Getty Images

Dossier Cristiano Ronaldo: parlerà con gli investigatori in videoconferenza

Dossier Cristiano Ronaldo: parlerà con gli investigatori in videoconferenza
Di Eurosport

Il 12/10/2018 alle 11:50Aggiornato Il 12/10/2018 alle 12:10

Mentre gli inquirenti indagano negli Stati Uniti, Cristiano Ronaldo dà la sua disponibilità per dimostrare la sua innocenza.

Cristiano Ronaldo racconterà la sua verità dopo i duelli a distanza tra il Real Madrid e i mass media portoghesi sullo scoop del Der Spiegel, che per primo ha raccontato il sexy gate dell'attaccante della Juventus (allora in procinto di lasciare il Manchester United) e Kathryn Mayorga. A Las Vegas intanto prosegue il lavoro degli inquirenti per la ricostruzione dei fatti, avvenuti a Las Vegas il 13 giugno 2009.

Ronaldo, impossibilitato a recarsi in Nevada, dirà la sua versione in videoconferenza con gli investigatori. La ricostruzione dell’incontro da parte del Nazionale portoghese è del resto già nota: Cristiano ammette il rapporto sessuale con Kathryn Mayorga, allora modella, ma pienamente consensuale e senza alcuna violenza. Una parte già spiegata da Peter Christiansen, avvocato di Ronaldo, alla polizia di Las Vegas.

Versione che si scontra con quella dell'accusa e le certezze dello Spiegel. Ieri il giornale tedesco ha risposto ai legali di Ronaldo, che avevano definito queste rivelazioni una "pura invenzione di fatti alterati e/o completamente frabbricati":

" Siamo in possesso di centinaia di documenti di cui non abbiamo motivo di dubitare della loro autenticità. Abbiamo controllato meticolosamente le nostre informazioni, sottoponendole anche al vaglio dal punto di vista legale. (Der Spiegel)"

La verità di Cristiano Ronaldo, in videoconferenza, sarà con ogni probabilità una svolta per le indagini.

Video - Allegri: "Cristiano Ronaldo è sereno e ha fatto una grande partita"

01:31
0
0