Imago

De Rossi dice addio alla Roma: contro il Parma sarà la sua ultima partita in giallorosso

De Rossi dice addio alla Roma: contro il Parma sarà la sua ultima partita in giallorosso

Il 14/05/2019 alle 08:57Aggiornato Il 14/05/2019 alle 09:55

Il 35enne centrocampista, campione del mondo con la Nazionale a Germania 2006, chiude la sua lunghissima avventura nel club capitolino iniziata 18 anni fa. Lo annuncia ufficialmente la Roma, che commenta: "È la fine di un'era". Secondo quanto si apprende, tuttavia, il giocatore non si ritirerà dal calcio. In giallorosso De Rossi ha vinto 2 Coppe Italia e una Supercoppa italiana.

Daniele De Rossi dice addio alla Roma. A quasi 36 anni - li compirà il prossimo 24 luglio - il centrocampista chiude la sua avventura con la maglia giallorossa: domenica 26 maggio allo stadio Olimpico, disputerà la sua ultima partita con il club capitolino contro il Parma, in quella che sarà anche l'ultima giornata della Serie A 2018-19. Secondo quanto si apprende, tuttavia, De Rossi non si ritirerà dal calcio giocato. È stata la stessa Roma, con un post pubblicato sul proprio profilo Twitter, ad annunciare l'addio del capitano con queste parole: "Quasi 18 anni fa un giovanissimo Daniele De Rossi faceva il suo debutto con la Roma contro l'Anderlecht. Con il Parma, all'Olimpico, giocherà la sua ultima partita con la nostra maglia. Sarà la fine di un'era".

L'esordio con Capello nel 2001 e il suo primo gol in A nel 2003

Romano di nascita e cresciuto nelle giovanili giallorosse, De Rossi fa il suo debutto in prima squadra il 30 ottobre 2001, a 18 anni, durante la ripresa di Roma-Anderlecht nella fase a gironi di Champions League. Sulla panchina dei capitolini c'era Fabio Capello. Per l'esordio in Serie A, invece, bisogna attendere il 25 gennaio 2003 in Como-Roma 2-0. Decisamente più fortunata la prima gara da titolare in giallorosso, il 10 maggio dello stesso anno all'Olimpico contro il Torino: la Roma vince 3-1 e lui segna la sua prima rete da professionista.

Capitan Futuro e il titolo mondiale a Germania 2006

Ribattezzato presto Capitan Futuro per le sue doti di leader in campo, De Rossi vive alti e bassi durante la sua lunghissima esperienza romanista ma rimane fedele alla causa nonostante non manchino le squadre interessate a lui e le offerte. Diventa una colonna della Nazionale di Marcello Lippi e figura tra i titolari in Italia-Ghana 2-0, partita d'esordio degli azzurri ai Mondiali 2006: espulso contro gli Stati Uniti alla seconda giornata, salta di fatto l'intero Mondiale tornando a disposizione solo per la finalissima contro la Francia nella quale trasforma uno dei rigori della serie con un destro sotto l'incrocio dei pali. Il titolo mondiale rimarrà il punto più alto della sua carriera. Con la Roma mette invece in bacheca Con la Roma 2 Coppe Italia (nel 2006-07 e nel 2007-08) e una Supercoppa italiana nel 2007.

2010-2011 Serie A Roma Totti De Rossi

2010-2011 Serie A Roma Totti De RossiLaPresse

Roma-Parma, una partita dal profumo speciale

De Rossi dirà addio alla Roma e ai suoi tifosi domenica 19 maggio in Roma-Parma, una partita che nella storia del giocatore - e soprattutto del club - riveste un significato speciale. Proprio contro gli emiliani, il 17 marzo 2013, il centrocampista aveva tagliato il prestigioso traguardo delle 300 presenze in Serie A (al momento sono 458) e sempre contro gli emiliani, il 17 giugno 2001, i giallorossi conquistarono arimeticamente il loro terzo e ultimo scudetto vincendo 3-1 all'Olimpico. De Rossi avrebbe esordito in prima squadra pochi mesi dopo quella partita. Capitano a partire dalla stagione 20171-18 dopo il ritiro di Francesco Totti, De Rossi è stato protagonista quest'anno di una stagione fortemente condizionata dagli infortuni, ma ha trovato comunque il modo di lasciare il segno: la sua rete a Marassi contro la Sampdoria lo scorso 6 aprile ha consentito alla squadra di Ranieri di tornare in corsa per il quarto posto. Suo anche il rigore del momentaneo 1-1 a Oporto nel ritorno degli ottavi di finale di Champions League: una rete, però, che non bastò alla squadra all'epoca allenata da Eusebio Di Francesco per passare il turno.

Il rigore trasformato da De Rossi in Porto-Roma Champions League 2018-19

Il rigore trasformato da De Rossi in Porto-Roma Champions League 2018-19Getty Images

Le parole del presidente Pallotta

" Per 18 anni Daniele è stato il cuore pulsante della Roma. Ha sempre incarnato il tifoso romanista sul campo con orgoglio, affermandosi come uno dei migliori centrocampisti d'Europa, a partire dal suo debutto nel 2001 fino a quando ha assunto la responsabilità della fascia da capitano. Ci commuoveremo tutti quando, contro il Parma, indosserà per l'ultima volta la maglia giallorossa e rispettiamo la decisione di proseguire la sua carriera da calciatore, anche se, a quasi 36 anni, sarà lontano da Roma. A nome di tutta la Società voglio ringraziare Daniele per lo straordinario impegno profuso per il club. Le porte della Roma per lui rimarranno sempre aperte con un nuovo ruolo in qualsiasi momento deciderà di tornare"

Video - Ranieri: "Finito il campionato finisce il mio lavoro, la Roma è un bene inestimabile"

01:21