Getty Images

Il futuro di Sarri a Napoli è ancora tutto da scrivere: la decisione arriverà soltanto lunedì

Il futuro di Sarri a Napoli è ancora tutto da scrivere: la decisione arriverà soltanto lunedì

Il 18/05/2018 alle 11:23

Negli ultimi giorni ha fatto molto rumore il riavvicinamento pubblico e privato tra il presidente Aurelio De Laurentiis e il tecnico toscano, ma la realtà dei fatti è quella di un destino in bilico tra il desiderio di rimanere per poter alzare l'asticella e la tentazione di scendere dalla giostra.

Qualche incomprensione c’è stata. Il riavvicinamento è stato sincero, sia in pubblico che in privato. Ma da qui a dire che Maurizio Sarri resterà certamente a Napoli anche nella prossima stagione la strada è lunga. E lo è perché gli incontri intercorsi tra l’allenatore partenopeo e il presidente Aurelio De Laurentiis non sono stati sufficienti per chiarire tutti gli scenari futuri. Serve ancora tempo.

La situazione

Da un lato, c’è la necessità della società di mantenere i conti a posto e di scendere a compromessi con il mercato. Rinnovare sacrificando qualche stella è molto più di un’ipotesi nelle teste di De Laurentiis e del direttore sportivo Cristiano Giuntoli. Dall’altro, l’esigenza di voler alzare ancora l’asticella e la consapevolezza che l’ultimo passo potrebbe essere soltanto un assalto ancora più deciso allo scudetto. Una via che molto difficilmente coincide con il restyling della rosa e la completa riprogrammazione del progetto. Prima che Sarri decida, serve innanzitutto trovare il giusto bilanciamento su queste due tensioni egualmente legittime.

Il contratto di Sarri

Un fattore che viene spesso trascurato è quello relativo al contratto attuale dell’allenatore. Il mister arrivato a Napoli nell’estate 2015 ha in essere un accordo da 1,4 milioni di euro che si estenderà automaticamente fino al 30 giugno 2020 nel caso in cui, entro il 31 maggio prossimo, nessuno dovesse esercitare la clausola rescissoria da 8 milioni di euro. Cifre e tempistiche che mettono Sarri e i potenziali pretendenti al tecnico toscano davanti a un autentico conto alla rovescia. Restare potrebbe significare rinnovo, andarsene per un altro club impone alle pretendenti che si facciano sotto nel giro di poche ore.

Le pretendenti

In uno scenario simile, diviene davvero difficile definire le possibili tentazioni per Sarri. Al momento, di offerte concrete non ne sono state recapitate e nemmeno le lusinghe di Chelsea, Monaco e Zenit San Pietroburgo dovrebbero essere considerate come concrete. Ancora più difficile immaginarsi un futuro in Italia. E dunque l’impressione è che la vera alternativa al Napoli sia per Sarri un anno di pausa. Una decisione in ogni caso sofferta. Destinata a divenire pubblica soltanto a campionato concluso. Lunedì prossimo, ad esempio, potrebbe già essere un giorno interessante da questo punto di vista.

Video - Sarri: "Rimpianti? Dovevamo andare a letto prima la sera di Inter-Juve"

02:14
0
0