Getty Images

Il Pagellone del mercato di gennaio: Milan e Fiorentina le regine, Roma e Juventus rimandate

Il Pagellone del mercato di gennaio: Milan e Fiorentina le regine, Roma e Juventus rimandate

Il 01/02/2019 alle 10:02

Piatek è l'acquisto a sensazione della Serie A: bravi i rossoneri a non farsi sorprendere dall'addio di Higuain. Pollice in su anche per la Fiorentina. La Juventus perde Benatia e non porta a casa un altro centrale, Inter intelligente con Cedric ma che succederà ora con Perisic, giallorossi completamente immobili.

Atalanta 6

  • Acquisti: Ibañez (d, Fluminense)
  • Cessioni: Valzania (c, Frosinone), E.Rigoni (c, Zenit), Bettella (d, Pescara), Tumminello (a, Lecce)

Se il gattopardiano "cambiare tutto perché non cambi nulla" è sempre d'attualità, può essere vero anche il contrario. L'Atalanta doveva fare pochissimo e pochissimo ha fatto. Anzi, quasi nulla. Un solo ingresso, teoricamente secondario, e una sola uscita, quella del deludente Rigoni. Del resto l'imperativo principale era quello di non toccare alcun ingranaggio della splendida macchina che si è presa il lusso di dare una lezione di calcio alla Juventus. Aver resistito senza esitare alle sirene arabe per il Papu Gomez, poi, è un altro motivo d'elogio.

Video - Bomber dell'Atalanta, incubo per la Juve, rimpianto per il Napoli: quanto vale Duvan Zapata?

01:04

Bologna 5

  • Acquisti: N.Sansone (a, Villarreal), R.Soriano (c, Torino), Edera (a, Torino), Lyanco (d, Torino)
  • Cessioni: De Maio (d, Udinese)

Considerate le premesse, tra una classifica da brividi e un ambiente in ebollizione, era lecito attendersi molto di più. Soprattutto perché la società aveva puntato in maniera concreta il mirino su elementi teoricamente preziosissimi per una lotta salvezza: Spinazzola, Tonelli, Kean, Laxalt e via dicendo. Ma Inzaghi prima e Mihajlovic poi si sono ritrovati in rosa "appena" Sansone, Soriano, Lyanco ed Edera. Buoni giocatori ma, forse, non sufficienti per centrare l'impresa. Toccherà al serbo preparare un piatto prelibato con ingredienti non eccelsi.

Cagliari 6,5

  • Acquisti: Birsa (c, Chievo), Deiola (c, Parma), Oliva (c, Nacional), Despodov (a, CSKA Sofia), Cacciatore (d, Chievo), Leverbe (d, Sampdoria), Luca Pellegrini (d, Roma), Thereau (a, Fiorentina)
  • Cessioni: Dessena (c, Brescia), Farias (a, Empoli), Pajac (c, Empoli), Andreolli (d, Chievo), Sau (a, Sampdoria)

Sufficienza ampiamente superata, come in estate. Proprio i sardi sono stati uno dei club più attivi nelle ultime ore, con il botto finale rappresentato dall'arrivo di Thereau e altre buone operazioni di contorno. E in precedenza era già arrivato Birsa, fedelissimo di Maran. Occhio a Luca Pellegrini, potenzialmente titolare sulla fascia sinistra. Attacco rinfrescato in maniera salutare con le partenze della bandiera Sau e di Farias: era il momento giusto per cambiare.

Chievo 5,5

  • Acquisti: Schelotto (c, Brighton), Dioussé (c, Saint Etienne), Andreolli (d, Cagliari), Piazon (c, Chelsea)
  • Cessioni: Birsa (c, Cagliari), Cacciatore (d, Cagliari), Radovanovic (c, Genoa), Obi (c, Alanyaspor)

Presentarsi al mercato con un ultimo posto in Serie A significa non esibire il biglietto da visita più attraente del mondo. Il Chievo ha provato a muovere le acque, ma l'ampia distanza dal quartultimo posto parla da sola: per pensare al miracolo sarebbe servito un intervento molto più corposo, evidentemente difficile da attuare. I veronesi hanno trattenuto Stepinski, oggetto del desiderio di mezza Serie A, ma davanti dovranno affidarsi ancora alla bandiera Pellissier. Piazon è una scommessa mai vinta, Dioussé un buon cavallo di ritorno del nostro campionato. Basterà almeno per tenere acceso il sogno della rimonta?

