LaPresse

Cristiano Ronaldo: "Juve, la Champions non sia un'ossessione. Messi? Io ho vinto ovunque..."

Cristiano Ronaldo: "Juve, la Champions non sia un'ossessione. Messi? Io ho vinto ovunque..."
Di Eurosport

Il 10/12/2018 alle 08:59Aggiornato Il 10/12/2018 alle 09:04

In un'intervista concessa a Gazzetta dello Sport, Corriere dello Sport e Tuttosport, il portoghese parla a 360 gradi: "Siamo più squadra rispetto al Real. Complimenti a Modric per il Pallone d'Oro, ma io lo merito tutti gli anni. Quando sono arrivato mi hanno detto di godermi le partite tranne quelle con Inter e Torino: quelle vanno vinte. Allegri? Professionale, diretto e molto divertente".

Cristiano Ronaldo a 360 gradi. In un'intervista concessa a Gazzetta dello Sport, Corriere dello Sport e Tuttosport, il fuoriclasse portoghese traccia il bilancio dei suoi primi 5 mesi alla Juventus. CR7 parla di tutto: dall'eterna rivalità con Messi alle differenze tra il calcio italiano e spagnolo, per arrivare alla Champions, al rapporto con Allegri e alla voglia di riconquistare in fretta il Pallone d'Oro.

Il sogno Champions

" La Champions non può essere un'ossessione. Se la vivi così, ti limiti. Bisogna affrontare questa competizione con tranquillità. Mi ricordo quando sono arrivato al Real: la Decima era un chiodo fisso e siamo stati tanti anni senza vincere. Dobbiamo ragionare passo dopo passo, con tranquillità"

"La Juve è una famiglia, qui è meglio che al Real"

" Posso dire che questo è il miglior gruppo in cui abbia mai giocato. Siamo una squadra, altrove qualcuno si sente più grande degli altri invece qui sono tutti sulla stessa linea, sono umili e vogliono vincere. Se Dybala o Mandzukic non segnano li vedi comunque felici, sorridono. Per me è bello, percepisco la differenza. Anche a Madrid sono umili, ma qui sento che lo sono di più, questa è più una famiglia"

"Messi? Io ho avuto successo ovunque..."

" Forse sono io a mancare a Messi. Ho avuto successo in tutti i club in cui sono stato e anche con la Nazionale, lui solo in Spagna. Non credo di dover mettere sul piatto nient'altro. Sono uscito dalla mia tana, ho affrontato tutte le sfide e continuo a essere un giocatore fantastico. Magari è Messi ad avere bisogno di me più di quanto io abbia bisogno di lui: ma se è felice dov'è, a me sta bene. Lo rispetto come persone e come collega: è un grande giocatore e un ragazzo simpatico. Non ne sento la mancanza: né di lui né di null'altro"
Cristiano Ronaldo e Lionel Messi

Cristiano Ronaldo e Lionel MessiEurosport

"Mi hanno detto che con Inter e Toro bisogna solo vincere"

" Una persona che lavora nel club mi ha detto: 'Cristiano, goditi le partite. Tranne quelle con Inter e Torino: vanno vinte, intesi?' Tranquillo, ho capito tutto "

"Marcelo e Isco? Questa squadra non ha bisogno di nessuno"

" Vedo che scrivete di James Rodriguez, di Bale e Asensio ma sono onesto: la Juventus non ha bisogno di altri giocatori. Sul futuro, non so. Marcelo è forte e noi apriamo le porte ai buoni giocatori, e Marcelo è uno di loro"

"Pallone d'Oro? Bravo Modric, ma io penso di meritarlo tutti gli anni"

" Io penso di meritarlo tutti gli anni, lavoro per quello. Però se non vinco non è la fine del mondo. I numeri non mentono, però non pensate che io sia meno felice se non vinco. Ho amici fantastici e ho la famiglia, gioco in uno dei club migliori: pensate che vada a casa e mi metta a piangere? Quindi congratulazioni a Modric, lui merita: ma il prossimo anno ci vedremo di nuovo e io farò di tutto per essere ancora lì"
Luka Modric - 2018 FIFA Men's Ballon d'Or - Getty Images

Luka Modric - 2018 FIFA Men's Ballon d'Or - Getty ImagesGetty Images

Il rapporto con Allegri

" Lavoro con lui da poco, ma quello che posso dire è che è molto professionale, serio, un ottimo allenatore, un tipo molto divertente. Una delle migliori qualità è che parla diretto, fa i nomi. Non capita che dica qualcosa e la gente si chieda a chi si riferisce"

Video - Cristiano Ronaldo: "Via dal Real per colpa di Florentino, alla Juve mi sento amato e valorizzato"

00:25
0
0