AFP

Tacco magico di Lapadula: un Milan cinico espugna Palermo e sale al 2° posto

Tacco magico di Lapadula: un Milan cinico espugna Palermo e sale al 2° posto

Il 06/11/2016 alle 16:54Aggiornato Il 06/11/2016 alle 17:58

Un Milan cinico espugna il Renzo Barbera, sale a quota 25 punti in classifica e guadagna la piazza d’onore in attesa del posticipo Roma-Bologna. Il gol di Suso in apertura è neutralizzato dal timbro del solito Nestorovski, poi Gianluca Lapadula esce dalla panchina e risolve il match con colpo di tacco in grande stile su imbeccata di Suso. Per l'ex Pescara è il primo autografo in Serie A.

Il Milan di Montella non sciorinerà il miglior calcio della Serie A, avrà dalla sua parte una discreta dose di fortuna (“i favori di Eupalla”, avrebbe detto il sommo Gianni Brera) ma egualmente è dotato di mille risorse o frecce nella sua faretra. Quella che ha sentenziato il Palermo al Renzo Barbera risponde al nome di Gianluca Lapadula, uscito dalla panchina con la consueta voglia di spaccare il mondo e riuscito nell’intento di entrare a pieno diritto nella classifica dei gol più belli del campionato grazie al suo sontuoso colpo di tacco su imbeccata del solito monumentale Suso. Ah, dimenticavamo, si tratta del primo timbro in Serie A per il bomber di scorta rossonero entrato nel finale al posto della superstar dalle polveri bagnate Bacca. Il Milan la sfanga dunque anche stavolta e si arrampica sino al secondo posto solitario in attesa di capire cosa combinerà la Roma nel posticipo contro il Bologna. Situazione pressoché impronosticabile a inizio stagione.

La cronaca della partita

Milan in vantaggio grazie a una grave indecisione a cura della “premiata ditta” Posavec-Aleesami: il portiere travolge il difensore in uscita e così Suso è libero di gonfiare la rete con poderoso sinistro a porta sguarnita. Il jolly di centrocampo Pasalic dilapida due buone occasioni per il Milan, ma il Palermo chiude in attacco costringendo il Diavolo sulla difensiva.

Milan abulico e in preda alla foga rosanero nella ripresa: il Palermo agguanta meritatamente il pari grazie al sinistro radente di Nestorovski su geniale passaggio filtrante del neo entrato Diamanti. Punto nell'orgoglio, il Milan reagisce di nervi e Posavec è per tre volte (!) miracoloso sulle conclusioni di Suso con sinistro fatato. All'82esimo l'episodio che decide il match: sinistro al volo del solito Suso e colpo di tacco mancino di prima intenzione del subentrato Gianluca Lapadula che non lascia scampo a Posavec.

La statistica chiave

14 - I rossoneri hanno trovato 14 dei 18 gol stagionali nel secondo tempo, inclusi otto degli ultimi nove.

Il tweet

Il migliore

SUSO – Uno e trino. Gol d’autore, sfida all’ultimo sangue con Posavec e tiro-cross da cui scaturisce il gol-partita di Lapadula. L’uomo in più del Milan di Montella.

Il peggiore

Juraj KUCKA – La sorpresa negativa di giornata: costantemente in affanno e autore di gravi strafalcioni che innescano la corsa degli avversari. Annebbiato

La dichiarazione della partita

Gianluca Lapadula: "Non vedevo l’ora di entrare in campo, ma la vittoria è la cosa più importante. Il primo gol? E’ un sogno che si realizza, ma non piango per la gioia, questo è solo l’inizio."

Il tabellino

Palermo (4-3-3): Posavec; Cionek, Andelkovic, Rajkovic, Aleesami; Hiljemark (85’ Quaison), Gazzi, B. Henrique; Embalo (57’ Lo Faso), Nestorovski, Sallai (57’ Diamanti) Allenatore: De Zerbi

Milan (4-3-3): Donnarumma; Abate, Paletta, Romagnoli, De Sciglio; Kucka (72’ Poli), Locatelli, Pasalic (64’ Fernandez); Suso, Bacca (79’ Lapadula), Bonaventura Allenatore: Montella

Arbitro: Mazzoleni

Gol: 71’ Nestorowski; 15’ Suso, 82’ Lapadula

Note – Ammoniti: De Sciglio, Cionek, Diamanti

0
0