LaPresse

Szczesny-Juventus, un acquisto che fa discutere: che ruolo avrà in bianconero?

Szczesny-Juventus, un acquisto che fa discutere: che ruolo avrà in bianconero?

Il 07/06/2017 alle 08:24Aggiornato Il 07/06/2017 alle 08:25

Eccessivi i 14 milioni di euro? E ora Buffon sarà sempre titolare inamovibile? Domande lecite, ma l'affare per il polacco ha una logica: investire subito per iniziare a lavorare per il futuro.

Si parla di 14 milioni per il tesserino, più due di bonus. E di un quadriennale al giocatore da quattro milioni di euro. Wojciech Tomasz Szczęsny, a breve, sarà un nuovo tesserato della Juventus. Cifre importanti per il portiere polacco, che nelle ultime due stagioni se l’è cavata discretamente alla Roma e che vanta un lungo passato all’Arsenal. Il club bianconero ha evidentemente individuato in lui il possibile sostituto di Gianluigi Buffon. Con Neto che pare destinato al Napoli, però, Szczęsny si accontenterà di fare il secondo una stagione intera in attesa di assumere l’eredità del capitano della Juve?

Molto bene in questo campionato con la Roma

Szczęsny, dopo una prima stagione in giallorosso tra alti e bassi, ha trovato continuità in questo campionato con Luciano Spalletti come tecnico. Ben 15 partite concluse senza subire gol, con una percentuale di parate del 75%, inferiore solo a quella di Donnarumma tra i portieri titolari nell’ultima Serie A. Bravo tra i pali, migliorato nelle uscite. Affidabile e di sicuro rendimento. A 27 anni si trova nell’età perfetta per fare il definitivo salto di qualità.

Che ruolo avrà? Buffon giocherà di meno?

Szczęsny ha nel curriculum 28 presenze con la nazionale polacca ed, escludendo solo il 2014/15, in cinque delle ultime sei stagioni ha sempre giocato titolare in un club di prima fascia. Sia per quanto sborsato dalla Juventus per averlo, che per le sue ambizioni è lecito immaginare che non accetti un ruolo da semplice secondo. Più probabili che Buffon, gestendo le sue energie in ottica Champions e Mondiale, si concederà molte più pause rispetto alle ultime stagioni. Anzi, è più che logico che oltre alla Coppa Italia, il polacco si possa esibire da titolare in almeno la metà del prossimo campionato. Una sorta di investimento per l'immediato futuro: un anno da comprimario e poi i gradi di primo portiere. Una situazione che il popolo bianconero non è ancora del tutto pronto ad accettare: probabilmente è giunta l’ora di rivedere le gerarchie in porta, dopo 16 stagioni in cui ogni formazione della Juve iniziava con “1 Buffon”.

0
0