LaPresse

Il Benevento annichilisce un pessimo Verona: Letizia e doppio Diabatè, netto 3-0 al Vigorito

Il Benevento annichilisce un pessimo Verona: Letizia e doppio Diabatè, netto 3-0 al Vigorito

Il 04/04/2018 alle 18:51Aggiornato Il 04/04/2018 alle 19:10

Dominio totale dei sanniti di De Zerbi, che battono 3-0 il Verona al termine di una partita mai in dubbio e comandata dall'inizio alla fine. Impresentabile l'Hellas Verona di Pecchia, che ora rischia la panchina.

Lo scontro diretto tra ultima e penultima della classifica se lo aggiudica con pieno merito il Benevento, che domina e batte "solo" 3-0 il Verona. Il risultato alla fine è anche bugiardo, come spiegano anche le statistiche a fine partita: 20 tiri complessivi a 2, 14 tiri in porta a 0, 64% di possesso palla a 36%. Numeri che danno concretezza ad una superiorità a tratti imbarazzante: il Verona di Pecchia non scende in campo e viene travolta dal palleggio e e dalla carica agonistica del Benevento. Silvestri, titolare per l'Hellas al posto dello squalificato Nicolas, si rende protagonista di tantissimi interventi decisivi che impediscono al passivo di essere addirittura più pesante. La panchina di Pecchia, inevitabilmente, ora traballa sul serio. Anche perché, assenze a parte, al Vigorito è scesa in campo una squadra senza idee, senza mordente, senza qualità. Il Benevento si regala invece un pomeriggio di gloria grazie alla rete di Letizia e alla doppietta di Diabatè, già 3 gol in Serie A su 4 partite per il maliano. Recuperare in classifica sarà pressoché impossibile ma almeno i sanniti hanno lanciato qualche buon segnale, ai tifosi e al campionato.

La cronaca della partita

La prima frazione di gioco è un assoluto dominio del Benevento, giustificato anche dal possesso palla all’intervallo: 70%-30% per i sanniti. La formazione di De Zerbi apre attaccando e sfiora il vantaggio con il destro a giro di Del Pinto che Silvestri sventa con un tuffo sotto la traversa. Siamo solo al quarto minuto, e due minuti più tardi è ancora Silvestri a mettere le mani sul destro di Djuricic. Non si ferma la spinta dei padroni di casa: all’11’ Iemmello schiaccia di testa su corner di Viola, e Silvestri sventa ancora. Al 13’ Djuricic riceve al limite da Iemmello ma alza troppo il destro. L’Hellas Verona non dà segnali di vita fino al 24’, quando Cerci prova un tirocross su cui non interviene nessuno. Al 25’ arriva il meritato vantaggio del Benevento: coast to coast palla al piede di Gaetano Letizia, che si accentra e di destro calcia a giro sul secondo palo battendo Silvestri. Al 34’ ancora Benevento vicino al raddoppio: Iemmello si smarca ma poi calcia addosso a Silvestri, bravo comunque a salvare di nuovo. Al 42’ di nuovo la formazione di De Zerbi vicina al gol: Iemmello controlla al limite dell'area dopo un rinvio di testa della difesa, è tutto solo ma con il sinistro strozza troppo. Pecchia inserisce Petkovic nella ripresa e il croato trova subito il gol, che viene però annullato per fuorigioco iniziale di Cerci. Al 51’ ennesimo miracolo di Silvestri: Djuricic trova Diabate in mezzo all’area, il gigante maliano controlla e gira di potenza verso la porta, trovando però la miracolosa risposta di Silvestri. Al 53’ straordinario Djuricic: ubriaca di finte Ferrari, cross sul secondo palo per Diabate che viene anticipato all'ultimo respiro da Caracciolo. Silvestri non si stanca di fare miracoli e al 57’ ipnotizza di nuovo Diabate in uscita. Il Benevento continua a sprecare troppo: al 60’ Brignola viene liberato da solo in area di rigore ma inciampa al momento di calciare a botta sicura. Il Verona viene salvato per altre due volte dal suo portiere, che interviene sui tentativi dal limite di Letizia e Iemmello. Al 66’, dopo l’ennesimo intervento di Silvestri, il Benevento trova il secondo meritatissimo gol: sull'angolo di Viola, Diabate colpisce la traversa (da rivedere se batte oltre la riga), Iemmello è attentissimo sul tap-in a mettere dentro. Il replay però conferma, grazie alla goal line technology, che la paternità del gol è di Diabatè. All’84’ altra gioia per il Benevento: Brignola mette in mezzo per Diabatè, che si libera sul dischetto e gira di destro in rete il 3-0.

Il tweet

La statistica chiave

7 - I tiri nello specchio per il Benevento finora: primato per il club campano in un primo tempo in Serie A.

Il migliore in campo

Marco Silvestri: para tutto e anche di più. Almeno 7/8 interventi decisivi, specialmente nei primi venti minuti della ripresa. Non giocava in Serie A dal 2014 ma è assoluto protagonista e sicuramente non inferiore a Nicolas.

Il peggiore in campo

Alessio Cerci : tornava in campo dall’inizio dopo tre mesi a mezzo ma non ha dato alcun contributo. Per un giocatore che doveva essere una punta di diamante di questo Hellas davvero una prestazione poco edificante.

Il tabellino

BENEVENTO - Brignoli; Venuti, Djimsiti, Tosca, Letizia; Brignola (dall'88' Volpicelli), Del Pinto, Viola, Djuricic (dall’80’ D’Alessandro); Iemmello (dal 73’ Guilherme), Diabaté. All. De Zerbi.

HELLAS VERONA - Silvestri; Ferrari, Caracciolo, Vukovic, Souprayen; Rómulo, Calvano (dal 27’ Felicioli), Buchel, Verde; Valoti (dal 46’ Petkovic), Cerci (dal 67’ Fossati). All. Pecchia.

ARBITRO: Daniele Doveri di Roma 1

GOL: al 25’ Letizia, al 66’ e all'84' Diabatè. .

AMMONITI: Del Pinto, Buchel, Letizia, Felicioli.

Video - Enrico Brignola, il golden boy sannita talismano del Benevento

01:07
0
0