Lucas Piazon, Chelsea (PA)

Lucas Piazon, Chelsea (PA)Eurosport

Empoli 5,5

  • Acquisti: Dragowski (p, Fiorentina), Farias (a, Cagliari), Pajac (c, Cagliari), Diks (d, Fiorentina), Oberlin (a, Basilea), Dell'Orco (d, Sassuolo)
  • Cessioni: Lollo (c, Padova), Jakupovic (a, Sturm Graz), Terracciano (p, Fiorentina), Untersee (d, Zurigo), Mraz (a, Crotone), Marcjanik (d, Carpi), Zajc (c, Fenerbahçe)

Non si può non partire dalla dolorosa cessione al Fenerbahçe di Miha Zajc, uno degli uomini copertina: un affare che permette all'Empoli di incassare 6 milioni e mezzo e tenersi l'intero cartellino di Salih Uçan, ma che al contempo indebolisce ulteriormente una rosa non di qualità eccelsa. Al contempo i toscani hanno sistemato l'attacco affiancando Farias a Caputo e portando in Italia lo svizzero Oberlin, uno che un anno fa sfidava il Manchester City negli ottavi di finale di Champions League. Non male. Fa specie però notare come in rosa ci siano ora tre terzini sinistri: perché?

Fiorentina 7

  • Acquisti: Muriel (a, Siviglia), Terracciano (p, Empoli)
  • Cessioni: Dragowski (p, Empoli), Sottil (a, Pescara), Maxi Oliveira (d, Olimpia Asuncion), Diakhaté (c, Parma), Eysseric (a, Nantes), Diks (d, Empoli)

Il colpo Muriel si colloca di diritto tra i migliori del mese, dietro solo a Piatek. E l'impatto devastante dell'ex attaccante di Udinese e Sampdoria, subito a proprio agio sia in campionato che in Coppa Italia, lo dimostra. Con lui Pioli si assicura una lussuosa doppia opzione offensiva: esterno in un tridente esplosivo con Simeone e Chiesa oppure centravanti al posto del Cholito. In estate arriveranno invece Traoré e Rasmussen, due delle rivelazioni della prima parte di campionato, oltre al polacco Zurkowski, che piaceva anche alla Juventus. Niente male.

Chievo-Fiorentina - 2019 - Gol di Muriel

Chievo-Fiorentina - 2019 - Gol di MurielLaPresse

Frosinone 5,5

  • Acquisti: Valzania (c, Atalanta), Viviani (c, SPAL), Simic (d, Milan), Trotta (a, Sassuolo)
  • Cessioni: Soddimo (c, Cremonese), Hallfredsson (c, svincolato), Crisetig (c, Benevento), Besea (a, Venezia), Ardaiz (a, Chiasso), Perica (a, Kasimpasa), Campbell (a, Leon)

Il livello era piuttosto basso e tale rimane dopo la chiusura del mercato. Il Frosinone ha puntato su elementi ancora giovani, lasciando da parte l'esperienza, ma la rosa non sembra essere particolarmente migliorata rispetto alla prima parte della stagione. L'unico innesto potenzialmente in grado di inserirsi rapidamente nell'undici titolare è il metronomo Viviani. Sebbene la situazione di classifica sia migliore, il mercato dei ciociari ricorda un po' quello del Chievo.

Genoa 6,5

  • Acquisti: Jandrei (p, Chapecoense), G. Pezzella (d, Udinese), Sturaro (c, Sporting Lisbona), Sanabria (a, Betis Siviglia), Schafer (c, MTK Budapest), Lerager (c, Bordeaux), Radovanovic (c, Chievo)
  • Cessioni: Spolli (d, Crotone), Piatek (a, Milan), Omeonga (c, Hibernian), Lisandro Lopez (d, Boca Juniors), Romulo (c, Lazio), Sandro (c, Udinese)

Sufficienza piena pur avendo perso l'ex capocannoniere del campionato, il micidiale Piatek? Sì, perché 35 milioni per un attaccante pagato appena 4 un'estate fa non si possono rifiutare. E il Genoa li ha ben reinvestiti puntando sull'ex giallorosso Sanabria, presentatosi con un gol all'esordio. Centrocampo rivoluzionato, con la partenza dei poco convincenti Romulo e Sandro e il ritorno del figliol prodigo Sturaro, oltre a Radovanovic. Il solito porto di mare di ogni sessione di calciomercato, ma ancora una volta potrebbe funzionare per un finale di campionato tranquillo.

Antonio Sanabria

Antonio SanabriaLaPresse

Inter 6

  • Acquisti: Cedric (d, Southampton)
  • Cessioni: -

Sonnecchiante per tre settimane, il mercato nerazzurro si è svegliato di botto negli ultimi giorni. Ottimo l'acquisto di Cedric, soluzione d'emergenza solo fino a un certo punto (si parla di un campione d'Europa in carica...) per sopperire ai continui guai fisici di Vrsaljko. È rimasta l'unica operazione, com'era del resto prevedibile, anche perché il malcontento di Perisic e il tentativo dell'Arsenal si sono risolti nella classica bolla di sapone. Troppo complicato orchestrare una cessione così pesante, col rischio di non avere a disposizione dal mercato un sostituto all'altezza, in così poche ore e a metà stagione. Avanti col croato: il male minore a patto che però Spalletti e la società riescano a gestire i malumori del croato.

