclo vincente della Juventus ci sono sei uomini che insieme possono vantare 57 stagioni e mezza con la Vecchia Signora: ripercorriamo le loro gesta.

Dalla stagione 2011-2012 la Juventus ha monopolizzato la scena della Serie A e conquistato sei Scudetti consecutivi per un primato storico. Sei sono anche i protagonisti che hanno condiviso questi anni di successi, giocatori che sono stati la colonna portante di una squadra che per sempre rimarrà negli annali del campionato italiano.

Gigi Buffon (2001-2017)

Non possiamo che partire dal capitano, il simbolo di Madama. Arrivato nel 2001 ha vissuto tutti i momenti, dalle prime vittorie alle ultime passando per i difficili anni della Serie B e della ricostruzione: il 5 maggio 2002, il bis l’anno dopo ma anche la finale di Champions persa ai rigori contro il Milan fino allo scossone di Calciopoli. Da quel momento ha accompagnato i bianconeri nella serie cadetta rimanendo aggrappato a quella maglia senza abbandonare la barca e tornando protagonista per poi raccogliere l’eredità di Alex Del Piero come capitano. Prima della B e in piena bagarre Calciopoli ha conquistato un Mondiale che l’ha visto brillare con parate così...

Dopo 11 anni San Gigi è ancora l’uomo dei miracoli, capace di gesti tecnici di tale livello e di blindare con classe e carisma la difesa più forte d’Europa. Ha perso un’altra finale di Champions, quella di Berlino, ma non ha mai abbandonato quel sogno che le tante vittorie in Italia non hanno reso meno suggestivo: alzare la 'Coppa dalle grandi orecchie', chiudere così una carriera da leggenda. Ci potrà riprovare a 39 anni per coronare una scalata destinata all’immortalità.

Il palmares di Buffon con la Juventus

  • 8 Scudetti
  • 3 Coppe Italia
  • 5 Supercoppe italiane

Andrea Barzagli (2011-2017)

Uno dei parametri zero più azzeccati della storia del calcio. Andrea Barzagli lasciò il Wolfsburg per tornare in Italia e fare le fortune della Signora. Qualche anno fa mi capitò di intervistare Tarcisio Burgnich e gli chiesi quale fosse secondo lui il difensore da prendere a modello per le nuove leve: "Barzagli - mi rispose - un ragazzo serio che ha le caratteristiche della vecchia scuola italiana". Allegri è stato obbligato a dosarne con saggezza l’impiego quest'anno, ma nelle partite decisive si è sempre fatto trovare pronto. Kylian Mbappé, spauracchio corteggiato da mezza Europa, è stato contenuto dal roccioso 36enne che, nonostante i problemi alla spalla, è sempre una garanzia a gara in corso o dal 1’. Una chioccia per i giovani, se il calcio di casa nostra viene ancora preso a modello da chi vuole insegnare come si difende è per merito di interpreti del calibro di Andrea Barzagli.

Il palmares di Barzagli con la Juventus

  • 6 Scudetti
  • 3 Coppe Italia
  • 3 Supercoppe italiane

Leonardo Bonucci (2010-2017)

Bonucci e Ranocchia con la maglia del Bari nel 2009

Bonucci e Ranocchia con la maglia del Bari nel 2009LaPresse

C’era una volta un difensore che faceva coppia con Ranocchia nel Bari. “Chissà quale dei due è il migliore”, si chiedevano in molti. “Il più promettente forse è Ranocchia”, rispondevano altri. Oggi il buon Leonardo è il leader della retroguardia più invidiata del continente mentre Andrea è retrocesso con l'Hull City. Abilissimo in marcatura, è il primo regista della squadra di Allegri e sa anche segnare gol pesanti, come quello al Napoli in campionato o il sigillo nella finale di Coppa Italia in questa stagione. Anzi, è l’unico difensore del campionato ad aver realizzato almeno due reti in ognuna delle ultime quattro stagioni. Nato come centrocampista centrale, di strada ne ha fatta: è stato paragonato da Giovanni Galli a un certo Gaetano Scirea e Pep Guardiola stravede per lui.

Il palmares di Bonucci con la Juventus

  • 6 Scudetti
  • 3 Coppe Italia
  • 3 Supercoppe italiane

Giorgio Chiellini (2005-2017)

Un altro giocatore passato dalla Serie B è Giorgio Chiellini. Lottatore, tra contrasti e morsi non si è mai risparmiato, è il guerriero per eccellenza: “E’ una forza della natura, un giocatore universale che ogni allenatore vorrebbe in squadra. È di un altro pianeta, da solo ne marca tre”. Parola di Walter Mazzarri perché il Chiello può anche stare antipatico ma è tremendamente efficace. Il Barcellona, recentemente trafitto da un suo gol, ne sa qualcosa e la rivincita su Suarez è stata servita come la più classica delle vendette. La laurea sportiva sappiamo tutti quale sarebbe, quella in Business Administration è già in cascina. Complimenti Dott. Giorgio Chiellini: 110 e lode!

Il palmares di Chiellini con la Juventus

  • 6 Scudetti
  • 3 Coppe Italia
  • 3 Supercoppe italiane

Claudio Marchisio * (2006-2017)

Leggete 2006 ma potremmo dire 1993, anno in cui, all’età di sette anni, Claudio Marchisio entrò nel vivaio della Juventus per poi compiere tutta la trafila delle squadre giovanili:

" Quando ci sono arrivato non c'era assolutamente l'idea di arrivare in prima squadra e fare il calciatore. Era solo un bel modo di giocare, per giunta con il privilegio di poterlo fare con la maglia della squadra del cuore. Man mano che passavano gli anni il gioco si è trasformato in passione e poi in professione"

Prodotto di un settore giovanile che lavora bene come quello di Madama, il Principino, soprannome che deve anche al suo comportamento in campo, è un centrocampista completo: tecnica, tempi d’inserimento, tiro e intelligenza. Ha esordito con la prima squadra in Martina-Juventus di Coppa Italia ed è stato spesso paragonato a Tardelli: “Tecnicamente è anche più forte”, ha dichiarato Gigi Cagni.

Il palmares di Marchisio con la Juventus

  • 6 Scudetti
  • 3 Coppe Italia
  • 3 Supercoppe italiane

* Marchisio giocò nell'Empoli nella stagione 2007-08

Stephan Lichtsteiner (2011-2017)

L’11 settembre 2011 Stephan Lichtsteiner fa il suo esordio in campionato con la maglia della Juventus contro il Parma e segna la sua prima rete in bianconero: è anche il primo gol ufficiale festeggiato dallo Stadium. Niente male come debutto per lo svizzero che farà le fortune di Antonio Conte. Jolly di fascia, in grado di fornire forza, fisico e dinamismo in entrambe le fasi, Swiss Express diventa fondamentale nel 3-5-2 dell’era Conte. I successi proseguono anche con Allegri e nel frattempo il giocatore supera un’operazione al cuore. L’estate scorsa sembrava a un passo dal trasferimento all’Inter, ma saltò tutto. La risposta? Testa bassa e pedalare, lui è un professionista. Pochi giorni più tardi segnò proprio ai nerazzurri al Meazza.

Il palmares di Lichtsteiner con la Juventus

  • 6 Scudetti
  • 3 Coppe Italia
  • 3 Supercoppe italiane

Questi sei magnifici senatori insieme vantano 57 stagioni e mezza di Juventus: alla base di questo ciclo vincente ci sono loro.

0
0