Getty Images

Icardi e Lautaro Martinez, all'Inter è crisi di coppia: solo 2 gol su azione nel 2019

Icardi e Lautaro Martinez, all'Inter è crisi di coppia: solo 2 gol su azione nel 2019

Il 21/05/2019 alle 11:00Aggiornato Il 21/05/2019 alle 18:16

La pesante sconfitta di Napoli ha mandato in tilt i nerazzurri, che domenica prossima contro l'Empoli si giocheranno una stagione in 90 minuti da brividi. Colpa di un gioco che non è mai decollato e di un reparto offensivo che, complice anche la bufera Icardi scoppiata a metà febbraio, Spalletti non è riuscito a sfruttare al meglio delle sue potenzialità.

Spalletti e la gestione dei centravanti

Nel 2019 la coppia formata da Icardi e Martinez ha totalizzato la miseria di 10 gol, ma il dato diventa ancora più eclatante se si considerano le reti su azione. L'ex capitano è ancora fermo a zero, Lautaro è a quota 4: 2 gol in campionato (a Parma e a Cagliari) e altrettanti in Coppa Italia nel comodo 6-2 al Benevento a San Siro. Cifre allarmanti, di fronte alle quali non si sono sapute trovare adeguate contromisure. Con 55 gol all'attivo in campionato, i nerazzurri sono di gran lunga la squadra che ha segnato di meno tra le prime quattro in classifica: l'Atalanta ha realizzato finora 74 reti, il Napoli 72, la Juventus 70. Persino la Roma (64) ha fatto decisamente meglio dell'Inter. Spalletti raramente si è allontanato dal 4-2-3-1 e, nelle uniche due occasioni in cui ha schierato dall'inizio la coppia Lautaro-Icardi, ha rimediato altrettante sconfitte.

Mauro Icardi e Lautaro Martinez

Mauro Icardi e Lautaro MartinezGetty Images

I marcatori dell'Inter 2018-19

Giocatore Reti
Mauro ICARDI 17
Lautaro MARTINEZ 9
Ivan PERISIC 9
Radja NAINGGOLAN 6
Matteo POLITANO 6
Matias VECINO 5
Roberto GAGLIARDINI 5
KEITA 4
Antonio CANDREVA 3
Marcelo BROZOVIC 2
Danilo D'AMBROSIO 2
Stefan DE VRIJ 2
DALBERT 1
JOAO MARIO 1
Andrea RANOCCHIA 1

(dati relativi a tutte le competizioni)

I risultati dell'Inter con Icardi e Martinez titolari

Competizione Partita Risultato
Serie A (1a giornata) Sassuolo-Inter 1-0
Serie A (21a giornata) Torino-Inter 1-0

Lautaro promosso con riserva, Icardi bocciato

Quando si traccia il bilancio dell'annata di Martinez e Icardi, allo scopo di individuare le ragioni delle loro difficoltà realizzative, è opportuno fare una distinzione. Lautaro, 21enne alla sua prima stagione in Italia, con 9 gol segnati in 33 presenze in gare ufficiali (molte delle quali a partita in corso) non può essere affatto considerato una delusione. Anzi, ha segnato anche gol pesanti (al Napoli all'andata e nel derby di ritorno) mostrando personalità e indiscutibili doti tecniche. La stessa cosa non si può dire di Mauro Icardi: l'ex capitano sta vivendo una stagione da incubo e la sua gestione da parte della società non può certo definirsi impeccabile. Da febbraio in poi, il rapporto tra giocatore, società e tifosi si è deteriorato di settimana in settimana con risultati che sono sotto gli occhi di tutti: l'argentino non segna su azione dall'11 dicembre, quando firmò la rete dell'1-1 a San Siro in Champions League contro il PSV Eindhoven, rete peraltro che non bastò a evitare l'eliminazione.

Luciano Spalletti

Luciano SpallettiGetty Images

La finale contro l'Empoli

A 90 minuti dalla fine della stagione è ovviamente difficile, se non impossibile, correggere l'assetto tattico della squadra. Spalletti - salvo clamorosi ripensamenti che non sembrano essere nelle sue corde - andrà fino in fondo con le sue convinzioni e con le sue convinzioni tattiche. In fondo, la Champions è ancora a portata di mano: serve una vittoria a San Siro contro l'Empoli, una missione che non può certo definirsi impossibile nonostante la squadra toscana di Andreazzoli abbia a sua volta un disperato bisogno di punti per salvarsi. Prima di ragionare a bocce ferme e a mente sgombra su Lautaro, Icardi, sull'attacco che verrà e su come rinforzare la rosa, serve un ultimo sforzo per non buttare alle ortiche una stagione che si era aperta con ben altri auspici. Le finali non si giocano, si vincono: e, piaccia o no, quella con l'Empoli è una finale.

Video - Spalletti: "Non guardo indietro, io ho tentato di fare sempre il massimo"

01:00
0
0