Video - Marotta: "Perisic? Non va via nessuno, non arriva nessuno. È un mercato ridotto per l'Inter"

00:14

Juventus 5,5

  • Acquisti: Caceres (d, Lazio)
  • Cessioni: Benatia (d, Al Duhail)

Premessa: ha lo scudetto in tasca per l'ottavo anno consecutivo, e dunque il giudizio è legato più che altro al cammino in Champions League. Quanto alle operazioni di mercato, come l'Inter anche la Juventus avrebbe preferito rimanere a guardare fino all'ultimo. Poi è stata costretta a disfarsi dello scontento Benatia e, per sostituirlo, si è ripresa la vecchia conoscenza Caceres, con tutti i punti interrogativi del caso. Il problema risiede proprio lì, in difesa, dove gli infortuni rischiano di rovinare ogni piano. E la dirigenza ne è conscia, tanto da aver provato a battere qualche pista secondaria (Bruno Alves su tutte) nelle ultime ore di mercato. Inutilmente, però.

Benatia esulta dopo un gol con la Juventus

Benatia esulta dopo un gol con la JuventusGetty Images

Lazio 6

  • Acquisti: Romulo (c, Genoa)
  • Cessioni: A.Rossi (a, Venezia), Caceres (d, Juventus), Murgia (c, Spal)

Mercato senza infamia né lode. Difficile migliorare la rosa di Inzaghi con un innesto "pesante", di quelli che solitamente si operano in estate. E così i biancocelesti dopo aver trattato Zappacosta, hanno puntato sull'esperienza e sulla polivalenza di Romulo, utile in più zone del campo. Via Caceres, di troppo in difesa. Mentre sono rimasti sul groppone alcuni esuberi come Lukaku e soprattutto Basta: a meno di partenze per destinazioni esotiche, dove il mercato è ancora aperto, entrambi rimarranno ai margini della rosa fino a fine stagione.

Romulo - Genoa 2018

Romulo - Genoa 2018LaPresse

Milan 7,5

  • Acquisti: Paquetá (c, Flamengo), Piatek (a, Genoa)
  • Cessioni: Higuain (a, Chelsea), Simic (d, Frosinone)

La fulminea doppietta al Napoli ha già fugato qualsiasi dubbio: Krzysztof Piatek è davvero l'uomo giusto per non far rimpiangere Gonzalo Higuain, talmente insoddisfatto da costringere il Milan a fare a meno di lui già a gennaio. Un capolavoro di prontezza, di reattività, di capacità di adattarsi alle situazioni. Non è da meno l'operazione Paquetá, elemento tanto costoso quanto bravo a inserirsi immediatamente nei meccanismi del calcio italiano. Resta solo l'amaro in bocca per il mancato arrivo di un esterno offensivo, altra priorità di Leonardo. Ma c'è chi sta peggio.

Video - Milan, Piatek sceglie la 19 ed evita la 9: la maglia maledetta resta un tabù dal dopo Inzaghi

01:02

Napoli 6

  • Acquisti: -
  • Cessioni: Rog (c, Siviglia)

Zero acquisti e un "acquisto ritrovato", posto tra virgolette: Allan. L'uomo indispensabile del centrocampo azzurro, a cui il PSG ha fatto una corte spietata senza riuscire a venire a capo della resistenza azzurra. Libero da qualsiasi altro pensiero di mercato, De Laurentiis ha saputo dire di no a una proposta da far tremare i polsi sia a lui che al giocatore stesso: toccherà ai posteri stabilire se avrà avuto o meno ragione. Ma intanto, il segnale è chiaro: il Napoli ha iniziato a pensare in grande.

Allan con la maglia del Napoli

Allan con la maglia del NapoliGetty Images

Parma 6

  • Acquisti: Kucka (c, Trabzonspor), Diakhaté (c, Fiorentina), Schiappacasse (a, Atletico Madrid), Brazão (Inter)
  • Cessioni: A. Da Cruz (a, Spezia), Deiola (c, Cagliari), Di Gaudio (a, Verona), Ciciretti (a, Ascoli), Calaiò (a, Salernitana), Munari (c, Verona), Baraye (c, Padova)
Bruno Alves

Bruno AlvesLaPresse

Roma 5

  • Acquisti: -
  • Cessioni: Luca Pellegrini (d, Cagliari)

La valanghe di gol subiti in campionato (tra le prime 10 solo l'Atalanta ha un rendimento peggiore) e soprattutto in Coppa Italia hanno messo a nudo, una volta per tutte, le carenze difensive della rosa allestita da Monchi e allenata da Di Francesco. Eppure dal mercato non è arrivato un rinforzo che possa dare il cambio al tremolante Fazio oppure a Manolas. Il ds spagnolo ci ha pensato troppo tardi, a disastro compiuto, imbastendo senza successo una trattativa per il vice campione del Mondo Vida. Un flop che rischia di costare caro.

