Getty Images

Falli di mano, il caos nasce dalla non conoscenza di un regolamento troppo "interpretabile"

Falli di mano, il caos nasce dalla non conoscenza di un regolamento troppo "interpretabile"

Il 09/04/2019 alle 14:44Aggiornato Il 09/04/2019 alle 16:53

I fatti di Juventus-Milan e Lazio-Sassuolo alimentano ulteriormente le polemiche di una stagione nata male e finita peggio a livello arbitrale: tutto nasce da un regolamento troppo spesso ignorato e che non aiuta, per come è stato formulato, chi deve decidere.

Video - De Zerbi: "Il rigore per la Lazio è grave, si è ribaltato il regolamento"

01:58

La non conoscenza delle regole

Il problema, però, è che troppe volte si sentono e si leggono commenti che nascono da una profonda ignoranza in materia regolamentare. E il guaio diventa ancor più serio quando sono gli addetti ai lavori - compresi i tecnici di Serie A che ricevono la visita degli arbitri in alcuni appuntamenti annuali al fine di avere delucidazioni sulle regole del gioco - a non conoscere dei principi che dovrebbero essere chiari. Il fallo di mano, nel regolamento, viene affrontato a pagina 90:

Regolamento gioco del calcio pagina 90

Sulla guida pratica della Regola 12 (falli e scorrettezze), al punto 1, c’è un altro passaggio chiave:

Regolamento gioco del calcio guida pratica

Le precisazioni troppo spesso ignorate

Tutto il resto, tutto ciò che sentite, sono termini usati a sproposito o meno per cercare di rendere questa regola comprensibile nella pratica. In realtà, per rendere il compito degli arbitri un po’ meno complicato c’era stato un incontro, svoltosi a Fiumicino il 23 marzo 2015, in cui il designatore dell’epoca, Domenico Messina, aveva fornito dei parametri per prendere le decisioni corrette sul campo.

Fallo di mano
Fallo di mano
Fallo di mano

Il regolamento non aiuta chi deve decidere

Video - Rizzoli: "Era rigore sia in Juve-Milan che in Lazio-Sassuolo. Stop per Fabbri? Gli errori servono"

02:49

Le novità per la prossima stagione

Sicuramente, però, lo stesso regolamento dovrebbe dare indicazioni più precise e vincolanti alle quali attenersi. A tal scopo, nella 133esima riunione dell’International Football Association Board (IFAB), svoltasi il 2 marzo ad Aberdeen (Scozia), sono state approvate delle nuove regole che incideranno sullo svolgimento delle partite di calcio. Per quanto concerne il fallo di mano, le novità in vista della prossima stagione sono due:

  • Fallo di mano. Il fallo di mano sarà codificato in questi casi: 1) Tocco volontario. 2) Posizione innaturale, anche se involontaria, quando il braccio è in linea con le spalle, o sopra le spalle o lontano dal corpo. A prescindere dalla distanza tra chi tira e chi colpisce di mano. Eccezione: se un giocatore colpisce la mano calciando lui stesso, non è fallo.
  • Fallo di mano e scivolata. Quando un giocatore va in scivolata e tocca la palla con mano o braccio: 1) Se tocca la palla con il braccio in appoggio, e questo è attaccato al corpo, non è fallo. 2) Se il braccio in appoggio è, però, lontano dal corpo è fallo. 3) Se tocca con l'altro braccio, e questo è lontano dal corpo, è fallo.

Questo è solo il primo passo, ma serve molto di più e soprattutto occorre conoscere lo sport nazional popolare per antonomasia e le sue regole.

Video - Spalletti: "Parlare di fallo di mano di D'Ambrosio è tossico"

02:03
0
0