Getty Images

Bologna, missione compiuta: il 3-3 con la Lazio vale la matematica salvezza

Bologna, missione compiuta: il 3-3 con la Lazio vale la matematica salvezza

Il 20/05/2019 alle 22:21Aggiornato Il 20/05/2019 alle 22:59

La squadra di Mihajlovic completa la rimonta, pareggiando all'Olimpico in un match pirotecnico e volando a +4 sul terzultimo posto a una giornata dal termine: a segno Correa, Bastos e Milinkovic-Savic per i biancocelesti, Poli, Destro e Orsolini per i rossoblù.

Calcoli ingarbugliatissimi, scontri diretti, classifiche avulse, radioline per capire cosa stiano combinando le avversarie. Da questa sera, il Bologna non dovrà preoccuparsi più di nulla. I rossoblù pareggiano per 3-3 sul campo della Lazio, dando vita a un posticipo pirotecnico ma, soprattutto, conquistando la matematica salvezza a 90 minuti dalla conclusione del campionato: il +4 sul Genoa terzultimo – e, se il torneo finisse oggi, retrocesso – parla da solo. I biancocelesti giocano una gara seria, nonostante la sbornia post trionfo in Coppa Italia: passano in vantaggio, trovano il 2-2 e infine il 3-3, sfiorando pure il colpaccio con Immobile a pochi minuti dalla fine. Insomma, niente di regalato. Ma a gioire è il Bologna. E al termine del match l'ex Mihajlovic può lasciarsi andare a un sorriso liberatorio: il capolavoro, la salvezza di una squadra presa nelle sabbie mobili e portata pian piano a rivedere la luce, è soprattutto merito suo.

La cronaca della partita

La gara inizia quasi subito col vantaggio della Lazio: dopo una mezza palla gol a testa, per Correa e Palacio, al 14' lo stesso Tucu riceve in area da Lucas Leiva e, dopo un gran controllo di tacco, non ha problemi a infilare Skorupski. Il Bologna prova a reagire, ma si rende pericoloso solo intorno alla mezz'ora: due volte Poli e Orsolini spaventano Guerrieri, senza riuscire mai a centrare la sua porta. Al 29' Immobile ha la palla del 2-0, ma spreca calciando debolmente: blocca Skorupski. E sempre l'ex granata, una decina di minuti più tardi, viene servito in area da Parolo e incrocia mancando di pochissimo il secondo palo. In sostanza: Lazio più vicina al raddoppio che il Bologna al pareggio.

Correa esulta dopo aver segnato in Lazio-Bologna

Correa esulta dopo aver segnato in Lazio-BolognaGetty Images

Tutto cambia nella ripresa, tanto che dal 50' al 52' il punteggio è addirittura ribaltato. Prima Poli segna di sinistro da posizione defilata, quindi Destro raddoppia a porta vuota su assist di Palacio: dall'1-0 all'1-2 in un amen. Finita? Nemmeno per sogno, perché pochi minuti dopo Bastos, con uno stupendo tiro a giro, sorprende Skorupski portando la gara sul 2-2. Altro giro, altro gol: angolo di Pulgar, mischia in area e Orsolini, con una girata improvvisa, batte nuovamente l'esordiente Guerrieri. Inzaghi inserisce Milinkovic-Savic e, a 10 dal termine, è proprio il serbo a trovare il 3-3 su punizione. Nel finale, l'ultimo brivido: Immobile ha la palla del 4-3, servito da Romulo, ma alza troppo da pochi passi. Finisce in parità, ma per il Bologna è una vittoria.

La statistica chiave

Riccardo Orsolini semplicemente rigenerato nella seconda parte del campionato: dei suoi 8 gol totali, l'ex gioiello dell'Ascoli ne ha messi a segno 6 dopo l'arrivo in panchina di Mihajlovic.

Il tweet

Anche il cantante Cesare Cremonini, tifoso del Bologna, esulta...

Il migliore in campo

Palacio. Ha un paio di occasioni per lasciare il segno, ma si perde sul più bello. Come assistman, invece, è fondamentale: decisivo, a inizio ripresa, nel mandare a segno Poli e Destro.

Il peggiore in campo

Immobile. Prova in tutti i modi a segnare, incitato dal proprio pubblico, ma è una stagione così. Nel finale manca da due passi anche la palla della vittoria.

La dichiarazione

Sinisa Mihajlovic: "Più il tempo passava e più ero convinto che eravamo sulla strada giusta. Da quando sono arrivato abbiamo fatto quasi un mezzo miracolo. I ragazzi sono stati bravissimi, devo ringraziarli. Prima sono uomini, poi ottimi calciatori".

Il tabellino

Lazio (3-5-2): Guerrieri; Bastos, Luiz Felipe (53' Armini), Acerbi; Romulo, Parolo, Badelj (67' Cataldi), Lucas Leiva (73' Milinkovic-Savic), Lulic; Correa, Immobile. All. Inzaghi

Bologna (4-2-3-1): Skorupski; Mbaye, Danilo, Lyanco, Dijks; Pulgar, Poli (80' Dzemaili); Orsolini, Soriano, Palacio (90' Krejci); Destro (71' Santander). All. Mihajlovic

Arbitro: Fabrizio Pasqua

Gol: 14' Correa (L), 50' Poli (B), 52' Destro (B), 59' Bastos (L), 63' Orsolini (B), 80' Milinkovic-Savic (L)

Ammoniti: Destro, Correa, Lucas Leiva

Note: -

Video - Inzaghi: "I ragazzi se lo meritano, abbiamo lavorato tanto"

01:56
0
0