Sampdoria 6,5

  • Acquisti: Gabbiadini (a, Southampton), Sau (a, Cagliari)
  • Cessioni: Leverbe (d, Cagliari); Kownacki (Fortuna Düsseldorf), Regini (d, SPAL)

Il colpo da novanta è il ritorno di Manolo Gabbiadini, che a Genova aveva già lasciato splendidi ricordi: il trio d'attacco con Defrel e l'eterno Quagliarella, alternabili a piacimento, è di prim'ordine. Sottovalutata, ma da non disprezzare, anche la permanenza di Tonelli. Così come quella di tutti gli altri pezzi pregiati della rosa di Giampaolo. L'Europa League è tutt'altro che un sogno.

Sassuolo 5,5

  • Acquisti: Scamacca (a, Zwolle), Demiral (d, Alanyaspor)
  • Cessioni: Boateng (a, Barcellona), Trotta (a, Frosinone), Dell'Orco (d, Empoli)

Inevitabile centrare ogni giudizio sulla cessione, così inattesa e in fondo così strana, di Kevin-Prince Boateng al Barcellona. Il Sassuolo non ha preso un sostituto che possa prendere sin da subito il posto lasciato libero dal ghanese, e questo, alla lunga, potrebbe rivelarsi un problema. Ma forse è giusto così: il tonico Babacar ammirato contro il Cagliari ha dimostrato di volersi prendere un posto al sole. Curiosità per il ritorno di Scamacca e per l'arrivo del giovane Demirel, in sinergia con la Juventus.

Kevin Prince Boateng, nuevo jugador del FC Barcelona (Foto: Twitter @FCBarcelona_es)

Kevin Prince Boateng, nuevo jugador del FC Barcelona (Foto: Twitter @FCBarcelona_es)Eurosport

SPAL 6,5

  • Acquisti: Viviano (p, Sporting Lisbona), Murgia (c, Lazio), Fulignati (p, Ascoli), Regini (d, Sampdoria)
  • Cessioni: Everton Luiz (c, Real Salt Lake), Thiam (p, Viterbese), M. Vitale (c, Carpi), Djourou (d, svincolato), Moncini (a, Cittadella), Viviani (c, Frosinone), V. Milinkovic-Savic (p, Ascoli)

Che la SPAL si ritrovasse già una rosa pienamente in grado di lottare per la salvezza è dimostrato dalla classifica. Un elenco a cui si sono aggiunti due elementi di provata esperienza come Viviano e Regini, utilissimi per i momenti più duri da qui al termine della stagione. Gli altri reparti, nonostante il tourbillon di voci delle scorse settimane, sono rimasti praticamente inalterati, escludendo un paio di cessioni che non mutano il quadro generale. Per il secondo anno consecutivo, la SPAL si presenta alla seconda metà del campionato con tutte le carte in regola.

Torino 5

  • Acquisti: -
  • Cessioni: R.Soriano (c, Bologna)

Mezza delusione. Chi si aspettava qualche ritocco, specialmente in mezzo al campo, ha dovuto fare i conti con la realtà di un addio (Soriano al Bologna) e zero acquisti. La società ha consapevolmente scelto di non intervenire, lasciando inalterato il materiale umano a disposizione di Mazzarri. Un "non mercato" che costringerà il tecnico toscano a inseguire il sogno europeo con gli stessi uomini di inizio stagione. Missione possibile, ma allo stato attuale delle cose molto complicata.

Luciano Spalletti e Walter Mazzarri

Luciano Spalletti e Walter MazzarriGetty Images

Udinese 5,5

  • Acquisti: Okaka (a, Watford), Zeegelaar (d, Watford), De Maio (d, Bologna), Wilmot (d, Watford), Sandro (c, Genoa)
  • Cessioni: Vizeu (a, Gremio), Scuffet (p, Kasimpasa), G.Pezzella (d, Genoa), Coulibaly (c, Carpi), Balic (c, Fortuna Sittard), Machis (a, Cadice)

Video - Da Barzagli a Stankovic passando per Balotelli: i 10 migliori acquisti del mercato di gennaio

01:48
0
0