Getty Images

L'Inter espugna Frosinone e consolida il terzo posto: 3-1 allo Stirpe

L'Inter espugna Frosinone e consolida il terzo posto: 3-1 allo Stirpe

Il 14/04/2019 alle 22:23Aggiornato Il 15/04/2019 alle 12:04

I nerazzurri vanno in doppio vantaggio nel primo tempo grazie a Nainggolan e a un rigore di Perisic, subiscono l'1-2 di Cassata nella ripresa ma nel finale chiudono i conti con Vecino. I punti di vantaggio sul quinto posto della Roma sono nuovamente 6.

Balbettante in casa e dirompente fuori, come indicano i risultati più recenti, l'Inter torna a imporsi lontano da San Siro. I nerazzurri espugnano lo Stirpe, traducendo nel risultato la differenza abissale di valore con il Frosinone, ma soffrendo più del previsto nella ripresa dopo un primo tempo quasi perfetto. Finisce 3-1 per gli uomini di Spalletti, che tornano a vincere dopo il pareggio interno contro l'Atalanta, spegnendo le già flebili speranze di un avversario reduce da due sussulti consecutivi. Un successo vitale per la classifica, perché l'Inter risponde nel migliore dei modi alle vittorie ottenute ieri da Roma e Milan, consolidando il terzo posto e riportando a 6 le lunghezze di vantaggio sui giallorossi quinti. Quanto al Frosinone, che si era illuso superando gagliardamente prima il Parma e poi la Fiorentina, è un brusco ritorno alla realtà. Dopo il Chievo, già retrocesso matematicamente, la Serie B è ormai dietro l'angolo anche per i ciociari.

La cronaca della partita

Poco o nulla per quasi 20 minuti e poi, improvviso, ecco il vantaggio dell'Inter: i nerazzurri ripartono da Handanovic e di passaggio in passaggio arrivano a D'Ambrosio, il cui cross trova lo stacco vincente di Nainggolan. Il Frosinone ha subito la palla del pareggio con Paganini, il cui colpo di testa ravvicinato sfiora la traversa. Ma è sempre l'Inter a fare la partita. E a 10 minuti dal termine del primo tempo Chibsah affossa Skriniar in area sugli sviluppi di un corner: Massa indica il dischetto e Perisic, di sinistro, non si fa pregare, spiazzando Sportiello e firmando lo 0-2. Prima dell'intervallo Politano ha anche la palla del tris: l'ex Sassuolo vola verso la porta, ma Sportiello devia miracolosamente in angolo.

Perisic e Icardi durante Frosinone-Inter

Perisic e Icardi durante Frosinone-InterGetty Images

Nella ripresa l'Inter giochicchia, senza affondare il colpo quando ne avrebbe la possibilità, e così il Frosinone si rianima in maniera imprevedibile: al quarto d'ora i nerazzurri non liberano e Cassata dal limite trova Handanovic impreparato, timbrando l'1-2. Baroni inserisce la terza punta, Ciano, e i ciociari credono nella possibilità del pareggio: Ariaudo è solo ma passa la palla Handanovic, graziato poco dopo dallo stesso Ciano su punizione. Dalla parte opposta è invece Icardi a divorarsi per due volte la palla dell'1-3. Ma la rete della sicurezza è solo rinviata: al 93' proprio Icardi al culmine di un contropiede tocca in area per Vecino, il cui sinistro davanti a Sportiello è vincente.

La statistica chiave

Inter implacabile dal dischetto: i nerazzurri hanno avuto a disposizione 7 calci di rigore e li hanno realizzati tutti e 7. Nessuno ha fatto meglio in questo campionato.

Il tweet

Il migliore in campo

D'Ambrosio. Bellissimo il duello diretto con il propositivo Beghetto. Risponde da par suo e, quando si sgancia, dimostra di essere in serata col gran cross che manda a segno Nainggolan.

Il peggiore in campo

Chibsah. Regia legnosa, copertura difficoltosa per una buona fetta di partita. Affossa Skriniar in area, inducendo Massa a concedere il calcio di rigore all'Inter.

La dichiarazione

Radja Nainggolan: "Se mi sento in debito con l'Inter? Io ho sempre cercato di dare il massimo, ma purtroppo ho avuto qualche infortunio che mi ha impedito di dare il meglio. La cosa importante è provare sempre a dare il 100%".

Il tabellino

Frosinone (3-5-2): Sportiello; Goldaniga, Ariaudo, Capuano; Paganini, Cassata (63' Ciano), Chibsah, Valzania (82' Maiello), Beghetto; Pinamonti (88' Dionisi), Ciofani. All. Baroni

Inter (4-2-3-1): Handanovic; D'Ambrosio, de Vrij, Skriniar, Asamoah; Vecino, Borja Valero (74' Gagliardini); Politano (89' João Mario), Nainggolan, Perisic (70' Keita); Icardi. All. Spalletti

Arbitro: Davide Massa di Imperia

Gol: 19' Nainggolan, 37' rig. Perisic (I), 61' Cassata (F), 93' Vecino (I)

Ammoniti: Paganini, Chibsah, Vecino, Ciano

Note: -

Video - Spalletti al giornalista: "Il futuro dell'Inter? Non abbia paura, prenda coraggio"

01:20
0
0