Getty Images

Juventus-Inter, la sfida Cristiano Ronaldo-Icardi: i numeri dei due goleador più attesi

Juventus-Inter, la sfida Cristiano Ronaldo-Icardi: i numeri dei due goleador più attesi

Il 06/12/2018 alle 10:04Aggiornato Il 06/12/2018 alle 10:06

Dal nostro partner Agenti Anonimi

" Ho giocato altre volte questa partita, ma questa è la più importante da quando sono qui. Lo è per me, lo è per tutta l’Inter. Non vedo l’ora di affrontare Cristiano, sarà un piacere averlo davanti. Ma in fondo non è un problema mio: ci penseranno de Vrij e Skriniar."

Questa breve ma significativa dichiarazione l’ha rilasciata nelle scorse ore Mauro Icardi, capitano e capocannoniere dell’Inter, in occasione della premiazione ricevuta a “Gazzetta Sports Awards”. Domani sera andrà infatti in scena Juventus-Inter, ossia il derby d’Italia. Tanti, e forse troppi, sono le storie e gli aneddoti collegati a questa sfida. Per raccontarli tutti servirebbero fiumi d’inchiostro. Per la squadra di Allegri il match dello Stadium potrebbe rivelarsi un’occasione per allungare ulteriormente sul Napoli, secondo a -8 dalla vetta e vittorioso lunedì sera in casa dell’Atalanta, mentre i nerazzurri cercano riscatto dopo gli ultimi risultati non del tutto convincenti.

A livello individuale, sarà altresì il primo vero confronto tra Cristiano Ronaldo e Mauro Icardi dopo quel Real-Inter di luglio 2015, valido per l’Inernational Champions Cup e terminato 3-0 in favore dei “blancos”. E’ bene premettere che, vista la pressoché totale diversità tecnico-tattica dei due giocatori, non ha alcun senso stabilire chi dei due sia, in assoluto, il migliore. Non va poi nemmeno dimenticato che CR7 è nato nel 1985, ben otto anni prima di Icardi, e alle spalle ha una carriera del tutto differente da quella del bomber nerazzurro, alla sesta stagione a Milano. Tuttavia, un confronto tra le rispettive statistiche stagionali potrebbe risultare interessante.

Video - Allegri: "Ronaldo meritava il Pallone d'Oro, lo vincerà l'anno prossimo con la Juventus"

02:08
Cristiano Ronaldo Icardi
Gol e presenze in Serie A nel 2018-2019 10 (14) 8 (11)
Gol e presenze in Champions League nel 2018-19 1 (4) 3 (5)
Assist totali 7 2
Media gol minuti giocati in Serie A nel 2018-19 1 ogni 125' 1 ogni 107'
Media gol minuti giocati in Champions nel 2018-19 1 ogni 299' 1 ogni 150'
Media gol totali 1 ogni 141' 1 ogni 119'
Percentuale realizzativa in Serie A 10% 27%
Punti guadagnati coi loro gol in Serie A 24 punti (su 40 totali) 13 punti (su 29 totali)
Punti guadagnati coi loro gol in Champions 0 punti (su 12 totali) 7 punti (su 7 totali)

* Dati aggiornati al 6/12/2018

Ronaldo, con ogni probabilità il giocatore più forte del globo, è approdato a Torino a metà luglio per più di 100 milioni e dopo nove annate al Real Madrid. Se nelle prime tre giornate di campionato è rimasto a secco, dal match casalingo contro il Sassuolo alla gara di sabato scorso a Firenze la stella portoghese ha realizzato ben 10 gol, diversi dei quali decisivi, come quello al Genoa e la doppietta personale a Empoli, che aveva cosentito ai bianconeri di ribaltare lo svantaggio iniziale. A tali dati è doveroso aggiungere la spettacolare marcatura firmata allo Stadium al suo ex Manchester United, nonostante i “Red devils” siano poi riusciti a imporsi per 2-1 nei minuti finali. Tra Serie A e Champions League, il campione di Madeira ha collezionato 1.549 minuti di gioco. Per Allegri, ma così come lo sarebbe per qualsiasi altro allenatore, è insostituibile e imprescindibile.

Per quanto riguarda il centravanti argentino, invece, in campionato Icardi si è sbloccato solo alla 6^ giornata, segnando su rigore alla Fiorentina. Da quella sera ad oggi, in Serie A l’ex Barcellona e Sampdoria ha gonfiato la rete altre 7 volte. Il gol più importante è stato certamente quello dello scorso 21 ottobre, quando con colpo di testa al 91′ ha regalato ai nerazzurri la vittoria nel derby contro il Milan. A queste vanno aggiunte le altre 3 marcature nel girone di Champions, in attesa dell’ultima (e decisiva) partita che vedrà l’Inter affrontare il PSV Eindhoven. Diversamente da Ronaldo, Icardi ha totalizzato 1.309 minuti. In campionato ha infatti saltato per infortunio il match di Bologna al 3^ turno, mentre contro il Cagliari e il Genoa è rimasto in panchina per lasciare spazio al connazionale Lautaro Martinez.

Icardi esultanza Inter-Juventus

Icardi esultanza Inter-JuventusLaPresse

Da quanto analizzato finora, l’unico dato che accomuna i due giocatori è il numero di reti stagionali realizzate finora, 11. Icardi, però, vanta una media-gol migliore rispetto al collega lusitano: un gol ogni 119 minuti per l’argentino, uno ogni 141 per Ronaldo. Inoltre, anche se l’attaccante interista tira meno spesso del bianconero (3 volte a partita rispetto alle 7 dello juventino), questi ha una migliore percentuale di conclusioni nello specchio della porta (56% contro il 54% di CR7).

Dal canto suo, Ronaldo supera “Maurito” per quanto riguarda sia gli assist – 7, tra cui i tre nel big match contro il Napoli e il passaggio decisivo a Mandzukic in Champions nell’ultima gara col Valencia, contro i 2 di Icardi – che i passaggi riusciti: 86% contro 72%. Allo stesso modo, il campione della Juve ha creato 20 occasioni, il doppio di quelle dell’attaccante dell’Inter. Questi sono al momento i numeri dei due bomber che affilano le armi in vista del derby d'Italia che potrebbe chiudere o riaprire le sorti del camp

Video - Juventus-Inter, amici mai: l'eterna rivalità della storica sfida del calcio italiano

01:39
0
0