Getty Images

Agnelli: "Superlega? Bisogna costruire qualcosa di nuovo"

Agnelli: "Superlega? Bisogna costruire qualcosa di nuovo"

Il 12/10/2018 alle 21:29

Dal nostro partner Agenti Anonimi

In occasione del Festival dello Sport a Trento, vi è stato un dibattito che ha riguardato non solo il calcio italiano ma anche quello internazionale. I protagonisti sono stati Andrea Agnelli ed Aleksander Ceferin, rispettivamente i presidenti di Juventus e Uefa, che hanno parlato del futuro e delle novità di uno tra gli sport più seguiti al mondo.”L’obiettivo“dichiara il massimo rappresentante dell’Uefa, “è modernizzare un calcio che sta cambiando. L’introduzione di una terza coppa va verso le volontà dei club e che segna il loro prestigio: ne parleremo a dicembre. Ma in generale dovremo semplificare molti aspetti del calcio, e Agnelli lo sa bene. Se non svilupperemo il sistema, ampliandolo ai più piccoli Paesi, il calcio andrà morendo“.

La replica di Agnelli non si è fatta attendere, ed è sembrata molto distante dall’idea spiegata da Ceferin:

" Stiamo valutando il calcio del futuro. Le modifiche della Champions per ora sono state minime, mentre noi puntiamo a una maggiore inclusività. Il caso dell’Atalanta è evidente: non interessano le qualificazioni, ma, almeno in Italia, piace il gioco vero. In qualità di presidente dell’ECA (Associazione dei Club Europei) posso dire che siamo in sintonia con l’Uefa e loro con noi. Ma il 2024 sarà la carta bianca: scadrà il calendario internazionale, e si potrà costruire qualcosa di nuovo. Abbiamo tornei che iniziano sfalsati, che si giocano in mesi diversi… Dobbiamo pensare a un nuovo bilanciamento delle coppe nazionali, di maggiore solidarietà verso i Paesi che ne hanno bisogno. È una sfida emozionante."

Il presidente Uefa, al momento, non pare essere propenso ad avvallare la nascita della Superlega:”Per me danneggerebbe alla lunga il calcio mondiale. Sarebbe noiosa, perché se pensiamo a Juve e Bayern che giocano ogni settimana, alla fine sarà più noioso che vedere, per dire, il derby Juventus-Torino. Per me è fuori questione, e finché sarò qui combatterò per non farla. Se la Lega è chiusa, possiamo dimenticarci dello sviluppo e della solidarietà“.

Quest’argomento con ogni probabilità verrà affrontato nel dettaglio nel futuro prossimo, con Agnelli che ribadisce:”Spesso in passato ho fatto riferimento ai modelli americani che funzionano. Scherzando ho spesso detto a Ceferin che se mai dovessimo fare la Superlega, la faremmo altrove. La mia volontà è trovare un modello che permetta sviluppo e crescita all’interno del sistema. Ma la cosa più importante deve restare vincere la massima competizione nazionale: è un dogma che non va cambiato“.

Antonio Alicastro

Video - Allegri: "Cristiano Ronaldo è sereno e ha fatto una grande partita"

01:31
0
0