Getty Images

Juventus, uno squadrone da record. Ma senza Pjanic e Ronaldo ad Allegri manca qualcosa

Juventus, uno squadrone da record. Ma senza Pjanic e Ronaldo ad Allegri manca qualcosa

Il 27/12/2018 alle 13:58

Imbattuta in trasferta in tutto il 2018; 50 punti su 54 disponibili in questa stagione. La Juventus di Allegri viaggia super spedita, ma le piccole ombre stanno nei dettagli. A Bergamo, contro l'Atalanta, le assenze di Pjanic e Ronaldo hanno evidenziato qualche problema di costruzione nel gioco e in fase offensiva. E questo nonostante la rosa più ampia della Serie A. Per ora dettagli, ma...

La premessa è doverosa: si può muovere una critica a una squadra in grado di terminare il 2018 in trasferta imbattuta; o di conquistare 50 punti disponibili su 54 in questa nuova stagione? La risposta, probabilmente, è un sonoro ‘no’.

Sottolineare però sfumature, dettagli, interessanti questioni dietro le più chiare evidenze dei numeri, resta nel lavoro di ogni buon cronista. Ed ecco dunque che dalla prova di Bergamo della Juventus di Massimiliano Allegri, emergono un paio di questioni, in questo particolare momento, piuttosto interessanti in casa bianconera.

In una rosa degna di poter schierare due squadre – (la “seconda” Juve, sulla carta, sarebbe in questo campionato a lottare per un posto in Europa) – ci sono alcuni elementi di cui nonostante tutto, a oggi, Massimiliano Allegri non può fare a meno: Giorgio Chiellini, Miralem Pjanic, Cristiano Ronaldo.

Uno per reparto. Ma se di Chiellini e di quella che fin qui è la sua miglior stagione della carriera nel rapporto tra rendimento e condizione psicofisica, si è parlato su più fronti, meno attenzione è forse stata posta sulle questioni Pjanic e Ronaldo. Argomenti che la prova di Bergamo ha evidenziato con brutale chiarezza.

Sami Khedira al ritorno da titolare in Atalanta Juventus. Al suo fianco anche Mandzukic e Chiellini in campo per il riscaldamento

Sami Khedira al ritorno da titolare in Atalanta Juventus. Al suo fianco anche Mandzukic e Chiellini in campo per il riscaldamentoGetty Images

Nella mediana juventina infatti, la lungodegenza di Khedira e i problemi di Emre Can, non hanno consentito fin qui ad Allegri troppi esperimenti. Il primo tentativo, di fatto, è arrivato ieri pomeriggio e ha avuto esito piuttosto negativo. Il tecnico della Juventus ha optato per un turno di riposo a Pjanic, ma con un Khedira con meno di 20 minuti nelle gambe in campionato da metà settembre a ieri pomeriggio; e con un Emre Can ancora un po’ arrugginito al suo fianco, l’intero reparto è andato palesemente in difficoltà sulle pressioni e sull’organizzazione dell’Atalanta. A farne le spese anche Bentancur, ingenuo nelle due ammonizioni (soprattutto la seconda), ma per tutto il pomeriggio in difficoltà nel ruolo di ‘5’ che avrebbe dovuto dettare i ritmi e leggere i passaggi. E così, per una volta, anche la Juventus è sembrata una squadra decisamente più normale del solito.

Solo l’ingresso di Pjanic – arrivato per altro in inferiorità numerica – ha levato i bianconeri dalla confusione fin lì vista in mezzo al campo. Una pedina a cui – in questo tipo di schieramento, ovvero con le 3 punte davanti – Allegri per ora non ha reale alternativa. Almeno fino a quando Can non avrà ritrovato completamente il ritmo partita, e insieme a lui Khedira lo smalto e la condizione migliore.

Cristiano Ronaldo prende il posto di Sami Khedira a Bergamo durante Atalanta-Juventus, partita poi terminata 2-2

Cristiano Ronaldo prende il posto di Sami Khedira a Bergamo durante Atalanta-Juventus, partita poi terminata 2-2Getty Images

Non scappa da questo discorso nemmeno Cristiano Ronaldo. Da sempre sostenitore della filosofia del “talento” sopra a quella degli “schemi e tattica”, la manovra offensiva dei bianconeri si basa su principi assai semplici. Un pallone che deve finire sui piedi dei più forti, poi sostanzialmente liberi tutti: per creare, per inventare, per scambiare ruoli e posizioni sul fronte offensivo. Il segreto che ha fin qui riscoperto le doti di finalizzatore di Mario Mandzukic, ad esempio, è stata la capacità di rispostarsi al centro quando Ronaldo si allarga a cercare spazio. E attorno la presenza in campo di CR7 si sono circondate le velleità offensive dei bianconeri.

Senza Ronaldo, ieri, è parso mancare un ingranaggio chiave di questa ‘nuova Juve’. E questo nonostante “l’alternativa” al portoghese fosse un nome decisivo del finale della scorsa stagione come Douglas Costa. Solo a ingresso in campo di Cristiano – unito appunto a quello di Pjanic – la Juventus ha ritrovato i suoi reali equilibri offensivi, riuscendo a innescare quei meccanismi che anche in inferiorità numerica alla fine hanno permesso alla Juve di riaffacciarsi seriamente dalle parti di Berisha. E guarda caso, poi, di trovare il gol.

Miralem Pjanic e Cristiano Ronaldo in un abbraccio in campo durante un match della Juventus

Miralem Pjanic e Cristiano Ronaldo in un abbraccio in campo durante un match della JuventusGetty Images

Ciò che ne si evince dunque, per ora, è che dalla profondità della rosa e dalle potenziali molteplici soluzioni tattiche disponibili, la qualità del palleggio di Allegri e la sua pericolosità offensiva dipendano in fondo dalla presenza del regista titolare e della sua principale stella. Un uovo di Colombo, potrà obiettare qualcuno. Ma anche un aspetto da non sottovalutare sul prosieguo della stagione. Con il rientro delle varie opzioni a centrocampo – reparto più tartassato in casa bianconera in questi primi 4 mesi – Allegri avrà certamente tempo di lavorare anche a questo. Nel frattempo, però, restano Juventus a due velocità. Una sfumatura in fondo interessante per una squadra dal così ampio talento complessivo e le molteplici potenziali opzioni.

Video - Allegri: "Io degli arbitri non mi lamento mai, ma se l'eleganza non ce l'hai non puoi comprarla"

02:01
0
0